Euroflora 2011: cosa vedere nel weekend? - Genova

Viaggi Genova Venerdì 22 aprile 2011

Euroflora 2011: cosa vedere nel weekend?

Altre foto

Genova - Aggirarsi tra i padiglioni di Euroflora dà quasi una sensazione di straniamento. Ci eravamo stati qualche giorno fa prima dell'inaugurazione e vi avevamo mostrato le foto degli allestimenti in anteprima. Allora la Fiera di Genova era semivuota, c'erano solo gli addetti ai lavori che sistemavano gli ultimi dettagli.

Oggi, 22 aprile, è il secondo giorno di kermesse (dura fino al primo maggio) e siamo tornati a vedere com'è la situazione: una marea di gente che si aggira, mappa e macchina fotografica alla mano, tra piante e fiori di tutti i colori. E chissà quante persone arriveranno nel lungo weekend di Pasqua.

Come da previsione, quello maggiormente preso d'assalto è il padiglione S: è qui che si trovano le composizioni più spettacolari. Camminando spalla a spalla con i visitatori si sente parlare molto inglese: Wonderful, dice una signora con un cappellino degno della regina d'Inghilterra al marito indicando le cascate. Una comitiva di turisti asiatici è estasiata di fronte alla zona in cui è riprodotta la flora del deserto: i flash si sprecano.

Quelli che invece sembrano un po' più mugugnoni sono i visitatori italiani. Un gruppetto di persone di mezza età, con marcata cadenza genovese, intavola una discussione su come questa edizione sia meno scenografica rispetto a quella del 2006.
Una donna invece è infuriata perché non trova nessuno a cui chiedere informazioni. Un'altra dice all'amica che è tutto bellissimo, ma lamenta il costo eccessivo del biglietto.

A parte i sentieri che si snodano nel verde - dove camminare dritto è un'impresa più che ardua - tra gli stand più affollati del padiglione S c'è quello dell'Ecuador, coloratissimo e molto folkloristico. Lo stato sudamericano, tra i maggiori produttori florovivaistici al mondo, si è aggiudicato il Gran Premio d'Onore per la migliore partecipazione collettiva estera a Euroflora, partecipando alla kermesse con 70 mila fiori recisi, soprattutto rose. E in Fiera, oggi, c'è pure Gino De Scalzi, ecuadoriano di origine ligure, presidente dell'Associazione di Produttori ed Esportatori di Fiori dell'Ecuador: è lui a spiegare molte delle rose olandesi che troviamo in Italia sono in realtà di origine ecuadoriana.

La folla, oltre che nella grossa area circolare, si estende anche lungo le gallerie che portano ai piani superiori. Qui, oltre al bel panorama che dà sull'intero palasport, si trovano molte altre composizioni floreali. Ad esempio, lo stand del Comune di Genova, dove è riprodotta una porzione dei parchi di Nervi. Proprio in questa cornice, stamattina il sottosegretario al Ministero degli Interni Michelino Davico ha firmato la petizione per la tutela dei parchi storici e l'assessore ai parchi Pinuccia Montanari ha illustrato il piano di riqualificazione di sette parchi storici della città (completamente appaltati e in esecuzione i lavori di Villa Rossi a Sestri Ponente e di Villa Rosazza a Sampierdarena, in fase di gara il primo lotto delle opere dei Parchi di Nervi), il cui completamento dei lavori è previsto per il 2013.

Decisamente meno caotico il padiglione B: qui, al piano superiore si trova il grande allestimento della Regione Liguria, mentre a quello inferiore ci sono altre collettive regionali.

Tra le attrazioni più gettonate c'è l'ulivo millenario che si trova negli spazi della regione Puglia. Molto apprezzati anche il giardino tropicale e il giardino giapponese e anche, per la sua originale stranezza, il Rottam Garden, progetto a cura dei florovivaisti lombardi realizzato con materiali di recupero come una vecchia roulotte e un tavolino da campeggio.

Ve lo avevamo detto: la zona più curiosa è il Viale degli Orti e dei Giardini, nello spazio che separa i padiglioni C e B. Quest'area ospita le composizioni floreali realizzate dai giovani progettisti che hanno partecipato al concorso internazionale lanciato da Euroflora. Qui la gente si ferma, fotografa e commenta: Questo lo vorrei proprio in giardino dice una ragazza al fidanzato, riferendosi a un innaffiatoio d'altri tempi, in cui l'acqua passa da un contenitore all'altro prima di raggiungere il terreno, alla faccia dei moderni sistemi d'irrigazione; Guarda che bello urla un bambino in calzoncini sbirciando in un buco che dà su un giardino chiuso.

Per vedere tutto con attenzione non basta un giorno, qui a Euroflora. Noi vi abbiamo raccontato cosa ci è piaciuto di più, da un punto di vista non certo da specialisti del settore ma comunque appassionato. Ma in questi giorni, alla Fiera di Genova, c'è molto altro da esplorare.

Potrebbe interessarti anche: , Vacanze sulla neve (e non solo): le meraviglie dell'inverno in Austria , Afferra la valigia e parti alla scoperta della festa più magica dell’anno: il Natale , Gnv: biglietti a 1 euro e promozioni a luglio tra Sicilia, Sardegna e Marocco , La tua prossima vacanza al mare o in montagna: Corsica o Austria con il 30% di sconto , Vacanze 2019 in Sardegna: le migliori mete e i traghetti

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.