Teatro Genova Venerdì 23 settembre 2011

Gog festeggia il centenario: il programma

Genova - Cento anni e non sentirli: può sembrare uno slogan scontato e abusato, ma per la Gog., giovine di nome e di fatto, non è così. Tutto cominciò a Genova alla fine del 1911, quando un gruppo di musicisti si riuniva intorno a una straordinaria figura di predicatore e di uomo di profonda cultura, il barnabita Padre Giovanni Semeria.

Nasceva così la Giovine Orchestra Genovese, orchestra giovanile che nel marzo del 1912, all'Istituto Vittorino da Feltre, si costituiva in associazione di cultura musicale, con lo scopo di favorire lo studio e l'esecuzione di musica orchestrale, promuovere concerti orchestrali e con programmi prevalentemente di musica classica. Con il passare degli anni, attraverso l'esperienza dura di due guerre mondiali, la Gog si focalizzò progressivamente nell'organizzazione di importanti stagioni di musica da camera, annoverando fra i suoi soci personaggi illustri quali Eugenio Montale e, in qualità di presidente onorario, Arturo Toscanini. Sebbene la musica da camera possa apparire, agli occhi di un osservatore non esperto, un genere musicale da intenditori, in realtà la Gog ha realizzato, nel corso della sua storia, oltre 2000 concerti, spaziando in altri generi come il folk, il jazz e i più importanti fenomeni musicali. Nel corso dei decenni la Gog è cresciuta, e negli ultimi anni ha preso dimora al Teatro Carlo Felice, dove annovera circa 900 abbonati e un totale di oltre 30.000 persone.

Ora la Gog si presenta a quest'importantissimo traguardo - che non molte società di concerti possono vantare in Italia - con le carte in regola, e numerose. A parte infatti la stagione canonica di concerti (28!), che prenderanno il via il prossimo 10 ottobre con la presenza sul palcoscenico del Carlo Felice di Uto Ughi, c'è molto altro, e declinato alla giovine, come ha spiegato un emozionato Nicola Costa, presidente del sodalizio, alla conferenza stampa di presentazione del progetto Centenario questa mattina nella sede di Galleria

Andiamo con ordine. Sempre in tema di musica più propriamente eseguita, sono da segnalare il ciclo dedicato all'integrale delle 32 Sonate di Beethoven a Palazzo Ducale (dal 3 al 6 maggio 2012) eseguite su strumenti d'epoca e la rassegna Barocco & contemporaneo a Palazzo Spinola (febbraio-marzo 2012). Un evento a sé sarà la presenza a Genova dell'Orchestra Sinfonica Giovanile del Venezuela Simon Bolivar il primo dicembre, con il suo fondatore Josè Antonio Abreu, salito anche agli onori della cronaca italiana grazie a Claudio Abbado, che ha sposato il suo progetto di riscatto dalla povertà e dalla malavita di tante migliaia di giovani venezuelani attraverso El Sistema, in cui la musica assume un significato di via primaria per la promozione e il riscatto sociale e intellettuale.

Ma c'è di più: come ha spiegato Nicola Costa, nel corso dei prossimi anni la Gog, coerentemente con le sue finalità statutarie, intende sviluppare un progetto su larga scala di divulgazione ed educazione all'ascolto della musica d'arte: una sorta di alfabetizzazione alla musica che punta a riempire la voragine esistente nella cultura italiana in questo settore. Il pubblico di riferimento di questo progetto è rappresentato sia dalle fasce in età scolare e universitaria sia dall'universo di coloro che, pur amando la musica in generale, si tengono distanti dalla musica classica e la affrontano episodicamente per mancanza di chiavi di lettura e/o di occasioni per approfondirla. In concreto la Gog visiterà, grazie all'impegno del suo direttore artistico Pietro Borgonovo, una cinquantina di classi della scuola dell'obbligo e dei licei. L'attenzione però sarà rivolta anche a realtà difficili, come il carcere di Marassi e Pontedecimo e gli ospedali Galliera e Gaslini, con progetti mirati.

Infine, è stato costituito un Comitato d'Onore del Centenario, che annovera nomi del mondo della cultura, della politica e dell'imprenditorialità cittadina e quelli dei grandi musicisti che si sono stretti vicino alla Gog in questo momento davvero speciale: e dunque ecco, tra gli altri, Riccardo Muti, Renzo Piano, Fernanda Contri, Giorgio Pestelli, Fabio Vacchi, Tonino Conte, Salvatore Accardo. Il tutto sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Mica male, no?

Potrebbe interessarti anche: , Lo Schiaccianoci, balletto al Carlo Felice: un classico di Natale tra sogni e tradizione , Sergio Maifredi: primo Sovrintendente alla guida del Teatro Sociale di Camogli , Circo, teatro, acrobatica, poesia in bilico in Circumnavigando 2018-19 , Davide Enia al Modena con L'abisso tratto dal romanzo vincitore del Mondello , Spettacoli tout public e pubblico protagonista alla Tosse con Resistere e creare

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Dinosaurs Di Francesco Invernizzi Documentario 2018 Pochi sono a conoscenza del fatto che la maggior parte degli scheletri di dinosauri esposti nei musei sono ricostruzioni e che nel mondo gli esemplari originali sono presenti in un numero limitato. Questo documentario, con immagini in 8K girate in Italia,... Guarda la scheda del film