Concerti Genova Sabato 24 settembre 2011

Michele 'Mezzala' Bitossi, il primo album solista senza i Numero 6

Genova - Esce lunedì 26 settembre Il problema di girarsi (Urtovox Records), il primo album solista di Michele Mezzala Bitossi, voce dei Numero 6. Un disco calcistico, come il nome d'arte scelto dal cantante: «La prima partita del Genoa l'ho vista a tre anni: anche se per molti versi detesto il calcio moderno non poteva che essere così» ci spiega Michele, che nello scorrere delle dodici tracce usa la metafora sportiva per raccontare un mondo che non esiste più, dalla ripartenza del primo singolo (Ritrovare il gol) al titolo scelto per l'album, una delle più felici citazioni di Bruno Pizzul.

E proprio il celebre commentatore della Rai potrebbe regalare un'ironica telecronaca al videoclip di Ritrovare il gol: «Abbiamo avviato dei contatti -spiega Mezzala- Pizzul è una persona gentilissima e si è molto divertito ad ascoltare il progetto: in fase di montaggio forse aggiungeremo il suo contributo».

Al di là dell'ironia, già apprezzata nei precedenti lavori con Enrico Brizzi, sottotraccia Bitossi nasconde una grande malinconia. «La spinta creativa è stata la morte di mio padre, due anni fa: in questo senso il disco è stata un'esperienza terapeutica. Per questo non ho voluto invadere gli spazi del gruppo».
Nonostante l'urgenza del raccontare, i riferimenti al lutto si ritrovano solo in certe atmosfere, citazioni e passaggi ambigui. «Solo Heypa è dedicata esplicitamente a mio padre - continua Mezzala - Per il resto Il problema di girarsi è un disco pop del 2011. Certo, non da classifica, ma lo definirei colorato e molto melodico: ho lavorato soprattutto su quello».

Arricchitosi degli arrangiamenti di Mattia Cominotto dei Greenfogstudio di Genova, il disco oggi suona ricco di sfumature. Un risultato piuttosto lontano dall'idea originale di Mezzala: «Subito pensavo a un disco scarno, solo chitarra e voce. Niente batteria né synth. Poi la direzione artistica di Mattia mi ha fatto cambiare rotta».
Una rotta che però non ha allontanato Bitossi dai Numero6: «La band è viva e vegeta: il nuovo album dei Numero6 è quasi pronto. Lo mixeremo a novembre e uscirà a febbraio. Questo mio lavoro solista non ha fatto altro che rafforzare la nostra unione come gruppo: passati i trent'anni ti senti sempre protetto dalla band, ma subentrano dinamiche sottili, non sempre positive. Ognuno di noi cerca un proprio percorso da coltivare in parallelo al gruppo».

E anche in parallelo saranno i concerti di Mezzala: a novembre parte il tour di Il problema di girarsi, dapprima in duo col colelga di band e polistrumentista Tristan Martinelli, poi con un organico rock allargato. E poco dopo le date si incroceranno con quelle dei Numero6. «Saranno spettacoli diversi -spiega Mezzala - Le differenze sono soprattutto testuali e vanno ricercate».

Per ogni aggiornamento sui progetti di Mezzala, il contatto diretto è la sua pagina Facebook, aggiornata in questi giorni con un countdown sull'uscita dell'album: ogni giorno un nuovo testo. Sindrome da Vasco Rossi? «Magari! -Ride Bitossi- A me piace semplicemente interagire con chi mi scrive. E poi il web è fondamentale per far conoscere la propria musica. Bisogna mettersi in gioco, senza snobismo: se è esisto è perché ho gente che mi segue. Va amata e informata».

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Renzo Piano L'architetto della luce Di Carlos Saura Documentario 2018 Nel 2010 la Fondazione Botín di Santander, sulla costa cantabrica, legata al grande gruppo di credito spagnolo, affida al Renzo Piano Building Workshop l'incarico di costruire un centro culturale che porti il nome del suo fondatore. Un edificio... Guarda la scheda del film