Concerti Genova Martedì 22 marzo 2011

Paolo Siani: il nuovo album 'Castle, wings, stories & dreams'

Ecco la nuova recensione che Riccardo Storti ha inserito nelle pagine del suo blog C'era una volta il rock, che trovate nell'home page genovese di mentelocale.it

Vuoi dire la tua? Scrivi un post sul blog!

Genova - Si crea qualcosa, quando si ha qualcosa da comunicare. Una vita per esempio. Prendiamo il nuovo progetto del genovese Paolo Siani, batterista e fondatore storico della Nuova Idea. Sì, ho usato volutamente la parola progetto perché il suo Castle, wings, stories & dreams (Black Widow Rec., 2010) è ben più di un semplice Cd.

Non scherziamo. Questo è un buon distillato maturato negli anni, in barba a qualsiasi sospetto nostalgico, subito fugato dalle prime note di Un dono e dal convincente Dna di Wizard Intro (e se ci sentite i King Crimson, buon per voi, ma questi sono i "suoni" di una "storia" che sta per essere raccontata).

E poi ci sono gli amici. Eppure non è un amarcord, ma un coinvolgimento. Quasi un sonoro invito a cena. Si riprendono le fila della Nuova Idea con Ricky Belloni, Giorgio Usai e Marco Zoccheddu, mentre qua e là si inseriscono i preziosi contributi hammondistici di Joe Vescovi di The Trip e di Mauro Pagani (colonna della PFM anni Settanta e complice delle creuze di De André); e mettici uno dei migliori bassisti italiani (Guido Guglielminetti), un paio di jazzisti, qualche voce classica più quella camaleontica di Roberto Tiranti, quindi il figlio Alessandro Siani per le magie elettroniche. Una ciurma di 20 ospiti capaci di aggiungere spessore alla versatilità ecclettica di Paolo Siani.

È la varietà che tocca, muove e si muove dalla sensibilità di un compositore attento a selezionare quanto lo ha aiutato a crescere artisticamente. Siani è un artigiano che sa curare i propri manufatti, perché la musica si fa anche con le mani; e non mi riferisco alle bacchette, ma anche alle sapienti scivolate sui cursori di un mixer. Dal generale al particolare. E con la qualità dello Studio Maia di Genova. Così anche i codici (hard rock? Prog? Jazz rock? Canzone d'autore?) sono sfumature di un discorso ben più ampio, impossibile da ridurre in compiacimenti critici altrui.

Valga l'assunto che Siani, da musicista maturo, ha deciso di posizionarsi in mezzo a un cerchio e lì ha voluto narrare il privato e il pubblico: dalla dolce compagna di una vita intera (Questa penombra è lenta) a una Madre Africa feroce con donne e bambini / corrotta da sporchi assassini. Senza retorica, ma con partecipata emozione.

Ah, il progetto va oltre, visto che i proventi dalla vendita del Cd saranno devoluti all'Ospedale Pediatrico Giannina Gaslini di Genova.

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Il grinch Di Yarrow Cheney, Scott Mosier Animazione 2018 Guarda la scheda del film