Concerti Genova Lunedì 23 aprile 2012

Un incontro con i Meganoidi: il nuovo album Welcome in disagio

Genova - I Meganoidi? Di loro ho ascoltato poche canzoni. Di sicuro non li avevo mai sentiti dal vivo. L’ho fatto e mi hanno notevolmente impressionato.

Io sono una di quelle persone che ascoltano davvero di tutto: a guidarmi sono le mie sensazioni. La musica per me è quello. Deve suscitare sensazioni profonde, essere fonte d’ispirazione. Giorni fa sono stato alla presentazione dell'ultimo lavoro discografico dei Meganoidi e devo dire che, beh, merita. Merita davvero. Trovo che musicalmente siano a un livello di chiara e conclamata maturità e che i testi di questo Welcome In Disagio - così si intitola l’ultimo disco - siano autentica poesia.

Ma c’è di più. Hanno un cantante veramente simpatico. Sì, questa la voglio proprio raccontare. Si da il caso che io lavori nella via in cui si trova il ristorante di un suo amico e che lui, il buon Davide Di Muzio, passi spesso a fargli un saluto.

Qualche giorno fa avevo con me il cd (dovrei dirvi che l’avevo comprato cinque minuti prima, ma magari non ci credereste) ed ero sulla porta dell’ufficio, quando ho visto Davide salire a piedi su per la via. Sono corso dentro, ho preso il disco e senza ragionarci un secondo sono corso nuovamente fuori sventolandoglielo davanti alla faccia. Evidentemente dovevo avere un’espressione festosa, perché non si è affatto spaventato, ma è entrato dentro al mio ufficio, ha tolto lui il cellophane al disco e me l’ha autografato, ringraziandomi pure per aver comprato il disco originale, oggi che tutti ormai scaricano dalla rete (più o meno legalmente).

Beh, da quel giorno è passata circa una settimana e continuo a far suonare incessantemente il mio acquisto griffato. Ci sono diversi brani che meritano davvero, ma su tutti vi consiglio l’ascolto di Milioni di pezzi, che è stato il primo singolo estratto e messo in rete. Dice: «Dividerò il mio corpo in milioni di pezzi, per poi ricompormi in modo molto più preciso...». E chi è che del resto non vorrebbe farlo? Mi pare un’analisi perfetta del male di vivere, che sempre più spesso attanaglia l’essere umano moderno.

Sono davvero grandi questi Meganoidi. E poi sono un gruppo di Genova che sbandiera al mondo con orgoglio la propria origine. Si capisce chiaramente dalla sede delle foto contenute nel libretto che accompagna il disco. Ma questo, ecco, magari scopritelo seguendo il mio esempio. Comprate Welcome in disagio.

Potrebbe interessarti anche: , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Lo splendore dei Gonzaga con l'Ensemble Biscantores , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Senza lasciare traccia Di Gianclaudio Cappai Drammatico Italia, 2016 Ha cercato di dimenticare, ma del suo passato Bruno porta i segni sulla pelle e sotto pelle, nascosti tra le pieghe dell'anima e del corpo, come la malattia che lo consuma lentamente. Fino a quando Bruno non ha l'occasione di tornare nel luogo dove tutto... Guarda la scheda del film