Weekend Genova Rifugio Parco Antola Giovedì 12 maggio 2011

Rifugio Parco Antola: escursioni, passeggiate, gastronomia

Altre foto

Genova - «Per uno stacco dalla solita routine e per immergersi nella natura e nei meravigliosi paesaggi che circondano il rifugio». Queste sono le motivazione che, secondo i nuovi gestori della struttura del Rifugio Parco Antola, dovrebbero spingere gli amanti delle camminate e i veri esperti degli itinerari sugli Appenini a passare da queste parti. Dalla fine di marzo, infatti, dopo un difficile passaggio fra vecchie amministrazioni e sporadiche guide dei volontari, ora questo spazio, il Rifugio, riaperto e restaurato nel 2007, ha dei nuovi responsabili.

Il nuovo gestore ufficiale è Giorgio Baschera, socio Cai di Verona. Quando gli chiedo il motivo del suo trasferimento su queste alture risponde: «Principalmente volevo tornare in un rifugio. La montagna poi è uguale ovunque. Se fossi stato in Sicilia sarebbe andato bene lo stesso. Qui però ho anche la sfida della sistemazione della struttura da portare avanti e ho uno stimolo in più».

Un montanaro doc che ha un obiettivo chiaro: «La prima cosa è farsi conoscere, soprattutto con gli escursionisti che vengono qui durante la settimana. Abbiamo grandi progetti, ma sono tutti ancora da discutere. Intanto manteniamo una buona collaborazione con le reti scout e con l'Ente Parco».
In questo arduo compito Baschera è aiutato in tutto e per tutto da Federico Ciprietti, un socio Cai di Torriglia e conoscitore di questi luoghi, crocevia di itinerari lungo gli Appennini.
Federico alla vita di montagna non vuole proprio rinunciare: «Il solo pensiero di lavorare in città mi opprime. Quando Baschera mi ha proposto di aiutarlo ho subito accettato».

Per chi si volesse avvicinare ai panoramici sentieri dell'Antola, abbiamo chiesto a Federico, che in queste zone ci veniva fin da piccolo, quale percorso consiglia: «Soprattutto per le famiglie con bambini o le persone un po' in là con l'età, il sentiero da Casa del Romano (1300 metri) al Rifugio (1460 metri) non è troppo impegnativo. Ha poco dislivello e si conclude in una o due ore di cammino, avendo in più dalla sua parte anche un bel panorama».
E per chi invece è un po' più esperto? «Qui i percorsi sono tanti. Io partirei da Pentema, in un percorso impegnativo dalle due alle tre ore. Consiglierei anche Torriglia, che ha più o meno la stessa durata e lo stesso livello di difficoltà. È possibile anche parcheggiare l'auto».

Con il Parco dell'Antola vengono organizzate anche gite e percorsi per le scuole, che comprendono il Rifugio come tappa dove dormire una notte. «È bello avere a che fare con i ragazzi - aggiunge Federico - che decidono con i loro professori di passare del tempo con noi. Noi cerchiamo sempre di invogliare i giovani alla vita essenziale della montagna. Cerchiamo di non dare per scontato nulla, dal tramonto al fiore, fino al rapporto con la fauna locale». Essendo immerso nella natura, infatti, il Rifugio offre un'esperienza unica di contatto con l'ambiente circostante. Volpi e daini, che sono soliti frequentare questi luoghi, non sembrano più spaventati dall'essere umano, permettendo di avvicinarsi senza vederli scappare via nel bosco. A volte, se si è fortunati, si riesce anche a dar loro da mangiare, ammirandoli da vicino.

Il rifugio offre un servizio ristorante con un menù fisso composto da orzo e funghi porcini, il gulash con polenta e la torta di mele fatta in casa.
Tutto ad opera di Michele Bicego, il cuoco, anche lui di Verona, come il gestore. È diplomato alla scuola alberghiera e ha avuto esperienze all'estero e in Italia, oltre ad essere cresciuto in un rifugio fino all'adolescenza. A questo menù di base si aggiungono alcune varianti, come la salsiccia con la polenta o la pasta al ragù. Di locale, invece, nel piatto dei vari salumi, viene proposto anche il Salame di Sant'Olcese.

Per chi fosse interessato a passare un giorno in questi luoghi del nostro Appennino, trovate il programma completo delle escursioni organizzate per il mese di maggio e giugno cliccando qui.

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Bohemian rhapsody Di Bryan Singer Biografico, Drammatico, Musicale U.S.A., Regno Unito, 2018 Un racconto realisto ed elettrizzante degli anni precedenti alla leggendaria apparizione dei Queen al concerto Live Aid nel luglio del 1985. Guarda la scheda del film