Teatro Genova Venerdì 1 luglio 2011

Festival In una notte d'estate 2011 in piazza San Matteo

Genova - Quest'anno per la sua quattordicesima edizione, il Festival in una notte d’estate – percorsi tra storia e fantasia, al via il 5 luglio come tradizione sul sagrato dell’Abbazia di San Matteo (Genova), presenta un cartellone che si estende fino all'8 agosto, e che «si articola intorno al tema della storia rielaborata attraverso la fantasia», spiega Daniela Ardini, direttrice artistica della manifestazione e di Lunaria Teatro la compagnia ideatrice e organizzatrice del cartellone teatrale estivo.

«Sono tantissime le compagnie ospiti quest'anno - sottolinea Ardini con orgoglio - da Torino, Assemblea Teatro con Il peso della farfalla, una narrazione musicata, tratta dall’omonimo romanzo dello scrittore napoletano Erri De Luca (lunedì 18 luglio); Enverse Teatro, una virtuosa realtà a cavallo tra Torino e Aosta, che cura anche un bel cartellone estivo alle pendici dei monti, in scena con lo spettacolo Furiosos, mille versi dell’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto scelti da Guido Davico Bonino (sabato 23 luglio); da Roma Rocco Familiari e Le Nuvole Teatro con Orfeo e Euridice (lunedì 1 agosto), in scena Barbara Amodio e Gianluigi Pizzetti e i musicisti Giovanni Monti (pianoforte) Ubaldo Rosso (flauto traverso) impegnati su musiche originali di Gianluca Pezzino; da Milano uno spettacolo sui 150anni dell'Unità di'Italia di Mario Cei, GRAZIE MILLE! alla ricerca di una Giovine, bella Italia perduta (martedì 2 agosto), con lo stesso Cei e Alessandro Quasimodo e Francesca Gemma, Adalgisa Vavassori, Fabio Zulli, e Adalberto Maria Riva al pianoforte; ancora da Torino, Diversamente comici, un cabaret creato sul linguaggio dei segni, qualcosa di molto diverso e molto divertente, di Giuditta Cambieri e Alessio Tagliento, con Giuditta Cambieri Francesco D’Amico, con il patrocinio di Ente nazionale sordi - Istituto statale per sordi di Roma (5 agosto); da Brescia (lunedì 8 agosto) invece l'attrice Veronica Rocca che presenta una serata comica intorno agli anni '20: Noi siam come le lucciole. Gli anni venti in musica, di Beppe Anderi, con Andrea Manzoni al pianoforte, per la regia di Paolo Zanone».

E poi dalla Grecia, c'è la conferma dell'ospite internazionale Theodoros Terzoupolos ormai di casa al festival, che quest'anno porta «un lavoro molto originale - prosegue Ardini - Éremos, di cui è anche interprete oltre che regista, molto lontano da quello che ci ha abituato essere il suo stile. Tratto da La Persuasione e La Retorica, tesi di laurea del filosofo-poeta Michelstaedter, suicida a 23 anni, lo spettacolo porta in scena un attore e il suo corpo: una macchina poliritmica, alle prese con le forze elementari della natura, l’elemento razionale e l’istinto, un conflitto centrale dell’antica tragedia greca (e infatti la drammaturgia di Éremos utilizza anche un montaggio di frammenti di Eschilo e Euripide) ed è rappresentabile come la lotta di un corpo stanco sulla soglia della morte».

Va ricordato che come sempre accanto al festival si sviluppa una serie di eventi collaterali - incontri e letture - e che qualche ora prima di salire sul palco, proprio giovedì 28 luglio, alle ore 19, Theodoros Terzopoulos si racconterà al Loggiato di Palazzo Giulio Pallavicino, in un incontro presentato da Margherita Rubino, docente di Teatro e Drammaturgia dell’Antichità dell’Università di Genova.

A proposito delle produzioni di Lunaria Teatro al festival, Daniela Ardini ricorda il recente successo di Tutto è bene quel che finisce bene al Teatro Duse (18-22 maggio), che ha segnato il tutto esaurito, e lasciato fuori molte persone: «ma che abbiamo deciso di non riproporre al festival, dove invece presentiamo due produzioni legate alla storia ligure e alla lingua genovese Nave Garaventa, un babau ancora in porto, una commedia musicale, che ripercorre la vita del burbero Garaventa, con 12 attori in scena e musiche di Bruno Coli e Giuseppe Marzari, un uomo in frac, con Andrea Benfante che esegue tutto il repertorio marzariano anche alcuni brani in genovese».
Rispettivamente il primo e il secondo spettacolo in cartellone: Nave Garaventa, da martedì 5 luglio a domenica 9, nato da un’idea dello scrittore Giovanni Meriana e di Daniela Ardini, vede sul palco Vittorio Ristagno, Andrea Benfante, Paolo Drago, Mario Marchi e i ragazzi della ciurma creata da Nicolò Garaventa nel 1883, con l'intento di redimere e salvare dalla strada molti giovani grazie ad un mix fatto di disciplina militare, responsabilizzazione e senso di appartenenza, uniti all’attività fisica e artistica.

Da lunedì 11 a venerdì 15 luglio, Giuseppe Marzari, un uomo in frac, con Andrea Benfante che farà rivivere gli esilaranti scatch dello sciö Ratella, l’inconfondibile macchietta che Marzari impersonò numerosissime volte per la radio dalle frequenze locali della Rai Liguria.

Come per le altre realtà artistiche e culturali la nota dolente è il budget che però nel caso di Lunaria ha visto delle novità in positivo: «quest'anno presentare il Festival è stata un'avventura, ma le mille difficoltà non ci hanno scoraggiato e grazie agli sponsor, agli amici artisti, alla buona volontà e ai risparmi su tutto, per i quali ringraziamo anche i fornitori, ci siamo riusciti». La nota positiva sul bilancio arriva dalla Compagnia di San Paolo che, nell’ambito del Bando Arti Sceniche in Compagnia aumenta il suo contributo a 35.000 Eu. «Una evidente dimostrazione che la nostra credibilità è aumentata. Per questo sicuri che la città e il nostro pubblico ci sosterrà seguendoci il più possibile, speriamo nel coinvolgendo di altri amici, per far sì che gli incassi dei biglietti possano aiutare a coprire, almeno in parte, la lontananza degli Enti Pubblici. Per questo lanciamo un appello: se vi piace quello che facciamo aiutateci a diffondere i nostri eventi!».

Potrebbe interessarti anche: , Superare l'ansia da palcoscenico? Con Maniman Teatro e i corsi di improvvisazione teatrale , Teatro Nazionale di Genova: la campagna abbonamenti 2019/20. Novità e promozioni , Teatro di Cicagna: la stagione 2019/2020. Programma, spettacoli e novità , Teatro Carlo Felice, la stagione 2019/2020: il programma, dall'Opera ai concerti , A Vado Ligure l'Abbecedario di Valerio Bacigalupo: due inedite serate-spettacolo nel giardino di Villa Groppallo

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.