Concerti Genova Lunedì 7 maggio 2012

La Banda di Piazza Caricamento al Teatro Modena. La recensione

Genova - Una Banda di Piazza Caricamento con molte novità, alcune new entry in organico, un nuovo cd in uscita e tanti progetti in cantiere, venerdì scorso ha chiuso, come di consueto, la stagione del Teatro Modena di Genova Sampierdarena con un live alimentato a pedali.

Ri-ciclo music è infatti la nuova iniziativa di Davide Ferrari e soci che consente, attraverso l’uso di un brevetto registrato in Canada dal gruppo Mr. Something & Something, di alimentare strumenti e luci del palco tramite una batteria di otto biciclette alimentate da volontari ciclisti presenti in sala.

Il passaggio dall’alimentazione convenzionale a quella ecologica non ha per nulla frenato l’energia dei sedici componenti dell’ensemble etnopunk con base a Genova, coinvolgendo, invece, il pubblico in una piccola competizione per occupare uno degli otto sellini a disposizione e contribuire così all’interscambio energetico, fra musicisti e pedalatori, nel segno del risparmio di Co2.

A cinque anni dalla sua nascita, la Banda di Piazza Caricamento, due cd alle spalle, l’esordio Babelmusic e il più recente Nu Town (promomusic), continua ad essere un bellissimo esperimento di convivenza multietnica e di scambio culturale; la formazione parzialmente rinnovata comprende ora sedici componenti da dodici diverse nazioni, Tagikistan, India, Sri-Lanka, Brasile, Messico, Marocco, Senegal, Grecia, Ruanda, Australia, Macedonia. Una vera babele di lingue, suoni e culture abilmente coordinata da Davide Ferrari, l’unico italiano del gruppo stabile, animatore, con l’associazione Echo Art, del Festival del Mediterraneo e di molteplici altre iniziative in campo musicale .

Il live 2012 della Banda annuncia una parziale svolta verso sonorità più decise rispetto al passato, un etnorock che vede nei fratelli italo greci Alexandro e Nikos Finizio (chitarra e basso) e nella granitica ritmica del batterista srilankese Kasun Marashina i suoi pilastri. Resta il ricchissimo apparato di percussioni, quest’anno comprendente anche strumenti autocostruiti a partire da materiali di scarto, com’è nella tradizione di molti paesi rappresentati nell’orchestra, così come l’alternanza fra le diverse voci e lingue, dal front man Albert Sardei alle tre ladies Yana Oder (Tagikistan) Nadeshwari Joythimayananda (India/Sri Lanka) impegnata anche in alcune suggestive figure di danza, e Jennyfer Villa (Italia/Ghana).

Fra i pezzi nuovi presentati, che faranno parte del nuovo cd in preparazione, una suggestiva Anima bella dedicata alle donne, e altre composizioni in tema con lo spirito ecologista del nuovo ciclo della Banda; non sono mancati i cavalli di battaglia come Mi Illumino di Meno scelta dalla trasmissione radiofonica Caterpillar per la campagna sul risparmio energetico, l’inno Bembè di Plaza Caricamento, la simpatica Pasta al Pesto e Papadan e, a finire come bis, con la platea in piedi a ballare e Davide Ferrari decisamente soddisfatto accanto al suo fido theremin, la cover di Rock the Casbah dei Clash.

Potrebbe interessarti anche: , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Lo splendore dei Gonzaga con l'Ensemble Biscantores , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

First man Il primo uomo Di Damien Chazelle Drammatico, Biografico U.S.A., 2018 L’avvincente storia della missione della NASA per portare un uomo sulla luna. Il film si concentra sulla figura di Neil Armstrong e sugli anni tra il 1961 e il 1969, esplorando i sacrifici e il costo che avrà per Armstrong e per l’intera nazione,... Guarda la scheda del film