Concerti Genova Martedì 30 luglio 2013

La vincitrice del Premio Paganini Bin Huang e il genovese Fabio Macelloni si sono sposati

Fabio Macelloni e Bin Huang

Genova - Sabato 27 luglio, il Comune di Genova ha ospitato un singolare matrimonio, che ha visto protagonisti un direttore d’orchestra genovese e una violinista cinese di fama internazionale.

Lui è Fabio Macelloni, docente del Conservatorio Niccolò Paganini di Genova, e lei è Bin Huang, un prodigio del violino. La loro storia di feeling professionale e umano è esemplare.

Quando vi siete conosciuti?
«Ci siamo conosciuti nel 2000, sei anni dopo che Bin vinse il Premio Paganini», rievoca Fabio. «Abbiamo trascorso quasi un mese lavorando assieme prima alla registrazione e, in seguito, alla postproduzione delle opere di Bach per violino solo, che, in quell’anno, furono pubblicate in CD dalla casa discografica genovese Philarmonia».

Come vi siete rivisti?
«Da sempre ho affiancato la mia professione di direttore e docente con l’attività di curatore artistico di produzioni discografiche. Da allora i nostri contatti sono stati sporadici, ma continuativi: io in Italia, lei negli States, dove si era trasferita già dall’età di 17 anni per completare gli studi superiori di violino, dopo un brillante inizio nel suo paese d’origine, la Cina».

L’incontro decisivo?
«Nel 2010, quando Bin fu chiamata a far parte della giuria del Premio Paganini, ci siamo rincontrati e, questa volta, i contatti successivi sono stati più serrati. Lo scorso inverno, proprio durante i lavori per una nuova produzione, la nostra storia ha preso una piega decisiva, che ci ha portato a sposarci ad aprile, dapprima nella chiesa Battista di Guangzhou in Cina – tra un concerto e una sessione di registrazione per un nuovo CD – e infine, sabato 27 luglio, anche con rito civile, a Palazzo Tursi, qui a Genova».

Come procede il vostro sodalizio professionale?
«Benissimo. Io ho curato quasi tutte le produzioni discografiche di Bin, ultima delle quali la rimasterizzazione e ristampa (sotto l’etichetta Dynamic) del Concerto per violino e orchestra di Beethoven – nei negozi proprio in questi giorni –, che Bin realizzò al Teatro Carlo Felice nel ‘95, col Cannone, il violino di Paganini, all’indomani del suo trionfo genovese al premio».

Programmi attuali?
«Siamo appena tornati da Salisburgo, dove Bin ha inciso le 16 Sonate di Mozart per violino e pianoforte nelle sale del famoso e suggestivo Mozarteum. Nelle prossime settimane completeremo la registrazione dei 24 Capricci di Paganini, che saranno pubblicati nei mesi successivi sempre da Dynamic, cui seguiranno altre produzioni, tutt’ora in corso di realizzazione».

La vostra storia?
«La nostra storia si svolge ormai da mesi e mesi su due binari paralleli, quello della vita di coppia e quello della vita professionale, che cerchiamo di far coesistere nel rispettare ognuno le esigenze dell’altro, nella profonda convinzione che gli stereotipi che vorrebbero così difficile – se non impossibile – una tale convivenza siano appunto solo stereotipi».

Concerti insieme?
«Prossimamente ci esibiremo insieme in Cina, a Xiamen e a Guangzhou, e negli States, a Chicago e a Rochester, sia come duo violino e pianoforte, sia in concerti con l’orchestra, dove Bin sarà solista e io direttore».

E in Liguria non suonate?
«Per la cronaca, sabato 17 agosto Bin si esibirà da sola nella cornice dell’Abbazia di San Fruttuoso di Camogli, con musiche di Bach e Paganini».

 In una coppia come la vostra le vacanze sono previste?
«Non siamo ancora riusciti a concederci una vera vacanza (di viaggio di nozze neppure si parla), ma abitando così distanti – lei docente contrattista al Conservatorio di Shanghai, io docente di ruolo al Conservatorio di Genova – cerchiamo di vivere con gioia ogni giorno che riusciamo a trascorrere insieme. Talvolta in Italia, talvolta in Cina, o dove ci porta la professione».

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Hereditary Le radici del male Di Ari Aster Horror U.S.A., 2018 Quando l’anziana Ellen muore, i suoi familiari cominciano lentamente a scoprire una serie di segreti oscuri e terrificanti sulla loro famiglia che li obbligherà ad affrontare il tragico destino che sembrano aver ereditato. Guarda la scheda del film