Concerti Genova Sabato 7 aprile 2012

Genova. 'Trasparente': l'album di esordio di Tomaso Chiarella

Genova - Solitamente quello di debutto è un disco dove la prudenza si coniuga con accenni e slanci, nel tentativo di cogliere i frutti ancora acerbi della propria creatività. Spesso si tratta di lavori incentrati sul singolo di successo, che emerge anche perché coordinato con altri riempitivi che fanno ben presto arenare l’album nell’anonimato o peggio nell’indolenza creativa: imperdonabile all’esordio.

Trasparente, il primo album del genovese Tomaso Chiarella, rappresenta in questo senso una piacevole eccezione fin dal titolo che rinnega la solita omonimia «markettara» in favore di una parola semplice che incarna alla perfezione lo spirito con cui l’autore, ogni volta, imbraccia la sua chitarra. Trasparente come colui che non trattiene le emozioni, come chi rifugge l’opacità, come chi anela alla più totale libertà espressiva, senza timore di mettersi in gioco, né di mostrare le proprie debolezze. Come scrisse il grande Leonard Cohen, in ogni cosa c’è una crepa ed è da quella che entra la luce.

Lungi dall’essere un disco di genere, Trasparente è un album di nove canzoni a cui non manca certo la personalità e fra le quali, talvolta, vi è una eroica discontinuità. L’autore stesso può definirsi cantautore nel senso etimologico della parola, ma ha nelle proprie corde e nel proprio credo musicale, influenze e stili non proprio adiacenti. Si parte così dalla titletrack, che vede la partecipazione di Sandro Brunetti alla chitarra. Una canzone a se stante, nella sua stravaganza, giacché nasce fin da subito orecchiabile, fino al ritornello a perdifiato, con cambi di tono e ritmo, fra i più lunghi forse, della musica italiana.

Uguale a tutti è invece il classico brano estrapolabile come singolo per melodia e quadratura ritmica mentre si fa apprezzare il testo, sotteso di un’ironia dolente, nei confronti dell’incomunicabilità dei sentimenti e delle emozioni. Un altro punto di forza del cd è senza dubbio Adagiami, canzone d’amore lontana anni luce dalla melassa di certo pop tricolore, con parole dotate di artigli che venano l’aria di vetro creata dal cantato dell’autore e dall’impalpabile arrangiamento (tutti curati dal grande Bernardo Russo). A contrappuntarla in uno di quelli sbalzi di cui si accennava prima ecco Tu, questo sì pezzo pop, danzereccio, coinvolgente a livello ritmico seppur con un sound un po’ troppo scabro ed un testo non indimenticabile.

In Dire di no e nella finale Sorprendersi si avverte la passione del giovane cantautore per Rino Gaetano e Vasco Rossi, per la loro ironia e la capacità di giocare col non detto. Ma è con Un cinema vuoto d’estate che Chiarella torna alle cose migliori. Un rock nostalgico, un brano cinematografico, bobina di immagini desolate con flashback di speranza sempre pronti a fiorire qua e là: canzone davvero interessante che avrei visto come l’ideale chiusura del disco.

Insomma un lavoro che in ogni sua nota, in ogni accordo, trasuda una confortante umanità (oggigiorno per niente scontata) e lascia intravedere scampoli di un talento scarno, selvatico e trasparente. Come chi si lascia visitare dalle esperienze. Trasparente come un uomo che si lascia abitare e fortificare dalle emozioni. Trasparente come questo album, in viaggio lungo una strada che vale la pena di percorrere.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Sogno di una notte di mezza età Di Daniel Auteuil Commedia 2018 Daniel è molto innamorato di sua moglie ma ha molta immaginazione e un miglior amico che a volte è fin troppo ingombrante. Quando questi insiste per una cena "tra coppie" per presentare la sua nuova amichetta, Daniel si ritrova bloccato... Guarda la scheda del film