Genova Martedì 18 gennaio 2011

Adozioni a distanza: l'associazione Liguria per la Vita

Per informazioni sulle associazioni di volontariato di Genova contattate il Celivo al numero 010 5956815.

Genova - L'associazione Liguria per la Vita è nata nel 1984 dall'idea di trenta famiglie genovesi che avevano adottato dei bambini indiani. «Oggi l'associazione è composta da sette famiglie», spiega il presidente Santo Carlini.
Dapprima i volontari si occupavano delle adozioni internazionali: «Aiutavamo le famiglie a mettere insieme la documentazione necessaria. Molti infatti non sapevano come comportarsi. Oggi l'adozione a distanza è diventata ancora più difficile», continua Carlini.

I volontari si sono poi dedicati agli invii di aiuti: «da Genova facevamo partire vestiti e medicinali, che venivano spediti in India tramite i container. Poi, però, anche questa attività era diventata troppo costosa per noi».
Oggi l'associazione si occupa di sponsorizzazioni a Krishna Raja Pete, in India centro meridionale: «Cerchiamo di mantenere agli studi i bambini indiani fino alle scuole dell'obbligo. In un altro centro rurale indiano, Javadhi Hills, sosteniamo la missione salesiana capitanata da padre Codello, che vuole creare piccole ma significative attività economiche che consentano la sopravvivenza a tanti piccoli nuclei familiari senza causarne la disgregazione».

Non si è interrotto l'impegno nelle adozioni a distanza: «Chiediamo alle persone e alle famiglie genovesi di sostenere il cammino scolastico dei bambini indiani». Oggi l'associazione Liguria per la Vita sostiene un nuovo progetto nel Ciad, appoggiando l'iniziativa di Talita Kum (assistenza medica a disabili e assistenza scolastica per i più piccoli), cui l'associazione genovese affida piccole cifre offerte da benefattori o gruppi di persone. «A questi importi abbiamo aggiunto quelli che entrano dal 5 x 1000 e riusciamo così a finanziare nuove microrealizzazioni o parte di progetti. Nel 2010 abbiamo intensificato i contatti con Rosanna Cavarero, insegnante in pensione e responsabile del progetto. La sua attività di volontariato è indirizzata all'assistenza medica per il recupero dall'handicap e all'istruzione dei bambini che vengono abbandonati dalle famiglie. A Talita Kum si cerca anche di formare i ragazzi e gli adulti assistiti, fornendo loro la possibilità di imparare un lavoro di tipo artigianale».

Potrebbe interessarti anche: , Associazione San Marcellino: dall'accoglienza ai laboratori, per ritrovare il gusto della vita , Premio per esperienze innovative di partnership sociali 2017 al progetto Smart Home , Il mago dei bambini speciali: una fiaba per parlare di disabilità , 150 anni di Azione Cattolica Diocesana: una veglia per festeggiare , Mondo in pace 2017 a Palazzo Ducale: il programma

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

L'apparizione Di Xavier Giannoli Drammatico Francia, 2018 Vincent Lindon è Jacques, un famoso reporter di guerra che viene inaspettatamente reclutato dal Vaticano per indagare su un’apparizione avvenuta in un villaggio della Francia. Anna, orfana e novizia, afferma di aver visto la Vergine Maria. Lo straordinario... Guarda la scheda del film