Libri Genova Venerdì 12 aprile 2013

Roberto Saviano: «Anche Genova nel traffico di cocaina»

Altre foto

Genova - Con Genova Roberto Saviano ha un legame speciale, ecco perché ieri, giovedì 11 aprile, alla Feltrinelli di via Ceccardi centinaia di persone si sono messe in coda per la presentazione del suo nuovo romanzo-inchiesta sulla cocaina, Zero Zero Zero. Come due anni fa, per Vieni via con me, i genovesi non si sono fermati davanti alla pioggia o al freddo, ma hanno aspettato per ore l'arrivo di Saviano, solo per poterlo ascoltare, stringergli la mano o farsi firmare una copia del romanzo.

Un libro che arriva a sette anni dal successo di Gomorracon cui Saviano è riuscito a portare all'attenzione pubblica la piaga della Camorra. Un successo planetario, ma anche una condanna, che costringe lo scrittore a vivere sotto scorta, dopo le minacce del clan dei Casalesi.

«Sette anni che per me sono stati settantasette anni» esordisce Saviano presentandosi al nutrito pubblico genovese, tra cui anche il prete da marciapiede, Don Andrea Gallo. I posti disponibili dentro la libreria non bastavano ad accogliere tutti, così, tra transenne e imprescindibile misure di sicurezza, è stato allestito anche un maxischermo fuori dal locale. 

«Nonostante le difficoltà, vivere sotto protezione mi ha aiutato. Non so se avrei avuto la stessa visibilità e il pensiero di mutare le cose, potendole condividere con il pubblico» spiega lo scrittore napoletano.

Anche in Zero Zero Zero, come in Gomorra, si racconta la criminalità organizzata, questa volta non più la Camorra, ma il narcotraffico di cocaina. Un male sempre più globale e radicato, che parte dalla Colombia e dal Messico per toccare tutto il globo, «perché la cocaina - prosegue Saviano - non conosce crisi, niente resta invenduto. E con un chilo un narcotrafficante ricava ben 250 mila euro».
Neanche Genova e Vado Ligure sono escluse dal traffico, qui, come a Livorno e Gioia Tauro arrivano container di cocaina, più o meno nascosta, che approda nei nostri porti, per essere venduta sulle piazze italiane ed europee. 

La polvere bianca è un emblema del nostro tempo, una sostanza che accelera il corpo in maniera frenetica, ma che al contempo distrugge la mente. «Non è un problema lontano, ma reale e concreto e interno alla nostra società, al Nord come al Sud, in Sud America come in Africa».

Per questo con Zero zero zero Saviano ha dato voce a tanti personaggi e alla violenza brutale di chi si accosta al mondo della cocaina anche solo per combatterla
«Mi hanno detto che è un libro senza speranza, io non ne ho su di me, ma ce l'ho nei confronti di chi può leggere, condividere e far passare questo messaggio. Il mio appello non è alla collettività, ma ai singoli. Tenetevi informati!».

Potrebbe interessarti anche: , 43 poesie per Genova: la Dante Alighieri ricorda la tragedia del Morandi , Mizar, la boutique corsara di libri torna al Luzzati Lab , Marco Balzano per Incipit Festival: dal romanzo Resto qui all'eredità di Calvino , Maggiani: «In quest’epoca più di umori che di sentimenti, ho deciso di parlare di amore» , Cingolani, robot e uomo: siamo pronti ad affrontare questa convivenza? L'intervista

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Copia originale Di Marielle Heller Drammatico 2018 Un film biografico sulla vita Lee Israel che, dopo essere caduta in disgrazia, decise di contraffare delle lettere di scrittori e celebrità decedute per pagare l'affitto. Quando le falsificazioni cominciarono a sollevare dei sospetti, decise di... Guarda la scheda del film