Concerti Genova Porto Antico Lunedì 22 luglio 2013

Gezmataz 2013, dopo Steve Swallow, la RareNoisnight

Steve Swallow Quintet
Altre foto

Genova - È partita con un successo pieno l’edizione del decennale del Festival Gezmataz ieri sera, domenica 21 luglio, al Porto Antico, con l’applauditissimo concerto del quintetto di Steve Swallow e Carla Bley.

Piazza delle Feste era gremita di un pubblico attento ed affettuoso nei confronti della formazione musicale diretta dai coniugi statunitensi, con Chris Cheek al sax tenore, Steve Cardenas alla chitarra e Jorge Rossy alla batteria, che ha proposto gran parte del materiale composto per il nuovo cd Into the woodwork (Ecm), insieme a qualche vecchia composizione del bassista e della pianista, in questa occasione impegnata all’organo Hammond B3.

Dal vivo la musica del quintetto acquista brio e vitalità rispetto all’incisione del 2011, con il dinamico sax di Chris Cheek e la chitarra bluesy di Cardenas spesso al centro della scena, la ritmica discreta ed essenziale del basso elettrico di Swallow ed il tocco felpato di Carla Bley che usa l’hammond per creare sfondi sonori alle originali composizioni del compagno.

È un jazz raffinato e gentile, che non esce mai dai confini di un elegante gioco di incastri fra le voci strumentali, ma seduce e conquista con la pacatezza e la evocatività delle melodie. Quando Swallow e la Bley iniziano Lawns, una ballad del 1987, il chitarrista Steve Cardenas sembra quasi volere farsi da parte per lasciare spazio ad un dialogo che pare una dichiarazione intima, ed è uno dei momenti più toccanti del concerto. Conclusione nel segno di Monk, con un bis più ritmato che accontenta in parte un pubblico molto caloroso, ma comprensivo: continuare a fare tournee a settanta anni e passa non è certo uno scherzo ed alla fine va benissimo un ritorno sul palco per un saluto conclusivo.

Stasera, lunedì 22 luglio, si cambia completamente clima musicale, con la RareNoise night, la serata dedicata alla attivissima etichetta londinese creata e diretta da Giacomo Bruzzo. In vetrina due facce del multiforme prisma RareNoise: prima il Molè Trio, con Mark Aanderud, Stomu Takeishi ed Hernan Hecht, formazione che lo scorso anno ha prodotto un ottimo esempio di jazz rock dinamico e raffinato, quindi il progetto Berserk, un collettivo di musicisti che impasta rock, prog e sperimentazione con risultati davvero originali ed innovativi.

Da sentire per credere, e le credenziali non sono da poco: al trombone ci sarà Gianluca Petrella, uno degli esponenti più in vista della scena del jazz italiano, alla batteria Cristiano Calcagnile, alla chitarra il chitarrista norvegese Eevin Aarset, oltre agli artefici del progetto, Lorenzo Feliciati e Lorenzo Esposito Fornasari.

Viste le premesse, curiosità ed attesa si alimentano a vicenda.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Quasi nemici L'importante è avere ragione Di Yvan Attal Drammatico, Commedia Francia, 2017 Neïla Salah è cresciuta a Créteil, nella multietnica banlieu parigina, e sogna di diventare avvocato. Iscrittasi alla prestigiosa università di Panthéon-Assas a Parigi, sin dal primo giorno si scontra con Pierre Mazard, professore celebre per i suoi... Guarda la scheda del film