Concerti Genova Teatro delle Clarisse Giovedì 27 dicembre 2012

Federico Sirianni e Gnu Quartet in concerto a Rapallo

Genova - Venerdì 28 dicembre alle ore 21 presso l'Auditorium delle Clarisse di Rapallo appuntamento con Nella prossima vita, un concerto-spettacolo che ha per protagonisti il cantautore Federico Sirianni e il quartetto Gnu Quartet.

Nella prossima vita è il titolo dell'ultimo album di Federico Sirianni, realizzato in stretta collaborazione con il Gnu Quartet, che ne ha curato gli arrangiamenti. Sulla scena, Nella prossima vita diventa uno spettacolo originale, in cui si fondono la canzone d'autore, il rock e la musica da camera.

Federico Sirianni
Nato a Genova, esordisce creando, con Marco Spiccio e Fabrizio Casalino, il gruppo La giostra dei pazzi, con cui nel 1992 vince la Festa degli Sconosciuti. Nel 1993 è ospite al Premio Tenco come miglior esordiente, l'anno successivo vince il Premio Regionale Ligure per la musica. Insieme a Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu delle Iene, scrive e mette in scena tre spettacoli di teatro canzone. Dopo un viaggio nell'Est Europa e nei campi nomadi realizza, nel 2002, il primo cd Onde clandestine suonato con la Molotov Orchestra, che riassume dieci anni di concerti e spettacoli. Sono i racconti di popoli migranti, esistenze clandestine che si muovono fra centri d’accoglienza, moschee, campi nomadi e questure; un viaggio tra sogno e realtà, tra musiche che arrivano da lontano in un vortice di ritmi e atmosfere. Il produttore milanese del disco, Giangilberto Monti, conia per Sirianni il termine bandautore” Nel 2004 è invitato a Monaco di Baviera come rappresentante in ambito musicale di Genova città della cultura. Nello stesso anno vince il Premio Recanati della Critica ed è ospite al Mantova Musica Festival. Nell’estate del 2006 vince la seconda edizione del Premio Bindi, a cui segue, nel gennaio 2007, il nuovo lavoro discografico, Dal basso dei cieli, un disco di frontiera, un viaggio musicale su una cartina senza confini, che parte dai Balcani e arriva fino al Messico e ai Carabi. A completare il poker di riconoscimenti, nel 2010 vince il Premio Lunezia.

Gun Quartet
Gnu Quartet sono Stefano Cabrera (violoncello), Roberto Izzo (violino), Francesca Rapetti (flauto traverso) e Raffaele Rebaudengo (viola). Un quartetto dallo stile inconfondibile, che ha caratterizzato i progetti di nomi quali Subsonica, Afterhours, Pfm, Gino Paoli, Simone Cristicchi, Niccolò Fabi, Dolcenera, Motel Connection e molti altri che hanno richiesto la loro collaborazione. Gli Gnu nascono sotto la stella della P.F.M. al Teatro Nazionale di Milano, nel 2006. Da lì prende il via una serie ininterrotta di avventure catodiche, collaborazioni e progetti originali. Un quartetto dal suono originale ed eclettico che cresce nell’alchimia di gioia e ricerca, nel virtuosismo della musica colta e il coinvolgimento di quella moderna. Dal 2006 il GnuQuartet ha realizzato tre album, con brani originali e rielaborazioni, e collaborato alla realizzazione – in fase di scrittura, arrangiamento o registrazione – di altri quindici. Ha tenuto centinaia di concerti in Italia e all’estero, da solo o come ospiti di altre formazioni. Non poche sono state le partecipazioni a programmi televisivi e radiofonici – Che tempo che fa, Parla con me Domenica, Il Tornasole, L’altro lato di Radio 2, Radio 1 Musica, RMC CLassic – e ai grandi festival nazionali.

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo 2019, un gennaio e febbraio tra concerti e incontri: il programma , 20 anni senza De Andrè: Colapesce reinterpreta La canzone dell'amore perduto , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di Santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Non ci resta che il crimine Di Massimiliano Bruno Commedia Italia, 2019 Coverciano era infatti il luogo ideale per un film in cui la passione per il calcio e la vittoria ai Mondiali in quell’estate italiana del 1982 - in cui Per uno scherzo del destino, i protagonisti vengono imprevedibilmente catapultati a Coverciano... Guarda la scheda del film