Concerti Genova Mercoledì 14 novembre 2012

Malika Ayane: foto e racconto del concerto al Politeama Genovese

Malika Ayane in concerto a Genova il 13 novembre 2012
© Marcello Orselli
Altre foto

Genova - Pubblico caldo e appassionato come in Liguria si vede raramente, ieri sera (martedì 13 novembre) al Politeama Genovese: sul palco una superba Malika Ayane, che ha letteralmente stregato la platea del teatro, pressoché al completo.

È decisamente cresciuta, la ragazza: della Malika di qualche anno fa è rimasta la voce potente e calda, anche se meno artefatta e molto più sicura, e l’atteggiamento spontaneo sul palco, dove parla poco, ma in modo molto naturale, e dove, ad un certo punto, sbotta in un «Ho combinato un disastro, ho rovesciato l’acqua. Però adesso dobbiamo saltare il prossimo pezzo che era in scaletta, perché non riesco più a fare la cantante seria». Incantevole.

Per il resto, la moretta appariscente di qualche anno fa si è trasformata in una bionda sofisticata che gestisce con disinvoltura una line-up con ben nove musicisti tutti per lei, con una nuova sezione di fiati ed una di archi, accanto alla band di fedelissimi. Niente male per una cantante che ha pubblicato il suo primo album solo quattro anni fa ed è alla terza tournèe della sua carriera.

L’apertura del sipario rivela una scena da teatrino di avanspettacolo, e tutto il primo tempo si svolge in un’atmosfera sognante tra La strada di felliniana memoria e la Francia de Il favoloso mondo di Amelie, con sonorità acustiche che a tratti ricordano quasi quelle di una banda paesana. Tra cambi d’abito e di scenografia, nella seconda parte del concerto Malika si trasforma pian piano da Gelsomina in Angelo Azzurro, passando dalla marsina al tubino, il contrabbasso ed il banjo lasciano posto a basso e chitarre elettriche, mentre atmosfere e suoni si fanno più moderni e raffinati. Su tutto svetta la presenza scenica della protagonista e la sua voce inconfondibile, che non ha più bisogno di virtuosismi smaccati e che compone note e toni con perfezione e naturalezza.

La dimensione teatrale le si addice e le permette di interpretare, accanto ai suo i cavalli di battaglia, brani impegnativi in inglese ed in francese che mettono in luce le sue doti vocali ed interpretative. Da Come foglie a Satisfy my soul, da Contro vento a Tre cose, da Though and Clouds al simpatico momento karaoke con La prima cosa bella, fino a Glamour e Grovigli e all’ultimo singolo Il tempo non inganna, il pubblico la segue incantato.

Alla fine, nessuno vorrebbe più lasciarla andare via e quando, insieme agli applausi, il pubblico le regala una festosa standing ovation, gli occhi le brillano di incredula emozione: un’altra bella pagina di musica per Genova.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Zanna bianca Di Alexandre Espigares Animazione Francia, Lussemburgo, U.S.A., 2018 L’avventura che ha emozionato intere generazioni, per la prima volta in una straordinaria animazione anche in 3D. Guarda la scheda del film