Concerti Genova Venerdì 17 maggio 2013

Enrico Ruggeri presenta 'Frankenstein': «Il progetto più ambizioso della mia vita»

Enrico Ruggeri
Altre foto

Venerdì 17 maggio Enrico Ruggeri presenta dal vivo Frankenstein, il suo nuovo album, al Muddy Waters, in via del Ramaceto 2 a san Colombano Certenoli. Durante la performance non mancheranno i grandi successi di una carriera trentennale, per uno spettacolo caratterizzato da una forte carica rock.

Per info: 339 3195614

Genova - «È il progetto più ambizioso della mia vita e forse anche il più coraggioso. Produrre un concept album in un'epoca di canzoni usa e getta e abbinarlo ad un racconto è stata una vera sfida, in un periodo come questo, caratterizzato da musica virtuale, da iTunes, da You tube e da artisti che prediligono la piaggeria alla qualità. Il bisogno di apparire e piacere a tutti i costi oltrepassa la voglia di emozionare».

Con queste parole Enrico Ruggeri inizia il suo showcase alla libreria Feltrinelli dove ieri, giovedì 16 maggio, ha incontrato il pubblico per presentare il suo ultimo lavoro discografico Frankenstein, un concept album, come quelli che si realizzavano negli anni Settanta, liberamente ispirato al romanzo omonimo di Mary Shelley. Insieme al disco, anche un racconto dal titolo L'uomo al centro del cerchio, uscito dalla penna del cantautore meneghino, diviso da oltre trent'anni tra musica e letteratura. Entrambe le opere sono una rivisitazione, in musica e parole, del romanzo ottocentesco.

«Rileggendo Frankenstein non ho potuto fare a meno di trovare spunti di riflessione e soprattutto molti parallelismi con la società contemporanea. Si parla di ambizione e di superamento delle leggi morali, temi assolutamente riscontrabili anche ai giorni nostri. Non vogliamo invecchiare e non ci rassegniamo al tempo che passa. La creatura del romanzo è un diverso, un disgraziato in cerca di amore ed è innegabile che le questioni legate alle minoranze e ai rapporti umani siano cambiate nel corso di duecento anni, ma ieri come oggi sono al centro dell'interesse comune».

Ruggeri parla di musica, di letteratura, di filosofia e di mercato discografico affascinando gli ascoltatori, senza tralasciare il racconto delle sue esperienze televisive, di presentatore e di giudice della quarta edizione di X Factor. «Se partecipi ad un talent show come quello per la semplice voglia di dare, ne esci malissimo, se invece ti interessa apparire allora è il posto giusto dove stare. Lì ho capito che si valuta il cantare bene, ma se si pensa a quelli che riempiono gli stadi in Italia, come Vasco o Ligabue, appare chiaro che il pubblico viene trascinato non da chi ha grandi doti vocali, ma da chi emoziona».

Il Frankenstein di Enrico Ruggeri vanta collaborazioni con musicisti di alto livello come Stefano Belisari - in arte Elio - al flauto traverso che ha dato un tocco prog all'intero progetto, la compagna Andrea Mirò e il fedele chitarrista di una vita Luigi Schiavone. Il video che ha anticipato l'uscita del disco si intitola Diverso dagli altri e vede l'ex presentatore di Mistero nudo, in un pentolone di rame, pronto ad essere divorato da un gruppo di avidi ospiti di una macabra cena a base di carne umana. «In realtà non sono nudo, ma sono a nudo. L'intera sequenza è grottesca. Hanno partecipato anche Ale & Franz, che hanno contribuito a rendere il tutto ancora più surreale».

Il musicista, che può vantarsi del fatto di aver trapiantato in Italia il punk nei primi anni Ottanta quando militava nei Decibel, conclude la presentazione facendo chiarezza su quanto dichiarato ai media, proprio in previsione dell'uscita di Frankenstein, definito probabilmente l'ultimo album della sua carriera. «Per il senso che do io alla parola album, probabilmente non ne produrrò più. Io sono abituato, fin da giovane ad entrare in un negozio, scegliere il vinile, portarlo a casa, scartarlo, appoggiarlo sul piatto del giradischi e lasciarlo lì per almeno due settimane. Oggi la musica si produce in maniera diversa e realizzare un disco è un po' come arrivare in carrozza in autostrada. Sicuramente mi adatterò alla modernità e continuerò a scrivere, ma sicuramente in modi diversi».

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Se son rose Di Leonardo Pieraccioni Commedia Italia, 2018 Cosa succederebbe se qualcuno mandasse di nascosto alle tue ex dal tuo cellulare: "Sono cambiato. Riproviamoci!"..? È quello che accade a Leonardo Giustini giornalista che si occupa di tecnologia e innovazione per il web. Sua figlia, stanca di vedere... Guarda la scheda del film