Mostre Genova Accademia Ligustica di Belle Arti Martedì 26 novembre 2013

Giuseppe Pericu è il nuovo presidente dell'Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova

Giuseppe Pericu

Genova - È Giuseppe Pericu il nuovo presidente dell'Accademia Ligustica di Belle Arti. Pericu, che è stato sindaco di Genova per un decennio, dal 1997 al 2007 entra in carica dopo l'artista Raimondo Sirotti, in Accademia dal 1968, prima come docente, poi come direttore e dal 2008 come presidente.

La nomina, decisa nella giornata di lunedì 25 novembre dall'Assemblea degli accademici promotori, si inscrive nella tradizione di presidenze di prestigio che hanno retto l'istituto nel corso degli anni, dall'ex sindaco Giancarlo Piombino all'imprenditore Alzo Zerbone, passando per Enrico Carbone, Federico Mario Boero, Beppe Manzitti, Carlo Da Molo e Lazzaro Maria De Bernardis.

Il ruolo di Pericu, oltre a dirigere l'Accademia e il Museo annesso, sarà anche quello di portare l'Accademia verso la statalizzazione dell'Istituto, dopo l'attivazione delle procedure necessarie per un'autonomia gestionale e finanziaria. I primi passi sono già stati fatti, grazie all'equiparazione dei titoli di studio: il Diploma accademico ha, infatti, il valore di Laurea universitaria e al riordino dei corsi triennali di primo livello, ma ancora bisogna attendere il finanziamento statale (1 milione di euro da dividere tra le diverse Accademie private italiane), che necessita di un'oculata gestione amministrativa.

Abbiamo fatto due chiacchiere con il neo-presidente per scoprire come dal mondo politico e giuridico sia approdato a quello artistico: «Sono contento di questo nuovo ruolo e anche che i soci dell'Accademia mi abbiano affidato la fiducia. Il mio è un incarico di servizio, gratuito, e servirà a risolvere un po' dei problemi dell'istituto, che rappresenta un grande valore per la nostra città» ha detto Giuseppe Pericu, commentando la nomina e ha aggiunto: «Sono da sempre un appassionato di arte contemporanea e l'apprezzo in particolar modo rispetto all'arte antica. Me ne occupo da anni con un approccio che, però, resta quello di un semplice cittadino con una personale passione».

Secondo Pericu l'Accademia, per quanto riguarda i problemi economici degli scorsi anni «sta andando meglio. Sono ben 400 gli studenti, molti dei quali stranieri e provenienti anche da fuori Genova. Per esempio il corso di laurea in pittura sta avendo grande successo e chi si laurea all'Accademia, perché ricordiamo, che il titolo rilasciato è equivalente alla laurea, trova lavoro abbastanza facilmente. Certo, scegliere di seguire la strada dell'arte non è una scelta neutra - prosegue il presidente -  ci vuole passione per le manifestazioni artistiche in generale, dalla scultura alla pittura alla decorazione e bisogna anche provare piacere nel poter sviluppare la propria attività in questo settore».

Per fare in modo che un'istituzione come l'Accademia continui a sopravvivere è fondamentale riuscire a sdoganarsi dai soli finanziamenti comunali, sempre più scarsi a causa della crisi: «Adesso l'Accademia sta attraversando una fase di relativa tranquillità. Ma deve, attraverso le iscrizioni e il potenziamento delle attività che vanno bene, cercare finanziamenti più stabili. A Genova ci sono enormi giacimenti culturali da sfruttare e l'Accademia è uno di questi».

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Rockstar come Hendrix, la mostra infiamma Palazzo Ducale: foto e percorso , Handhumans vs Handimals, in mostra le mani dipinde di Guido Daniele , La mostra Fulvio Roiter. Fotografie 1948-2007 a Palazzo Ducale: le foto , Al Ducale le foto di Fulvio Roiter in mostra: un viaggio in bianco e nero , Percezioni Inattese, mostra fotografica al Castello Doria di Porto Venere

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

In viaggio con Adele Di Alessandro Capitani Commedia 2018 Adele è una ragazza speciale. Libera da freni e inibizioni, indossa solo un pigiama rosa con le orecchie da coniglio, non si separa mai da un gatto immaginario e colora il suo mondo di post-it, dove scrive i nomi di ciò che la circonda.... Guarda la scheda del film