Tanta musica a teatro dal 29 al 5 maggio. Torna Beppe Gambetta con i suoi ospiti - Genova

Teatro Genova Lunedì 29 aprile 2013

Tanta musica a teatro dal 29 al 5 maggio. Torna Beppe Gambetta con i suoi ospiti

Beppe Gambetta

Genova - Molta musica questa settimana. Poca prosa e, in generale, pochi debutti mentre, con l'arrivo di una primavera fastidiosamente uggiosa, ci si avvia alla fisiologica chiusura dei diversi cartelloni, in alcuni casi già arrivati alla fine la settimana scorsa: quello del Teatro della Tosse, Cargo e Archivolto; e ancora, quella che si è conclusa già a fine marzo - durata sei mesi - con spettacoli di burattini e marionette per ragazzi (50 in tutto) del Banco Volante e del Teatro dei Cappuccini.

Debutta al Teatro Duse, martedì 30 aprile, ore 20.30, The Pillowman, un testo del drammaturgo irlandese Martin McDonagh, autore già in scena allo Stabile in passato con La bella Regina di Leenane, Lo storpio di Inishmann e Il tenente di Inishmore. A portarlo sul palco la compagnia Gank e in particolare gli interpreti Alberto Giusta, Andrea Nicolini, Aldo Ottobrino e Enzo Paci, su musiche originali di Niccolò Cagnini e Jacopo Luvizone, per la regia di Carlo Sciaccaluga. Al centro della pièce c’è l’interrogatorio da parte di due detectives, Ariel e Tupolski, allo scrittore Katurian, autore di racconti dell’orrore, accusato di violenza su minori.

Al Teatro della Corte, domenica 5 maggio, ore 20.30, e lunedì 6 maggio, ore 10, una prima nazionale allestita dal Teatro dell’Ortica nell’ambito del progetto Gruppo Stranità,  Voci di dentro, diretto da Anna Solaro, regista e responsabile pedagogica del gruppo, è una sfida per la salute mentale, un aspetto tragico e misterioso della vita di molti individui. Queste voci di dentro sono rappresentate, attraverso canoni poetici e anche comici e surreali, in una pièce che racconta sul palcoscenico la solitudine fatta di tanti personaggi interni che devastano e rendono a volte impossibile vivere, lavorare, amare o anche solo sopravvivere. Lo spettacolo ruota attorno a Mauro, il dj delle voci, in un contesto che vede l'alternarsi sul palco dei più svariati personaggi: le voci, i pazienti, gli psichiatri, gli psicologi interpretati, in un turbinio che mescola i ruoli della realtà con quelli della recitazione, da attori, operatori, veri pazienti psichiatrici, veri psichiatri.

Sempre per la prosa, al Teatro Garage in scena il 4 e 5 maggio, ore 21.00, Canto alla luna scritto e diretto da Giovanna Vallebona ispirato al testo per bambini Il Canto di Lupetto Britta Teckentrup. Una produzione Compagnia Le Fusa.

Ancora in replica per tutta la settimana al Tkc Teatro della Gioventù, La pulce nell'orecchio di Georges Feydeau, della The Kitchen Company che, in occasione del primo maggio, propone una replica speciale alle 15.30 a soli 5 Euro, con aperitivo al Tkc Bistrot a seguire. Gli intrighi, i tradimenti e le trappole d’amore restano in scena dal 30 aprile al 4 maggio, ore 20.45, il 1 e il 5 maggio alle ore 15.30. In replica anche Le serve al Teatro Emiliani, di Nervi, il 3 maggio, ore 20.45, sul palco Paolo Drago (Madame), Anna Nicora (Claire), Anita Piazza (Solange), per la regia di M. Avogadro, costumi di M. Cerruti, grafica di Chaker Meftah. Altro spettacolo, già in cartellone al Teatro Garage, che viene riproposto è Giorgio Perdonaci, della Compagnia teatrale la Pozzanghera, il 4 maggio, ore 21.00, al Teatro del Levante di Sori.

Un divertissement teatrale che prende l’avvio da testi e canzoni di Giorgio Gaber, il Giorgio del titolo, per rendere un affettuoso omaggio al cantautore milanese e non solo. Sempre a Sori, domenica 5 maggio, ore 18.00, una proposta di teatro dialettale, A professia de Colombo, per la regia di Gian Solimano, dove il protagonista Nicola Capurro, sogna Cristoforo Colombo che gli regala quattro numeri da giocare al lotto, promettendogli di diventare ricchissimo, ma gli rivela anche una terribile profezia! Mentre a Camogli, al Teatro San Giuseppe, il 4 maggio, ore 21.00, va in scena Ma non è una cosa seria!, un adattamento di Mario Pozzoli, da Luigi Pirandello, della compagnia del teatro stabile di Ruta di Camogli, diretta da Mario Peccerini.

La musica, dicevamo. Partiamo da lunedì 29 aprile, ore 21.00, e dall'ospite che segna il ventitreesimo concerto della Seconda Stagione del Centenario 2012/2013 della Gog Emilia Fadini che ritorna per il suo secondo concerto dedicato al fortepiano con un programma che prevede l'esecuzione di musiche di Carl Philipp Emanuel Bach e Franz Joseph Haydn al Teatro Carlo Felice, ricordiamo che Fadini svolge attività concertistica al clavicembalo e al pianoforte storico unitamente alla ricerca musicologica. Un'altra serata con la musica classica, sempre al Carlo Felice, il 3 maggio, ore 20.30, con il Dodicesimo Concerto Sinfonico – Corale, diretto da Maurizio Billi con Orchestra e il Coro del Teatro Carlo Felice. Maurizio Billi, direttore e compositore, sarà affiancato da voci soliste: il soprano Irene Cerboncini e il tenore Antonello Palombi per un concerto, principalmente dedicato a Pietro Mascagni per ricordare il 150° anniversario della sua nascita, prevede un’attenta selezione di alcune arie, cori e pagine sinfoniche tratte dalle principali opere di Mascagni: Le Maschere, L’Amico Fritz, Guglielmo Ratcilff e Cavalleria rusticana. Si potrà anche ascoltare l’Ouverture dal Tannhäuser di Richard Wagner e, a conclusione della serata, l’Inno delle Nazioni di Giuseppe Verdi. Alle ore 19.00, nel Grande Foyer del Teatro, una breve conferenza introduttiva, tenuta da Guya Farinelli, pronipote di Mascagni.

Ancora musica ma di tutt'altro genere per la rassegna Acoustic Night arrivata alla 13esima edizione di e con Beppe Gambetta e i suoi ospiti in scena al Teatro della Corte dal 2 maggio al 4 maggio, ore 20.30. Tra gli ospiti stranieri, tutti polistrumentisti: John Jorgenson, Mike Dowling e Radim Zenkl.

Giovedì 2 maggio, ore 21.00, una Festa a La Claque del Teatro della Tosse ricorderà le sette edizioni del Festival Pop della Resistenza, ideato nel 2006 da Gian Piero Alloisio. Il teatro sempre gremito e la rassegna stampa hanno certificato il pieno successo dell’evento, divenuto un appuntamento atteso dagli studenti e dai giovani artisti genovesi.
Il Festival, che era stato sostenuto fin dal suo inizio dalla Provincia di Genova, non si farà più, ma grazie al patrocinio e al sostegno della Regione Liguria è stata organizzata una festa-spettacolo, condotta da Gian Piero Alloisio (direttore artistico del Festival) e da Roberta Alloisio (coordinatrice dei giovani artisti e delle scuole) che vedrà la partecipazione di tanti giovani artisti, amici e sostenitori. Tra di loro alcuni dei protagonisti del Festival come il cantautore spezzino Mattia Ringozzi accompagnato da Mario De Simoni e Nicola Cappellini, la cantautrice genovese Dalila Muscarella, l’autrice imperiese Virginia Consoli e il Teatro Helios, i monferrini Beppe “Matiz” Malizia e i Ritagli Acustici, e inoltre le scuole d’arte e di spettacolo come il C.F.A. di Luca Bizzarri diretto da Lisa Galantini, lo Starlets Studio diretto da Dino Stellini, la Compagnia dei Giovani del Suq diretta da Carla Peirolero, e le esperienze artistiche del Liceo Classico Colombo (a cura di Enrico Campanati), del Liceo Artistico Klee Barabino, del Caffè Shakerato e dell’Istituto Professionale Ipssar Nino Bergese, del Liceo Linguistico Internazionale Deledda, dell’Istituto Professionale Ipsia Odero… e tanti altri Ospiti.

Musica anche per il secondo appuntamento in cartellone per la decima edizione della rassegna la Risata Strappata che il 3 maggio, ore 21.00, al Teatro Piccolo di Arenzano, ospita Emanuele Dabbono Quarted in Cavi in bottiglia: un concerto unplugged. Sul palco Emanuele Dabbono, Loris Lombardo, Marco Cravero, Carlo Aonzo. Emanuele Dabbono (terzo classificato alla prima edizione di XFactor) si esibisce in un concerto evento con il quartetto acustico, formatosi proprio sulle assi del Teatro di Arenzano, e che ha accompagnato l'inverno del laboratorio Le Spigole con i comici di Zelig e Colorado Café a cura della Ridens Factory. Alle percussioni il tocco e la ricerca sonora di Loris Lombardo (vincitore del World Drum contest 2012), alla chitarra Marco Cravero (già chitarrista per Francesco De Gregori e Lucio Dalla) e al mandolino il maestro di fama mondiale di recente ritorno dalla tournèe negli Stati Uniti, Carlo Aonzo.

Infine tre musical, al Teatro Rina e Gilberto Govi, il 4 maggio, ore 21.00, Una storia della mancia: commedia musicale liberamente tratta dal Don Chisciotte di Miguel de Cervantes, musiche di Mitch Leigh, Richard Strauss e dello stesso curatore Dario B. Caruso. L’adattamento vede protagonista Miguel de Cervantes il quale, rinchiuso dall’Inquisizione nelle carceri di Siviglia, narra ai suoi compagni di prigionia; la vicenda del suo cavaliere errante Don Chisciotte e dello sgangherato compare di disavventure Sancio. Al Politeama Genovese, il 5 maggio, ore 16.00, il Fantafavole Show Il musical che non c'è: un family show, con venti attori-ballerini, una big band che suona dal vivo e poi pupazzi e sfavillanti costumi per ambientare le canzoni - la replica del 4 maggio è stata annullata per ragioni tecniche. E per chiudere Alice il musical delle meraviglie, in scena il 5 maggio, ore 16.00, al Teatro Verdi: un musical inedito, tratta dai romanzi Lewis Carrol, una favola divertente dove tutto e’ possibile, per la regia di Andrea Spina.

Potrebbe interessarti anche: , Aggiungi un posto a tavola, il musical al Carlo Felice: grande classico del teatro italiano , Diversità, lingue e linguaggi in Vader tra teatro-danza e teatro-circo , Elio porta in scena Il Grigio di Gaber e Luporini al Teatro Modena , Teatro della Tosse: il programma 2019/2020, spettacoli dal centro al Ponente , Teatri del Paradiso: stagione 2019/20 tra spettacoli e incontri, da Camogli a Bogliasco

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.