Concerti Genova Sabato 17 marzo 2012

Genova. Sonno Eliso di Edmondo Romano. L'intervista

Genova - Un album complesso e affascinante, Sonno Eliso di Edmondo Romano: 13 brani con un'architettura solida, musicisti d'eccezione e un interessante commistione di fascinazioni orientali, atmosfere jazz e impostazione classica. Un album dove nulla è lasciato al caso, che si è preso pure i complimenti di un musicista come Paolo Fresu, che ha definito il lavoro di Romano «un infinito patchwork musicale, senza frontiere geografiche o di territorio».

«Tutto quello che ascolti nel disco è stato interamente scritto e arrangiato su spartito» spiega Edmondo, sassofonista e clarinettista abituato a girare per l'Europa che nell'album passa con disinvoltura attraverso una ventina di strumenti a fiato, dal duduk a particolari aerofoni turchi.
«È un metodo di lavoro che mi arriva dalla musica classica, una delle espressioni artistiche più alte raggiunte dall'umanità. Per me, una passione costante. In Sonno Eliso mi sono preso molte libertà per andare oltre il jazz, un'espressione il cui senso si è spesso perso negli ultimi anni in troppe produzioni non sincere. Ho cercato di fare evolvere uno stile, con la contaminazione».

L'album - il primo di una trilogia sulla comunicazione - è tutto costruito sul rapporto tra uomo e donna: ai primi sei brani, ispirati al femminile, ne corrispondono altri sei, nella seconda parte del disco, che rappresentano l'universo maschile. La sintesi è raggiunta nell'ultimo brano, Risonanza, dove i due mondi si mescolano tra loro.
«La donna è incarnata da uno stile più passionale, da ritmi più mutevoli, mentre l'uomo è incastrato in una composizione più cerebrale, in riff quadrati».
Non esistono strumenti o temi ricorrenti assegnati a maschile femminile, ma un gioco più sottile di atmosfere, assonanze e schietta poliritmia: «Ho giocato molto sui cambi di tempo - spiega Romano - nel brano che chiude il disco si scontrano tre ritmi differenti: la parte femminile è scritta in sette ottavi, quella maschile in quattro quarti, mentre tra i due mondi la comunicazione è data da un violino che suona in tre ottavi. Le tre parti si incrociano dopo sette minuti, realizzando appunto la Risonanza che dà il titolo al brano e chiude l'album».

Il titolo del disco, Sonno Eliso, è anch'esso giocato sulle sfumature: «Il sonno è quello di un momento storico dove vedo troppi miei coetanei addormentarsi - spiega Romano - Ma è anche un sonno latente fatto di desideri e speranze perdute in un periodo di grande mutamento. Eliso invece ha una doppia accezione: da una parte è il participio di elidere - quindi togliere, eliminare - dall'altra rimanda ai campi elisi, dove maschile e femminile vivono in armonia».

Nel disco, prodotto da Eden Production in collaborazione con Creuza di Pivio ed Aldo De Scalzi, suonano musicisti di lusso come Ares Tavolazzi degli Area, Mario Arcari all’oboe, Riccardo Barbera al contrabbasso, Alessio Pisani al fagotto, Marco Fadda alle percussioni, Elias Nardi all’oud, Roberto Piga al violino, Kim Schiffo al violoncello e Fabio Vernizzi al pianoforte. «Sono musicisti con i quali collaboro da molti anni - spiega Romano - Ma li ho scelti perché li volevo in questo lavoro: nonostante sia tutto stato scritto a tavolino, ognuno di loro ha arricchito la partitura con la propria sensibilità».

Sonno Eliso è nei negozi e su iTunes da febbraio e verrà presentato con un concerto alla Claque di Genova il 21 aprile, ma nel frattempo sta riscuotendo un buon successo nel mercato nord europeo: «Non è n caso che le principali recensioni arrivino da lì - conclude con una punta di amarezza Romano - In Italia siamo molto settoriali e il mercato è molto difficile per chi prova a uscire dagli schemi. Tra poco, però, partirò per una tournée in Nord Europa».

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Sogno di una notte di mezza età Di Daniel Auteuil Commedia 2018 Daniel è molto innamorato di sua moglie ma ha molta immaginazione e un miglior amico che a volte è fin troppo ingombrante. Quando questi insiste per una cena "tra coppie" per presentare la sua nuova amichetta, Daniel si ritrova bloccato... Guarda la scheda del film