Outdoor Genova Sabato 31 agosto 2013

Parco del Peralto: corsa, mountain bike e relax

Il giardino dell'osservatorio astronomico
© Leonardo Parigi
Altre foto

Continua il nostro reportage sulle colline di Genova. Il Righi, il Parco delle Mura e i Forti rappresentano una grande opportunità sia per la qualità della vita dei genovesi sia per uno sviluppo del turismo. Oggi raccontiamo i percorsi principali del Righi per chi ama fare sport a contatto con la natura

Genova - Il Parco del Peralto, a dieci minuti del centro di Genova, è uno dei luoghi preferiti da tutti gli sportivi della città. Da aprile a ottobre (per i più temerari anche durante l'inverno), il Righi rappresenta la più grande fonte di ispirazione per lo sport: dalle mountain bike alla corsa, dalle camminate al trail running, gli 870 ettari del Parco delle Mura hanno molti percorsi praticabili. Il Parco delle Mura è costituito dalle antiche strutture difensive della città, che si snodano dalla lanterna al quartiere di Quezzi. Con una lunghezza di oltre 12 chilometri e un territorio di 870 ettari, le mura racchiudono ancora buona parte della città.

Per chi conosce la zona collinare alle spalle dei quartieri di Castelletto, Oregina e Granarolo, non è certamente una novità. Però le potenzialità dell'area sono molto più ampie di ciò che si presenta quotidianamente a chi sale sulla funicolare Zecca-Righi, con mezzi propri o a piedi per fare sport a contatto con la natura e potendo godere di punti panoramici meravigliosi.

La casetta rossa dell'Associazione Podistica Peralto, intitolata ad Alexander Langer è il fulcro delle attività sportive della zona, e il percorso ginnico, per quanto svuotato dei precedenti attrezzi e strutture di legno, è molto frequentato, soprattutto in primavera. Partendo dall'Ostaia do Richetto ci si può scaldare fino all'inizio del percorso, e quindi proseguire sull'asfalto. Passando sul sentiero si rimane circondati dai pini marittimi e dalle rocce, salvo poi fiatare alla fine della strada con un panorama mozzafiato sul golfo ligure.

Per chi ha più tempo e più allenamento, esistono molte variabili. Partendo dall'arrivo della funicolare, si può arrivare, dopo aver superato il Forte Castellaccio in una decisa salita, fino al Forte Sperone. Qui occorre fare una scelta: città o campagna? Sì, perché puntando il forte si può giungere fino al Forte Begato, a 480 metri di altezza e a strapiombo sul quartiere di Sampierdarena, mentre a destra, prendendo via delle Baracche, si può arrivare al Forte Diamante, 600 metri di altezza sul livello del mare.

Questo percorso, segnalato dal CAI, conta una decina di chilometri con un dislivello di circa 300 metri. Il tempo di percorrenza è all'incirca di 3 ore. Per arrivare al Diamante, il più isolato tra i castelli fortificati della struttura difensiva, occorre incamminarsi per una salita di 14 tornanti. Una volta giunti alla cima, specialmente in inverno durante le giornate limpide, è addirittura possibile scorgere le coste della Corsica.
Dal momento che sulla funicolare è possibile trasportare anche le biciclette, un consiglio per un percorso senza troppo impegno ma ricco di panorami è quello di montare sulla mountain bike, percorrere il sentiero che porta al Forte Diamante e poi continuare verso Pino Soprano, dove si potrà ridiscendere, sulla strada, quasi in fondo a Molassana, ritornando quindi verso il centro costeggiando il Bisagno.

Preferite la comodità? Allora non ci sarà bisogno di spingersi tanto in là: presso il Parco Avventura, in via Carso, al bivio con via Cima di San Pantaleo, si possono provare le piattaforme sospese sugli alberi, i ponti tibetani, le corde e le carrucole in un gioco di equilibrio e di concentrazione, restando agganciati ai cavi d'acciaio con caschetti e imbragature di sicurezza.

Il Parco Avventura, dopo un lungo lavoro di riqualificazione e di pulizia del sottobosco, ha riconsegnato un triangolo di terreno al quartiere, sviluppando un'attività perfettamente inserita nel contesto naturale. Con questo, come altri esempi, è possibile immaginare percorsi naturalistici in tutta l'area, con uno sviluppo e un utilizzo reale del Parco delle Mura e dei sedici Forti di Genova.

Potrebbe interessarti anche: , Migrazione delle Gru in Liguria: il Beigua lancia il monitoraggio sui social , Stelle nello Sport 2019 a Genova: eventi, festa al Porto Antico e solidarietà per il Morandi , Cavalli selvaggi dell'Aveto monitorati con i droni: il piano per salvaguardarli , Alla scoperta della Genova Verticale: tour dalle torri di San Lorenzo a Castelletto tra le creuze , Natale 2018 a Genova: tunnel di luci più lungo d'Europa, fuochi d'artificio e mercatini

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

The front runner Il vizio del potere Di Jason Reitman Drammatico 2018 Nel 1988 la campagna presidenziale americana del senatore Gary Hart va a gonfie vele ma la sua corsa viene interrotta da uno scandalo sessuale: la sua relazione con la modella Donna Rice. Guarda la scheda del film