Concerti Genova Mercoledì 27 febbraio 2013

Cyrus Chestnut incanta Villa Bombrini. La recensione del concerto

Cyrus Chestnut @ Villa Bombrini
© Carmelo Calabria

Genova - Un suggestivo viaggio all’interno della storia del jazz. Con questa impressione il pianista statunitense Cyrus Chestnut ci ha salutato, martedì 26 febbraio, alla fine della sua esibizione a Villa Bombrini, nell’ambito della rassegna Suoni parole e ritmi dal mondo, organizzata dell’Associazione Jazz Lighthouse. Chestnut, un vero prodigio del pianoforte jazz, spazia con disinvoltura fra i generi e le epoche della musica afroamericana, alternando pezzi originali e tradizionali fra blues, gospel, be bop con uno stile molto personale, ricco di citazioni e richiami, ed un approccio fisico alla tastiera che assicura una dimensione spettacolare all’esibizione.

Impegnato in un tour italiano, accompagnato dagli ottimi Giovanni Sanguineti al contrabbasso e Rodolfo Cervetto alla batteria, Chestnut è tornato a Genova dopo circa venti anni dalla sua prima esibizione a fianco della cantante Betty Carter, ed il suo concerto ha lasciato il segno fra i numerosi appassionati presenti a Villa Bombrini. Vedendolo suonare risulta stupefacente l’agilità sui tasti, quasi in contrasto con la mole fisica, e la capacità di giocare con i temi, suggerendoli quasi di soppiatto, girando intorno alla melodia per poi esporla in tutto il suo sviluppo, e subito dopo rivoltarla con un fitto tessuto armonico, con un approccio che mi ha ricordato in qualche modo quello del nostrano Stefano Bollani.

Succede, ad esempio, con In a sentimental mood, splendido omaggio a Duke Ellington, al quale Chestnut ha dedicato un intero disco, o durante A night in Tunisia, o ancora in Tea for two.

Ma l’enciclopedica cultura musicale del pianista non ha trovato limiti, volando fra pezzi blues, ballads, bossa nova o trascinanti groove soul, ben assecondato dalla ritmica con la quale instaura spesso un fitto gioco di breaks, che ha stimolato la creatività e messo a dura prova le corde di Sanguinetti e i tamburi di Cervetto.

Al termine, grande entusiasmo e un plauso meritato agli organizzatori di Jazz Lighthouse per essere riusciti a portare a Genova un vero maestro del jazz contemporaneo

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

The End? L'inferno fuori Di Daniele Misischia Thriller 2017 Claudio è un importante uomo d'affari, cinico e narcisista. Una mattina, dopo essere rimasto imbottigliato nel traffico delle strade di Roma, arriva finalmente in ufficio nonostante il notevole ritardo, ma rimane bloccato da solo in ascensore a... Guarda la scheda del film