Attualità Genova Lunedì 20 giugno 2011

Punto G: Dacia Maraini, Susanna Camusso e Lidia Menapace. Tra genere e globalizzazione

Genova - Sabato 25 e domenica 26 appuntamento con Punto G 2011: Genova, genere, globalizzazione, un momento di incontro per parlare, come recita lo slogan dell'evento, a una società di donne e uomini equa, solidale, pacifica e democratica.

Dieci anni fa, il 15 e 16 giugno del 2001 a Genova, un mese prima del G8, la rete delle donne, aprì le iniziative politiche del Genova Social Forum con tre giorni di dibattiti, seminari e una manifestazione per le vie della città. Oggi a dieci anni di distanza si riunisce un nuovo Punto G, per continuare ad affrontare argomenti come il sessismo, il razzismo, l'ingerenza dei fondamentalismi religiosi, la riduzione della libertà nelle scelte riproduttive e sessuali, l'inquinamento del pianeta, la violenza maschile e la politica economica iniqua.

L'incontro è organizzato dalla rivista trimestrale femminista Marea, insieme a diverse reti di donne. La direttora di Marea, Monica Lanfranco, racconta l'evento: «Non abbiamo voluto che fosse una celebrazione, né un amarcord, ma abbiamo deciso di coinvolgere chi non c'era, specialmente le giovani donne e i giovani uomini, per riflettere sulle problematiche della globalizzazione e sulle possibili pratiche di resistenza e cambiamento».

Punto G 2011 prevede tre sessioni plenarie in cui si discute di fondamentalismo, religioso, libertà e diritti delle donne, corpi femminili nella società globale, lavoro e precariato, oltre a due laboratori: il primo riguardante il rapporto tra migranti e nativi e il secondo sulla cura della Terra. La sera del 25 si svolge una Camminata Festosa, un percorso aperto che utilizza la creatività, contro la violenza, il potere e la passività. Durante la kermesse anche alcuni momenti di performance, tra cui quello con le donne Omsa, che difendono il loro posto di lavoro. In programma anche una tavola rotonda: Il femminismo del XXI secolo: siete il nostro passato, siamo il vostro futuro. Tra gli ospiti della manifestazione Dacia Maraini, Susanna Camuso, Lidia Menapace, Lia Masi, Houzan Mahmoud, Gita Shgal, Maryam Namazie, Soad Baba Aissa, Lorella Zanardo, Eliana Como e moltissime altre.

«Non un semplice dibattito» spiega Monica Lanfranco «ma un incontro tra generazioni diverse. È un modo per creare uno scambio e una partecipazione attiva, attraverso genealogie, storie e corpi».

Un incontro femminista certamente, tuttavia, l'iniziativa, come sottolineano le organizzatrici è aperta a tutti: «perché il mondo futuro possa essere fondato diversamente, non sul profitto, ma sulla soddisfazione dei bisogni, sui diritti e su una cittadinanza mutuata in base alla residenza e non alla nazionalità».

Di seguito il programma completo dell'iniziativa

Sabato 25 giugno
Mattina Aula Magna San Salvatore – Facoltà di Architettura – piazza Sarzano

9.30 Apertura

10.00 Monica Lanfranco
Perché, e come, ancora qui 10 anni dopo

Prima sessione plenaria - Coordina Laura Guidetti
Donne tra laicità e fondamentalismi religiosi

10.15 Houzan Mahmoud
Religione e tradizione: le gabbie del relativismo culturale

10.35 Gita Sahgal
I diritti delle donne sono diritti universali

10.55 Maryam Namazie
La legge è uguale per tutti/e


11.15 Soad Baba Aissa
Stiamo entrando nell’oscurità? Riflessioni sulla laicità in Europa

11.35 domande – 11.45 pausa caffè

Seconda sessione plenaria - Coordina Monica Lanfranco
Corpi da vendere e da usare nel mercato globale

12,00 Lorella Zanardo
Dare voce alle giovani donne

12.20 Dacia Maraini
Il linguaggio seduttivo del corpo femminile

12.40 Eleonora Cirant
Corpi rivoluzionari, corpi rivoluzionati

13.00 Paola Lanzon
Libere tutte e tutti: dall'associazionismo un antidoto alla dittatura dei modelli estetici

13.20 domande – 13.30 buffet

Sabato 25 Giugno
Pomeriggio- Aula Magna San Salvatore – Facoltà di Architettura – piazza Sarzano

Terza sessione plenaria - Coordina Nicoletta Pirotta
Lavoro tra produzione e riproduzione

14.30 Rosangela Pesenti
Tra casalingato e volontariato: donne nel fondamentalismo economico

14.50 Eliana Como
La precarietà come condanna

15.10 Valeria Maione
Il valore e i valori delle donne

15.30 domande – 15.40 pausa caffè

Ore 16.00 – 18.45 Laboratori
Migranti e native: i luoghi e le pratiche con le nuove cittadine.
Facilitano: Tiziana Dal Pra, Corinna Vicenzi, Cristina Cattafesta, Anita Giuriato.

La terra siamo noi: pratiche e luoghi della cura glocal.
Facilitano: Laura Cima, FemminilePlurale (Vicenza), Nadia Gambilongo, rete donne dell’Aquila, Rita Sarao

Sabato 25 Giugno
Sera

19.00 Camminata festosa da piazza Sarzano a piazza de Ferrari

21.00 Cena Santa Maria di Castello (prenotazioni obbligatorie, entro l'11 giugno)

22.00 Musica e narrazioni, con la partecipazione di Beatrice Monroy

Domenica 26 Giugno

Mattina

Aula Magna San Salvatore – Facoltà di Architettura – piazza Sarzano
10.00 Il femminismo del XXI secolo: siete il nostro passato, siamo il vostro futuro.
Susanna Camusso, Giancarla Codrignani, Lia Masi, Lidia Menapace e
Luisa Morgantini interloquiscono con il pubblico.
Domande e provocazioni di: Roberta Cavicchioli, Rossella Dorini, Valentina Festo, Valentina Genta, Laura Paleari, Laura Varlese. Conducono Monica Lanfranco e Lorella Zanardo

Per info

http://puntoggenova2011.wordpress.com/infocontact-us/

Potrebbe interessarti anche: , Ondata di caldo a Genova: bollino giallo il 26 e 27 giugno. Le previsioni , Hennebique Genova, online il bando pubblico per ristrutturazione e gestione , Genova: cittadinanza onoraria al Principe Alberto II di Monaco , Mercato Tre Ponti di Sampierdarena: demolizione e restyling. Il progetto , Parco del Ponte Morandi: scelte le 6 proposte finaliste del concorso

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.