Teatro Genova Lunedì 6 dicembre 2010

Capodanno con Circumnavigando: 10 anni di festival

Genova - Il saltibanco salta sopra il banco:
e, salta che ti salta, mai stanco:
fa la mossa e la smorfia, e fa il buffone:
è l'acrobata, è il clown, sotto il tendone:
cammina sopra un filo, in fretta in fretta,
sembra un fulmine, un lampo, una saetta:

...scriveva Edoardo Sanguineti nella sua Il Saltimbanco

Compleanno più che salvo per Circumnavigando Festival Internazionale di Teatro e Circo, che festeggia i suoi 10 anni con tanto di chapiteau (al Porto Antico), visto l'ultima volta nel 2005. Nonostante l'austerità economica, Boris Vecchio presenta con orgoglio la decima edizione di un festival che ha ridato spessore a un teatro spesso meno noto ma forse addirittura più divertente, popolare e collettore di creatività ai confini tra le varie arti e i linguaggi espressivi. Come negli anni scorsi il festival animerà il centro storico di Genova, in particolare dal 17 al 19 dicembre per poi spostarsi al Porto Antico, dal 26 al 31 dicembre all'interno del tendone e chiudere (e aprire) l'anno solare genovese. Un Capodanno con spettacoli di teatro di strada, teatro di figura, danza, clownerie, laboratori, ma anche saltibanchi e acrobati di varia bravura.

Come al solito dispersi per le vie cittadine, quest'anno spettacoli ed eventi si concentrano in tre zone: il Sestriere di Prè, il quartiere di Sarzano e di Sant'Agostino e tra Zecca e Carmine (in collaborazione con la Confesercenti, con i C.I.V. rispettivi e con l'Incubatore per le Imprese Job Center), nonché a Palazzo Ducale e sotto il tendone al Porto Antico.

Proprio nella piazza circolare e coperta dello chapiteau, dal 26 al 31 dicembre Boris ha deciso di fare il punto della situazione con uno spettacolo che mette a confronto il circo tradizionale e il teatro-circo di ultima generazione per due ore di invenzioni spettacolari lasciate alle cure di Boris Vecchio stesso nelle vesti di regista, ma soprattutto a quelle di artisti di fama internazionale, tra cui: Xavier Lavabre, Chloe Tribollet, Yann La Forge, Amélie Kourim, Henry Bogino, Valentine Bogino, Davis Bogino (dalla Francia), Davide Rimucci, Monica Rois (dall'Argentina) accanto ad alcuni componenti della Famiglia del Circo Togni (Mike Togni e Manuela Barlay), che intervengono senza animali - in doppia replica il 26 dicembre, ore 16.30 e ore 21.

Raccogliendo le forze Boris ha chiamato a raccolta diverse realtà locali di produzione e di animazione tra cui tutte le compagnie del Coordinamento di Teatro Ragazzi (CTR) che dal 2007 si occupa di numerosi progetti e dal 2009 si è costituito in associazione a cui aderiscono diverse compagnie: Drago Rosso, Marinella, Teatro delle Formiche, Teatro Scalzo, TeatrOvunque, Vivisottosopra, Buonaluna, Il Cantastrocche, Menditanti, Timoteo Teatro, Spazio Magico.
Con loro durante le 3 giornate del festival laboratori per ogni espressività nel progetto ZTL (Zona Teatroragazzi Libero): di danza e movimento con Ragnatela; di narrazione tra filastrocche, storie e poesie; di costruzione di burattini e pupazzi animati in La bottega di Magiafuoco; di giochi senza tempo e senza tecnologie di quelli di un tempo ma perché no anche di questo in 44 giochi con...; e, infine, quello di giocoleria.

A raccontare, rappresentare, inventare il Teatro di Strada tanti artisti: dall'Inghilterra Benjamin Delmas con il suo Mr Bang, un clown metropolitano che vuol far scoppiare tutto e non solo dal ridere; Silvia Laniado e Martina Soragna della compagnia Due e un Quarto con il loro Retrò, spettacolo autoironico con due burattini e due burattinaie egocentriche e vanitose; Giovanna Bolzan e Luca Tresoldi della compagnia Piano C in ...Senza che???, spettacolo tragicomico di circo teatrale e manipolazione di rifiuti; Francesco Giorda in C'è chi scende, c'è chi sale, spettacolo di un clown, artista equilibrista; e ancora, Roberta Agostini e Daniela Carucci, altrimenti dette Mani Ambulanti, con il loro Naftalina, per scoprire tutti ma proprio tutti i segreti dell'armadio; l'Orkestra Zbylenka con Sandro Di Pisa, Gilberto Tarocco, Fabio KoRyu Calabrò e Beppe Boron in Vincenzo Magio e i tre Re, ovvero parodie di viaggio con riti di mercato, scambi di doni e contraddizioni.

Marionette e Cabaret si rintanano a Palazzo: il teatro di figura di Teodor Borisov direttamente dalla Bulgaria sarà ospite del Teatro HOPS a Palazzo Fatinanti-Cambiaso con sette scene per 10 marionette manovrate da sottilissimi fili a tempo di musica fiabesca per raccontare storie di vita. Storie di vita attuale tra amarezza e divertita parodica ironia con Kabaret Kriminale (il 19 alle ore 19) al suo Studio n°3: "Baccanti" con Simonetta Guarino e Mauro Bozzini.

«La nostra idea - spiega Guarino - è fare drammaturgia coniugandola con il cabaret per raccontare la tragedia del nostro quotidiano e soprattutto il cannibalismo mediatico per cui ci digeriamo con ogni TG le peggio disgrazie, senza batter ciglio». Il primo studio era intorno a storie malate legate all'infanzia, Studio n°1: Il Fagiolo, poi venne il secondo, Studio n°2: Uimen, versione italianizzata di women, «uno spettacolo sulle donne, sui rapporti della femminilità, sulla solidarietà e la mancanza di solidarietà».
Le Baccanti, invece, «definita tragedia del vedere presenta due signore anziane che vivono di fronte alla TV e di questa si nutrono, per così dire, comprando ogni cosa in televendita e seguendo il Reality Vita, di Tebelandia, dove assistono ad un omicidio in diretta, senza stupore appunto. Oltre alla TV, le due si nutrono di conversazioni telefoniche dei vicini origliate dal muro o di quelle origliate dal citofono. È un Aspettando Godot più basso, dove al posto di Godot le due vecchiette aspettano la pizza».

Impossibile non divertirsi, freddo permettendo.

Potrebbe interessarti anche: , Sogni per una verità non dicibile in Deflorian/Tagliarini. La recensione , Penultimo spettacolo al BLoser: Per una donna. La recensione , Emma Dante al Teatro della Corte: le anime nude di Bestie di Scena , Marina Cvetaeva in Easy to remember di Ricci e Forte al Duse. L'intervista , Comicità, poesia, riflessione politica in Labbra di Irene Lamponi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

A un metro da te Di Justin Baldoni Drammatico, Romantico U.S.A., 2019 Stella e Will hanno diciassette anni, si conoscono nell’ospedale dove sono entrambi ricoverati ed è amore a prima vista. La malattia però li costringe a stare sempre a due metri di distanza per non rischiare di trasmettersi batteri che potrebbero... Guarda la scheda del film