Concerti Genova Lunedì 11 marzo 2013

The Beatbox a Genova: la recensione del concerto al Teatro della Tosse

I Beatbox sul palco del Teatro della Tosse
© Andrea Pompilio
Altre foto

Genova - Per chi era adolescente negli anni Sessanta e ha amato la musica dei Beatles, riuscendo perfino ad assistere a un loro concerto (magari a uno dei due tenutisi al Palasport di Genova nel 1965) e per chi avrebbe voluto vivere quell’epoca, esiste un ottimo compromesso: si tratta delle esibizioni live dei Beatbox, una delle più note e apprezzate cover band italiane dei Fab Four, per metà ligure e per metà toscana, composta da musicisti conosciuti a livello nazionale.

The Beatbox, in tournée pressoché permanente, sono attualmente al lavoro per produrre un nuovo cd live e, nell’ambito di tale progetto, sabato 9 marzo si sono esibiti anche al Teatro della Tosse, riempiendo la platea di fan del quartetto di Liverpool (come la sottoscritta) e di aficionados che, da tempo, li seguono in lungo e in largo in occasione delle loro date in giro per l’Italia e all’estero.

Vestiti (e pettinati) di tutto punto, con indosso una copia dei famosi completi grigi e degli stivaletti di pelle nera che caratterizzarono l’estetica della band più o meno fino all’uscita dell’album Help! (1965), i quattro emuli dei Beatles sono copie pressoché esatte dei loro beniamini, non solo sotto l’aspetto scenografico, ma anche vocale e sonoro: l’uso di strumenti e amplificatori vintage, poi, contribuisce a enfatizzare con buoni esiti l’effetto complessivo.

Mi è capitato di vedere The Beatbox in concerto più volte e, in ogni occasione, l’emozione e il divertimento hanno raggiunto livelli altissimi, complice, ovviamente, l’effetto amarcord e la simpatia degli interpreti. Mauro Sposito (John) e Riccardo Bagnoli (Paul) ricoprono il ruolo dei mattatori, Guido Cinelli (George) è discreto quanto il suo epigono britannico, mentre Alfio Vitanza appare flemmatico e originale quanto Ringo.

Il repertorio della serata ha coperto la carriera dei Beatles dal 1963 (Please please me) al 1966 (Revolver), quello –se vogliamo- più scanzonato, già orientato, però, alle contaminazioni musicali (Taxman, Nowhere Man).

Il pubblico della Tosse, pur se costretto dalle poltrone, ha partecipato con entusiasmo all’esibizione, cantando praticamente tutti i brani, da She loves You a I Wanna Hold Your Hand, passando per All My Loving, And I love Her, Michelle, I Feel Fine, Can’t Buy Me Love, You’ve Got To Hide Your Love Away, A Hard Day’s Night.

Personalmente, sono andata in visibilio per Please Mr. Postman, il brano delle Marvelettes rielaborato per l’album With the Beatles (1963): non mi era ancora capitato di sentirlo eseguito dai Beatbox e, all’inaspettato attacco del brano, non ho perso l’occasione per uguagliare le fan esagitate di cinquant’anni fa, cantando a squarciagola la canzone.

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo 2019, un gennaio e febbraio tra concerti e incontri: il programma , 20 anni senza De Andrè: Colapesce reinterpreta La canzone dell'amore perduto , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di Santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Mia e il leone bianco Di Gilles de Maistre Drammatico 2018 Mia è una quattordicenne che vive in Sudafrica insieme ai genitori. Fin da piccina ha giocato con un cucciolo di leone bianco di nome Charlie costruendo una splendida amicizia con l'esemplare. Un giorno Mia scopre che il padre vuole vendere Charlie... Guarda la scheda del film