Concerti Genova Lunedì 20 giugno 2011

Subsonica: il tour dell'estate 2011 parte dal Porto Antico. Tutte le date

© Fabio Viziano
Altre foto

Genova - Ormai, ho perso il conto dei concerti dei Subsonica visti finora. Quel che è certo, è che il gruppo torinese è, per me, un'ineffabile certezza: so sempre con largo anticipo che il loro sarà un live molto più che energetico, quasi viscerale. Finora, non sono mai stata smentita.
L'incanto si è ripetuto anche sabato 18 giugno, quando i Subsonica si sono esibiti gratuitamente al Porto Antico di Genova nell'ambito della Festa della Musica organizzata da Fnac.

Una marea umana composta anche da tanti giovanissimi, pressati sotto il palco, nonostante la pioggia incombente che, quando ha iniziato a venire giù, ha portato refrigerio, più che fastidio.
I cinque, con cravatta sottile e camicia monocromatica, rossa o nera, a ricordare un po' i Kraftwerk, i White Stripes o gli Hives, a seconda dei gusti, patiscono anche loro l'afa, ma non si risparmiano e, in due ore di concerto, esaltano la platea con un buon mix tra brani nuovi, tratti dall'ultimo lavoro, Eden, e quelli più datati del loro vasto repertorio che, con pezzi come Non
identificato
, ha i piedi ben radicati nell'ormai lontano '97.

Sembra ieri che il loro suono trasversale e contaminato da elettro-pop, reggae e dub iniziava ad echeggiare nell'etere trasmesso dalle radio nazionali: i ragazzi sono cresciuti, si sono innegabilmente evoluti, arrivando a padroneggiare le sonorità sintetiche senza mai scadere in produzioni asettiche, ma il loro impianto ritmico e melodico ha mantenuto una indubbia riconoscibilità.
Elemento fondamentale della loro produzione, poi, sono i testi: appoggiati su un diverso tappeto musicale, probabilmente, non avrebbero lo stesso impatto, dopotutto si tratta di (oso!) poesia cyber-punk. Eppure, esulati da qualsiasi suono, sono anch'essi immediatamente identificabili come stile Subsonica: uno degli ultimi singoli, per esempio, quell'Istrice cantato a squarciagola da tutta la platea, ne è un esempio, leggerne i versi per credere.

E, non a caso, un evento collaterale all'esibizione, promosso su Facebook, era proprio la creazione di una frase in stile per potersi aggiudicare un incontro con la band nel backstage. Non ho idea di chi abbia vinto, ma non credo che sia stata un'impresa semplice ricreare l'aura dei testi del gruppo. Lode al vincitore, quindi.

Depre, Dentro i miei vuoti, Discolabirinto, Nuvole rapide, Aurora sogna, Liberi tutti, Albascura, Colpo di pistola, per lo zoccolo duro degli ammiratori. Serpente, Tra gli dei, Il diluvio, Benzina Ogoshi, La funzione (senza i Righeira, acc!), per omaggiare la nuova generazione di fan che - lo dice con eccessiva aria di superiorità una povera vegliarda rivolgendosi ad una buona fetta dei
giovani presenti - dovrebbe iniziare a buttare seriamente un orecchio a Battiato e ai CCCP, se intende cogliere alcuni interessanti riferimenti a cui i Subsonica hanno attinto negli anni e ad altri che non mancano di fare durante i concerti.

Dopo un'apparente conclusione con Tutti i miei sbagli (nel video qui sopra, ndr - credits: deppe79 / youtube) ed un'ispirata Angelo, cantata quasi a cappella da Samuel, dedicata dal
Casacci a Don Gallo, col Ninja che - come suo solito - filmava gli eventi, il gruppo è rientrato a sorpresa sul palco, mentre la folla già iniziava a disperdersi.
Ultima doccia adrenalinica con L'odore.
Bella, per carità, personalmente stravedo per quel pezzo, ma in cuor mio ho sperato fino all'ultimo in Preso blu, con tutto il pesante carico socio-politico che di solito i cinque gli attribuiscono.

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Hereditary Le radici del male Di Ari Aster Horror U.S.A., 2018 Quando l’anziana Ellen muore, i suoi familiari cominciano lentamente a scoprire una serie di segreti oscuri e terrificanti sulla loro famiglia che li obbligherà ad affrontare il tragico destino che sembrano aver ereditato. Guarda la scheda del film