Concerti Genova Sabato 23 ottobre 2010

Lars Vogt al Teatro Carlo Felice

© Julia Beier

Genova - Lo aspettavamo alla GOG la scorsa primavera, ma poi la nube vulcanica dal nome impronunciabile ci ha messo del suo e il concerto è stato annullato: è Lars Vogt, classe 1970, pianista di fama internazionale, che ci riprova lunedì 25 ottobre al Teatro Carlo Felice, secondo appuntamento tedesco della stagione GOG 2010-2011.

Stavolta dovrebbe filare tutto liscio per colui che è considerato uno dei massimi pianisti della sua generazione. Nato a Düren (una sessantina di chilometrida Colonia e Bonn), Vogt si avvicina alla musica grazie alla scuola, che offre dei corsi gratuiti di pianoforte (che differenza con l’Italia) agli alunni: «Ho cominciato a suonare a sei anni, poi ho partecipato con successo alla Jugend musiziert (il concorso nazionale tedesco per giovani musicisti, n.d.r.). Da lì ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita; è stato un percorso lineare, logico, quasi ovvio, senza mai un ripensamento». Una carriera culminata alcuni anni fa con la collaborazione berlinese con Claudio Abbado e Simon Rattle: Vogt dal 2003 è il primo pianista in residence dei mitici Berliner Philharmoniker, con i quali suona regolarmente anche in formazioni cameristiche.

L'insegnamento, la condivisione con il prossimo - specialmente con i giovani - della musica e del fare musica, è un chiodo fisso di Lars Vogt: «Consiglio a tutti di non smettere mai di confrontarsi con un maestro, con chi ha più esperienza: io faccio lezione ancora oggi con il mio, Karl-Heinz Kämmerling». E, dal 2005, per volontà di Vogt è nato il progetto Rhapsody in School: «Per ora in Germania, nelle scuole di ogni ordine e grado – spiega il musicista – ho coinvolto un'ottantina di colleghi (tra cui spiccano i nomi illustri di Julia Fisher, Daniel Hope, Sabine Meyer, Daniel Müller-Schott, Emmanuel Pahud, Christophe Prégardien, Christan Tetzlaff, Christian Zacharias, ndr). Andiamo nelle scuole a raccontare la nostra esperienza umana e professionale, perché fare musica sia un mestiere come gli altri, allo stesso modo in cui andare a sentire una sonata di Beethoven sia come andare a vedere un film. Ci sottoponiamo ai ragazzi, alle loro domande, curiosità, stiamo in mezzo a loro, semplicemente».

A Genova Vogt torna dopo alcuni anni – «Sono molto felice, il pubblico della vostra città è tra i più colti e preparati che abbia mai sperimentato» – ed eseguirà tre sonate di Beethoven, Schubert e Berg: «Tutti e tre – spiega – portano agli estremi la sonata per come era conosciuta nella loro epoca: Berg dilatando il linguaggio della tonalità al massimo; Schubert trovando un modello di pace interiore ma anche di disperazione unico, e Beethoven con una sonata, l'op. 111, che guarda tutto ciò che è stato scritto prima e ciò che sarà scritto dopo».

E nel tempo libero chi è e cosa fa Lars Vogt? «Staccare la spina, spegnere il cervello ogni tanto – esordisce – è fondamentale per ricaricarsi. Friends, il telefilm americano, è stato per anni uno dei miei appuntamenti preferiti; ma soprattutto amo il calcio, ho anche giocato a livelo semiprofessionale fino ad alcuni anni fa, poi ho smesso: troppi i rischi connessi alla mia professione. Ma resto uno spettatore e tifoso appassionato del Borussia Mönchengladbach, una squadra che ha vissuto i suoi anni d'oro quand'ero bambino, poi ahimé è andata in declino e ora, dopo due retrocessioni negli anni recenti, galleggia nella parte bassa della classifica della Bundesliga; so che Genova si fregia della squadra di calcio più antica d’Italia, il Genoa, che ha vissuto anch'essa alti e bassi, e alla quale auguro il meglio per il futuro».

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Il testimone invisibile Di Stefano Mordini Thriller 2018 Adriano Doria è "l'imprenditore dell'anno" nella nuova Milano da bere. Guida una BMW, porta al polso un Rolex vistoso, ha una moglie e una figlia adorabili e un'amante bella come Miss Italia. Ma ora si trova agli arresti domiciliari, accusato di... Guarda la scheda del film