Attualità Genova Giovedì 24 marzo 2011

La Storia in Piazza 2011: il programma

Genova - Dal 14 al 17 aprile torna a Palazzo Ducale di Genova La Storia in Piazza. Dopo le 20mila presenze della prima edizione dedicata a La nascita delle nazioni, storici, scrittori, filosofi, sociologi provenienti da tutta Europa e dagli Stati Uniti discutono quest’anno sul tema L'invenzione della guerra, su come la guerra ha segnato e segna la storia, le culture, le mentalità: dalle guerre dinastiche all’irruzione delle guerre di massa e totali del Novecento alle cosiddette guerre invisibili dell’età della globalizzazione.

In programma oltre 60 eventi perché la storia sia accessibile a tutti, per conoscere il tempo in cui viviamo. Lezioni magistrali, incontri, dibattiti e tavole rotonde, spettacoli, mostre, un concorso internazionale per giovani illustratori, rassegne di cinema e video, giochi collettivi, presentazioni di libri e attività organizzate per le scuole animeranno gli spazi dell’intero palazzo.

Di seguito il programma completo.


Lectio magistralis e incontri

Giovedì 14 aprile

ore 9 - Salone del Minor Consiglio
Hiroshima. Le parole di un testimone

ore 10 - Salone del Maggior Consiglio
Guerra di parole, David Riondino

ore 12 - Salone del Minor Consiglio
Fare la pace, Mauro Garofalo

ore 17.45 - Salone del Maggior Consiglio
L’invenzione della guerra, Donald Sassoon

Ore 21.00 – Salone del Maggior Consiglio
Musiqa al Hurrya

Venerdì 15 aprile

ore 10 - Archivio Storico
La costruzione del nemico, Marco Aime / Francesco Remotti

ore 11 - Salone del Maggior Consiglio
La sfida dei diritti, Antonio Cassese

ore 11.45 - Archivio Storico
Freud ed Einstein: il carteggio sulla guerra, David Meghnagi

ore 12 - Sala Liguria Spazio Aperto
Ruanda: salvare i bambini-soldato, Joseph Moyersoen / Annette Devreux

ore 15 - Archivio Storico
Lepanto, Alessandro Barbero

ore 16 - Salone del Minor Consiglio
Lo spettacolo della crudeltà, Giovanni De Luna

ore 17 - Archivio Storico
L’invenzione della pace, Salvatore Veca

ore 17 - Salone del Minor Consiglio
Il mondo è in guerra?, Vincenzo Camporini / Lucio Caracciolo / Marco Deriu

ore 18 - Salone del Maggior Consiglio
L’esperienza dei combattenti: terrore e trauma, Joanna Bourke/ Antonio Gibelli

ore 21 - Salone del Maggior Consiglio
Guerra di parole, David Riondino

Sabato 16 aprile

ore 10 - Salone del Maggior Consiglio
I tormenti della Cina, Jonathan Spence

ore 11. - Sala Camino
Sfuggire all’apocalisse, Flavia Lattanzi / Marcello Flores

ore 11.30 - Archivio Storico
Reportages dai fronti, Ennio Remondino / Massimo Loche / Barbara Schiavulli, introduce Laura Guglielmi

ore 12 - Sala del Minor Consiglio
Medio Oriente: il grande tsunami, Sergio Romano

ore 15 - Archivio Storico
War Games, Carlo Freccero

ore 15 - Sala del Minor Consiglio
Guerre civili, Gabriele Ranzato

ore 16 - Sala del Minor Consiglio
Guerra e Letteratura. La battaglia quotidiana dello scrittore, Vincenzo Cerami

ore 16 - Sala Camino
Memorie d’Europa, Nicolas Offenstadt

ore 17 - Salone del Maggiore Consiglio
Frutto della giustizia la pace, Enzo Bianchi

ore 17 - Archivio Storico
Sarajevo, Adriano Sofri

ore 18.00 - Salone del Maggior Consiglio
Guerre e modernità, Saskia Sassen / Donald Sassoon / Richard Sennett

ore 21 - Salone del Maggiore Consiglio
Aerobizzarrie, Ugo Dighero

Domenica 17 aprile

ore 10 - Archivio Storico
Verdun e Caporetto, Paul Jankowski / Antonio Gibelli

ore 10.30 - Sala Liguria Spazio Aperto
La metamorfosi del miliziano internazionale, David Bidussa

ore 11 - Salone del Maggior Consiglio
A spese dei civili. La guerra prima della guerra totale, Lauro Martines

ore 12 - Salone del Maggior Consiglio
I disastri della guerra, Tzvetan Todorov

ore 12 - Sala Liguria Spazio Aperto
Missioni “combat” e missioni umanitarie, Paolo Busoni / Matteo Dell’Aira

ore 15 - Sala del Minor Consiglio
Un secolo dopo: dalla Libia alla Libia, Angelo Del Boca / Nicola Labanca

ore 15 - Archivio storico
Catastrofi nibelungiche. L’ideologia di guerra da Nietzsche a Hitler, Maurizio Ferraris

ore 16 - Salone del Maggiore Consiglio
La guerra nell’immaginario del nazismo, Richard J. Evans

ore 17 - Salone del Minore Consiglio
E le donne?, Anna Bravo / Françoise Thébaut

ore 18 - Salone del Maggior Consiglio
1914/1945: L’autodistruzione dell’Europa, Enzo Traverso

ore 21 - Salone del Maggior Consiglio
Jazz Combat. Canzoni del tempo di guerra: da Garcia Lorca a Bertolt Brecht, da Boris Vian a Pete Seeger


Mostre

Robert Capa - Immagini di guerra

Dalle fotografie della Guerra civile spagnola a quelle del conflitto sino-giapponese e della Seconda guerra mondiale fino al conflitto arabo-israeliano, Capa ha imparato a raccontare il ritmo concitato delle battaglie, l'attesa dietro le trincee, la distruzione e la complessità della guerra, senza per questo mai dimenticare l'umanità offesa e sperduta: le vere vittime di ogni conflitto.
Robert Capa è probabilmente il fotografo di guerra più conosciuto del mondo, fondatore e anima dell’agenzia Magnum.

W.A.R. We Are Restless, The unheard soldier scream, mostra di Tom Porta
Tom Porta intende rappresentare attraverso 13 opere, selezionate dai 4 diversi cicli che hanno caratterizzato il suo lavoro, il mondo delle armi, degli istinti, della sofferenza e di quanto di diabolico la guerra si porta dietro, pur con la nobiltà, a volte, del pensiero eroico. Dai ritratti tragici dei kamikaze alle rappresentazione di azioni di guerra, banalizzate dall’iconografia pubblicitaria contemporanea. Dei video con immagini d’epoca completano l’esposizione. A cura di Mario Giusti e Igor Zanti.

Giornali di trincea 1915-1918
I giornali di trincea realizzati dagli Uffici Propaganda rappresentano uno straordinario strumento di educazione nazionale e di consenso alla guerra. Oltre cinquanta testate di propaganda e contropropaganda, alle quali collaborarono giornalisti-soldati e anche grandi artisti come Giorgio De Chirico e Mario Sironi. A cura di Francesco Maggi

Scuole di guerra
Una rassegna di quaderni di scuola, provenienti dall’Archivio Ligure di Scrittura Popolare, dalla copertina illustrata con immagini delle guerre di Libia e d’Etiopia e dei due conflitti mondiali. E ancora: disegni, pensieri e lettere di bambini sulla guerra nell’età del fascismo.

Giorgio Bergami. Sarajevo 1 gennaio 1993
Un reportage di Giorgio Bergami nei giorni drammatici dell’assedio di Sarajevo nel 1993. Un viaggio del fotografo genovese in una Bosnia dimenticata dai mediae simbolo della tragedia dei conflitti etnici.

Andrea Dapueto. Afghanistan e Pakistan 2001
Immagini di guerra e di vita quotidiana nell’Afghanistan e nel Pakistan nel 2001.

Cimiteri di Guerra
Elaborazione del lutto e monumentalizzazione della guerra nei grandi cimiteri militari. Da Redipuglia alla Normandia, in tutta Europa una memoria pubblica che sta scivolando nell’oblio. A cura di Alessandro Cavalli e Silvestro Raimondo.

Hiroshima-Nagasaki
Le drammatiche immagini dei devastanti effetti della bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki: l’orrore del deserto atomico dopo l’esplosione. Una tragedia dell’umanità. In collaborazione con Hiroshima Peace Memorial.


Il lavoro dello storico

Il cantiere dello storico si propone di aprire al pubblico gli spazi virtuali in cui il racconto storico si allestisce, mostrare gli attrezzi e i materiali di cui si serve. Quest’anno il cantiere punta sull’immagine (fotografia, illustrazione, manifesto) come strumento per capire il passato e per raccontarlo.

Laboratori
:
Sul piede di guerra. Gli indiani d’America - Naila Clerici
Dal fango al vento. Aviatori italiani nella Grande Guerra - Fabio Caffarena
I giovani e la memoria della guerra - Alessandro Cavalli
Guerra, pubblicità, propaganda. Gli Stati Uniti nei conflitti mondiali - Ferdinando Fasce
L’Italia sotto le bombe - Gabriella Gribaudi
La guerra degli automi: tra realtà e fantascienza - Riccardo Manzotti


Fumetto

Concorso Comics conflicts_war Balloons
Viene promosso il Concorso Internazionale di Fumetto CONFLICTS War Balloons, in collaborazione con GAI - Associazione Circuito Giovani Artisti Italiani e BJCEM - Association Internationale pour la Biennale des Jeunes Créateurs de l'Europe et de la Méditerranée il Circuito, rivolto ai giovani illustratori in età tra i 18 e i 35 anni. La Giuria è presieduta dal fumettista Sergio Toppi e composta dalla scrittrice Marina Lewycka (Inghilterra), dall’artista Danna Shamir (Israele), dallo storico David Bidussa, dalla giornalista Niki Tzouda (Grecia), dal fumettista Aleksandar Zograf (Serbia) e dal critico Ferruccio Giromini.

ALL’ATTACCO/Scenografia Comics
Una serie di immagini tratte da fumetti di diverse epoche e nazionalità, illustranti scene di guerra dalla Preistoria ad oggi sono l’arredo scenografico che si snoda lungo alcune pareti del Palazzo.
Tra gli illustratori alcuni dei nomi più noti del fumetto: Frank Miller, Joe Sacco, Sergio Toppi, Raymond Briggs, Rino Albertarelli. A cura Ferruccio Giromini, curatore fra gli altri di Lucca Comics e Umbria Cartoons.


Giochi

Un cruciverba gigante di 11 metri, nel Cortile Maggiore del Palazzo, invita il pubblico a giocare, addentrandosi in cinque temi: cinema, letteratura, musica, guerre nascoste, diritti umani. Per spaziare dai film di grandi registi (Griffith, Kubrick, Kusturica, Pontecorvo) ai capolavori della letteratura (Hemingway, Tolstoj, Conrad, Rigoni Stern, Fenoglio), dalla musica classica a quella contemporanea (Beethoven, Strauss, Bob Dylan, Pink Floyd, U2), dall’attualità dei diritti al riconoscimento delle guerre invisibili. A cura di Lucio Bigi/Studio Woquini, con la collaborazione di Federico Anghelè.

La Storia sono io
I visitatori avranno la possibilità di rivelarsi protagonisti della Storia attraverso la narrazione di un episodio autobiografico in cui sono stati parte attiva di un momento storico. Dal secondo dopoguerra in poi: dal 30 giugno 1960 al G8 del 2001, dagli aiuti per l’alluvione di Firenze o per il terremoto in Friuli alla nave per il Vietnam, dall’emigrazione al referendum sul divorzio.


Musica e spettacoli

JazzCombat
La musica racconta la storia. Simona Bondanza porta in scena insieme a Alessandro Collina, pianoforte, Marc Peillon, contrabbasso, e Rodolfo Cervetto, batteria, e con il suono evocativo della tromba di Fabrizio Bosso, uno dei maggiori strumentisti italiani, un repertorio ancora attuale. Dalle canzoni della guerra civile spagnola alle ballate scritte da Bob Dylan e Pete Seeger contro le guerre, vanno in scena, accompagnate dai testi di Michele Mannucci, quei sentimenti di spietata nostalgia, di amara protesta e di speranza disillusa che quelle musiche non ancora lontane hanno ispirato.

Guerra di parole
David Riondino propone una brillante commistione tra teatro e musica. Grazie alla sua voce e alla sua spiccata gestualità interpretando alcuni testi della letteratura più famosa e leggendo poi alcune lettere di comuni soldati, ci racconta la Guerra restituendoci, come sempre fa, la poesia, il sentimento e l´emozione privata del guerriero.

A La Guerra… Battaglie in musica tra Italia, Francia e Spagna
Musiche di grande effetto tra ‘500 e ‘600 che parlano di guerra tratte da composizioni di Clément Jannequin, Mateo Flecha, Pietro Simone Agostini, Adriano Banchieri e Andrea Gabrieli. Un programma corale in cui le voci a volte simulano il clangore delle armi o lo scontro, attraverso la tecnica del doppio coro, di due eserciti avversari l’uno contrapposto all’altro.

Musiqa al Hurrya
Il Nord Africa, la libertà, la democrazia. Un concerto inedito che unisce tradizione e composizioni originali in un’esclusiva proposta musicale. Con M’Barka Ben Taleb Tunisia, Samir Abdelaty Elt urky Egitto, Marzuk Mejri Tunisia, Abbes Boufrioua Algeria, Abdenbi El Gadari Marocco.

Canti di Libertà
Canti dei popoli, canti liberi e canti oppressi, di guerra e di pace, rivisitati utilizzando arrangiamenti, improvvisazioni, sperimentazioni vocali e accompagnati dagli strumenti del mondo suonati dai musicisti della Banda di Piazza Caricamento. I canti saranno eseguiti dagli alunni delle scuole Primaria Palli, Istituto Comprensivo San Fruttuoso, Primaria Daneo, Primaria Maria Mazzini. Direzione musicale di Davide Ferrari & Echo Art.

Fiato alle Trombe
Tra Ottocento e Novecento da Giuseppe Verdi a Glenn Miller
Orchestra di fiati della Filarmonica Sestrese


Musica e vino

Appuntamento di ogni sera (ore 19, Cortile Maggiore) per mischiare sapori profumi e parole.

14 aprile
La fame e la memoria. Ricettari della grande guerra. Cellelager 1917-1918 - Agorà libreria editrice 2008
Giuseppe Chioni - Giosuè Fiorentino, a cura di F. Caffarena - A. Caputo
con Fabio Caffarena

15 aprile
La guerra di un soldato in Cecenia - Mondadori 2011
con Arkady BabÈenko. Scrittore e giornalista, lavora a Mosca per la
Novaja Gazeta, il giornale di opposizione che vantava la firma di Anna Politkovskaja. Introduce Lucio Caracciolo

16 aprile
Anatomia di una rivolta - Il Saggiatore 2010
con Agnese Grieco, scrittrice, drammaturga e regista teatrale tra Italia e Germania
Introduce Luca Borzani

17 aprile
Caduta Libera - Einaudi 2010
con Nicolai Lilin. Di origine siberiana, da qualche anno vive in Italia, è autore di Educazione Siberiana


Spazio libro

Nel Cortile Maggiore Books in the Casba e l’Albero delle Lettere. Per le pubblicazioni degli autori de la Storia in Piazza e altro.


Il cibo va alla guerra

Dall’assedio di Port Mahon ai condottieri della nostra cucina. Nei Cortili di Palazzo Ducale assaggi e degustazioni offerte dal Comune di Casale Monferrato creati per l’occasione da Patrizia Grossi, chef del ristorante La Torre.


Cinema

Il Cinema fa la Guerra
Incontro con Enzo Monteleone, sceneggiatore del film Premio Oscar Mediterraneo e regista del pluripremiato El Alamein e il critico cinematografico Claudio G. Fava, autore di Guerra in cento film (Le Mani 2010)

Il Cinema in Guerra tra realtà e fiction
Maratona no-stop: film, cortometraggi e documentari (d’epoca e no) senza interruzione fino a notte fonda. Per appassionati, cinefili, storici. A cura di Genova Film Festival / Ass. Cult. Daunbailò.

Stories on Human Rights / Storie di Diritti Umani
Un lungometraggio realizzato in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani, composto da 22 cortometraggi diretti da registi e artisti internazionalmente noti. Ogni singolo corto è ispirato ad uno dei sei temi che compongono la Dichiarazione - cultura, sviluppo, dignità e giustizia, ambiente, genere e partecipazione. Idea e cura di Adelina von Fürstenberg, prodotto da ART for The World nel 2008.

WWII Lost Films: The Air War / Inferno in cielo
Anteprima assoluta. Immagini d’archivio a colori mai viste prima riportano in vita la lotta per il controllo dei cieli: dalla devastazione dell'attacco improvviso e violento all’Inghilterra allo scontro finale per l’egemonia dell’Europa. In collaborazione con History Channel.


Scuole, bambini e famiglie

Un ampio programma è stato studiato per gli studenti di vario genere e grado, accanto ai laboratori per le scuole, agli spettacoli, alle letture, viene dato spazio anche al coinvolgimento dei singoli, siano essi bambini, a partire dai 2 anni, che a tutta la famiglia. Info e prenotazioni : 010 5574064/65.

Potrebbe interessarti anche: , Nuovo volo Genova-Pantelleria per l'estate 2019 con Volotea: date, orari e info , Genova: dopo gli ombrelli del 2018, ecco le girandole colorate in centro , Genova, lavori al grattacielo di Confindustria: modifiche al traffico in centro , Il 5 X 1000 al Chiossone: come sostenere l'Istituto per Ciechi e Ipovedenti , Liguria, tornano le Sentinelle del Mare per controllare fauna, flora e plastica

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.