Concerti Genova Lunedì 17 settembre 2012

Last Shop Standing. Un documentario sugli ultimi negozi di dischi

Genova - Prima un libro e ora un film per documentare la storia dei piccoli negozi di musica, gli independent record stores che in Inghilterra, come in molti altri paesi, hanno rappresentato, molto prima e con più calore dei social media, un luogo di aggregazione, crescita e scambio culturale.

Questo il cuore dell’operazione Last shop standing, nata come reportage su carta a cura di Graham Jones nel 2009 (Paperback) e ora diventata un documentario girato in varie città inglesi, sugli schermi e in dvd.

«Quando ho iniziato la mia attività nel settore della distribuzione indipendente – racconta Jones, ormai 25 anni fa, c’erano circa 2000 negozi di dischi indipendenti in Inghilterra; nel 2009 ne erano rimasti 269. Così ho pensato che fosse una buona idea documentare l’esistenza dei migliori negozi ancora in vita, prima che scomparissero anche questi, come è successo ai negozi per collezionisti di monete o francobolli».

Il documentario di 50 minuti prodotto da Blue Hippo Media and Proper Music Publishing e diretto da Pip Piper, per ora solo in lingua inglese, racconta l’epopea dei piccoli negozi nella cultura alternativa, fino ad arrivare all’avvento del cd, alla dismissione del vinile e al definitivo affermarsi delle nuove tecnologie che tramite il download, hanno assestato a questo mondo la mazzata definitiva.

È il mondo di Alta fedeltà, libro di Nick Hornby e film di Stephen Frears, quello popolato da scaffali stracolmi di vinili dove gli appassionati si radunavano per mettere a confronto gusti e pareri culturali, spesso ampliando l’orizzonte dalla musica al calcio e ad altro. Quello che si dà appuntamento una volta all’anno per il Record Store day, la giornata celebrativa dei piccoli negozi indipendenti nata in America e divenuta ormai fenomeno mondiale, con code fuori dalle vetrine per impossessarsi delle edizioni speciali di dischi pubblicati per l’occasione.

Last man standing tenta anche un’analisi di tipo socio-economico del fenomeno del tracollo dei negozi indipendenti, attuale anche in Italia. «Abbiamo notato che parecchi dei negozi superstiti avevano due caratteristiche: una forte presenza su internet e la proprietà dell’immobile in cui erano situati. Chi non ha colto il cambiamento in atto non è riuscito a sopravvivere alla politica distributiva basata sulle vendite nei supermercati e online».

Il documentario, che si avvale della presenza di artisti rock molto legati al mondo dei record stores, come Paul Weller, Richard Hawley o Johnny Marr, chitarrista degli Smiths, porta il sottotitolo ascesa, caduta e rinascita dei negozi di dischi, e si conclude con un anelito di speranza per la sopravvivenza di questi luoghi, suffragato, in qualche modo, dalla ripresa del mercato del vinile.

Trasportando il tutto nella realtà di Genova è facile fare un paragone e concordare su molte delle analisi di Last shop standing. Così come individuarne ancora qualcuno e aiutarlo a tenere duro.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

A-X-L Un'amicizia extraordinaria Di Oliver Daly Azione 2018 Sullo sfondo dei classici film per famiglie degli anni '80, un'avventura, quella di un ciclista adolescente, Miles, che si imbatte in un cane militare robotizzato, chiamato A.X.L. Dotato di intelligenza artificiale di nuova generazione ma con il cuore... Guarda la scheda del film