Teatro Genova Teatro Piccolo Mercoledì 28 settembre 2011

La nuova stagione del Sipario Strappato ad Arenzano

Genova - C'è aria di vera festa e partecipazione alla presentazione - affollatissima - della stagione 2011/2012 del Teatro Piccolo di Arenzano, curata dalla compagnia Il Sipario Strappato per la direzione artistica di Lazzaro Calcagno.

Al di là dei soliti formalismi, anche se alla presenza dell'assessore alla cultura della Provincia Anna Dagnino e dell'assessore del Comune di Arenzano Mauro Gavazzi, sembra di trovarsi di fronte più a un gruppo di lavoro vero, che a singole figure occupate a mostrarsi per ingegno o intelletto.

Insomma una messinscena corale inusuale e gradevole, che forse parla della svolta di questi nostri tempi infausti, capaci di portare tutti a migliori consigli nell'ora dolente e, soprattutto, a un confronto diretto e di nuovo efficace e persino produttivo.

Fatto sta che il sipario si alza già sabato primo ottobre (ore 21), con All colors, un lavoro della Compagnia dei Giovani del Teatro il Sipario Strappato, per la regia di Raffaele Casagrande.
Lungo una varietà di proposte, per un totale di 26 titoli in cartellone, la stagione prosegue, ospitando compagnie giovani, proponendo nuove produzioni del Sipario Strappato, tra drammaturgia contemporanea e classica, e confermando per il terzo anno una piccola rassegna di danza, fino alla fine di marzo.

Senza contare che tra aprile e maggio torna il cabaret, con la decima edizione della Risata strappata, e che tra ottobre e marzo il teatro si fa anche luogo di incontro per la presentazione di libri in una serie di eventi collaterali. E per ora non parliamo di tutta l'attività didattica e di laboratori con bambini/e, ragazzi/e e adulti/e.

Il clima è festoso non solo perché il Sipario Strappato accoglie tante realtà e compagnie senza casa, per esempio attraverso la neo-formazione TILT, ma anche forte di successi nazionali, per cui la produzione Comedians Blues, storia di comici, di whisky e di rapine con i Turbolenti, dopo la ripresa a dicembre ad Arenzano, girerà l'Italia con una tournée di più di 50 date.

Altro successo della compagnia e della direzione del teatro, una collaborazione con un teatro tedesco il Fränkischer Theatersommer, della Baviera, che in settembre è stata ad Arenzano per la coproduzione di Cuore caldo e Ginocchia Tremanti: uno spettacolo di commedia dell'arte con testi tratti da Massimo Trojano (1540-1590), Jean-F. Regnard (1655-1709), Carlo Goldoni (1707-1793) con riferimenti all’attualità italiana, connotato dalla forte comicità, su un adattamento e per la regia di Jan Burdinski, e gli interpreti della compagnia Il Sipario Strappato - in cartellone il 20 e 21 gennaio.

Tra le produzioni da segnalare il nuovo lavoro Camilla, (6-8 ottobre - ore 21), una terrorista, ma anche una normalissima ragazza aspirante architetto, un testo di Lazzaro Calcagno e Matteo Monforte, con Alessandra Caviglia, Davide Mancini e Marco Taddei, e le musiche del cantautore Zibba; l'altra nuova creazione Cenere, uno spettacolo che rievoca alcuni episodi inediti della resistenza ligure (presentato in forma ridotta al Ducale, nella vetrina di TILT, domenica 25 settembre) scritto da Marco Rinaldi, Matteo Monforte e Lazzaro Calcagno (anche regista) - in scena il 21 e 22 ottobre alle 21 e il 23 ottobre alle 17.30.

E infine, anche perché chiude realmente la stagione (30-31 marzo), L’incontro, una storia di incomunicabilità e solitudine per la regia di Lazzaro Calcagno, con Raffaele Casagrande e Sara Da Monte.

Tre colori - sempre festosamente - attraversano il pieghevole della stagione il verde per la segnalare gli spettacoli di Sipario si parte, rosso per gli spettacoli della rete TILT e giallo per le proposte di balletto sempre curate da artisti liguri. «In questa stagione - spiega Calcagno - c'è spazio anche per le compagnie amatoriali, da non confondersi con i dilettanti.

Piuttosto artisti a cui diamo la possibilità di proseguire il loro percorso e per qualcuno fare il salto della quaglia verso il professionismo», ecco dunque che sul palco Sipario si parte saliranno gruppi nuovi o di recente formazione per proporre il loro lavoro, tra cui la compagnia Altea con California Suite, testo di Neil Simon, per la regia di Gino Versetti (26 novembre); oppure il Laboratorio Teatrale Circolo Roccolo che presenta Natale al basilico di Valerio Di Piramo (16-17 dicembre; o ancora Le intellettuali di Molière del gruppo Palco Giochi, per la regia di Fabrizio Giacomazzi (13-14 gennaio). E ancora Di che morte devo morire del gruppo Mamunda (17-18 febbraio) e Acrostico Bizzarro, messo in scena dai Conviviali per la regia di Iula Rossetti (17 marzo).

Spazio ai giovani ma anche a chi il palco lo calca da anni portando avanti un teatro politico come Beppe Casales in scena al Sipario Strappato (il 15 ottobre - ore 21) con La Spremuta un lavoro (in collaborazione con l'associazione Via e Narramondo Teatro) che ripercorre i fatti di Rosarno del gennaio del 2010, quando un gruppo di immigrati africani si ribella dopo anni di sfruttamento indiscriminato, un episodio da molti già dimenticato, spesso presentato come atto violento e vandalico, che Casales mette in stretta relazione con la Calabria, la mafia, la politica e tanta storia italiana tanto poco-chiara.

Anche questo spettacolo di narrazione è stato presentato in forma ridotta all'interno di TILT riscuotendo un meritato e caloroso applauso nonché varie strette di mano a conferma di un lavoro molto interessante nella forma, oltreché nei contenuti. E poi ancora Teatro Ovunque e Stms con Trompada de Tango, di Moreno, Antonio Tancredi e A. Scipilliti (29 ottobre) e Vi dichiaro marito e moglie di Alessandro Bergallo e Anna Fraioli (11-12 novembre) e il Teatro dell'Ortica con Ridatemi la Potemkin (28 gennaio).

Potrebbe interessarti anche: , Una Tosca cinematografica al Carlo Felice, con il tema della violenza sulle donne , Nasce Teatri del Paradiso: Teatro Sociale di Camogli e Teatro Pubblico Ligure firmano l'accordo , La classe operaia va in paradiso alla Corte, il capolavoro di Elio Petri con Lino Guanciale , Teatro materico e sensoriale in Macbettu di Teatropersona. La recensione , In nome del padre. Mario Perrotta canta errori e fragilità dei padri di oggi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.