Concerti Genova Venerdì 25 giugno 2010

Breakout: il Festival di Villa Serra chiude in anticipo

Genova - Doveva essere un'estate a tutta musica nel parco di Villa Serra di Comago. Lo è stata solo a metà. Il Breakout Festival 2010 finisce qui, in anticipo e all'improvviso. Colpa dei finanziamenti tardivi e della pioggia che ha portato a Sant'Olcese meno pubblico del previsto.

Il primo concerto a saltare è quello di Juliette Lewis, in programma stasera (25 giugno). Annullate anche la serata heavy metal con Airbourne, Sadist e Labyrinth (primo luglio) e le esibizioni di Il Teatro Degli Orrori (3 luglio), Oi Va Voi (9 luglio), Afterhours (10 luglio), Elio e le Storie Tese (15 luglio) e Roy Paci e Aretuska (16 luglio).
Qualche spiraglio, invece, per gli ultimi tre concerti con protagonisti altrettanti grandi nomi della musica internazionale: Gogol Bordello (17 luglio), The Wailers (23 luglio) e Goran Bregovic (24 luglio).

Una doccia fredda che lascia l'amaro in bocca a chi si era già programmato qualche serata di buona musica estiva, ma anche agli organizzatori.
Ma quali sono i veri motivi della chiusura anticipata del Breakout? I debiti, innanzitutto: gli aiuti degli enti istituzionali (Regione Liguria e Comune di Genova), «per quanto promessi, allo stato attuale non sono stati ancora deliberati» dichiara il direttore artistico Omar Bertolla.
L'organizzazione del Breakout costa 800 mila Eu, di cui l'85% proviene da sponsor e vendita di biglietti e il 15% dagli enti. «Da Comune e Regione non abbiamo mai chiesto più di 150 mila Eu» racconta Bertolla, «ma fino ad oggi abbiamo ricevuto una cifra pari a zero».

Da Palazzo Tursi arriva la replica: «gli organizzatori del festival non possono pretendere di vivere sulla base di contributi pubblici» sostiene l'assessore alla Cultura Andrea Ranieri: «comunque il contributo previsto dal Comune di Genova è stato deliberato un paio di giorni fa».
Troppo tardi, lascia intendere Bertolla, che conferma di non avere ancora ricevuto un soldo: «non voglio dare nessuna colpa agli enti» prosegue, «ma consapevoli che noi paghiamo un affitto a Villa Serra per contribuire allo sviluppo di un’arena spettacoli stabile sono stati poco sensibili alla questione».

Dopo il successo del 2009, la seconda edizione del Breakout Festival doveva anche ospitare il Gods of Metal, il festival dei metallari che proprio in questi giorni si sta svolgendo a Collegno (TO). «Era praticamente certo, erano già stati fatti i sopralluoghi» rivela Bertolla, «ma la Villa e il Comune di Sant'Olcese hanno avuto paura del troppo afflusso di pubblico e non se ne è potuto fare niente».
Nel parco di Villa Serra si sono quindi alternati con una buona affluenza Simone Cristicchi, Nina Zilli, Motel Connection, Orquesta Buena Vista Social Club, Baustelle, Linea 77.

Primo segnale negativo, il rinvio del concerto Elio e le Storie Tese in programma il 18 giugno scorso: martedì 15, tre giorni prima dello spettacolo, ne era stato annunciato il momentaneo annullamento per previsto maltempo, mentre veniva confermata la data della sera successiva degli spagnoli Ska-P. Risultato? Il parco deserto sotto un cielo stellato la sera del 18 giugno, quando doveva esserci Elio. Il 19, invece, la serata degli Ska-P, ecco la pioggia. E che pioggia: un acquazzone che ha reso il parco di Villa Serra un pantano e che ha fatto sensibilmente diminuire l'afflusso di pubblico: 3000 spettatori, più o meno la metà di quelli attesi.

Con il concerto di J-Ax di mercoledì 23, le luci del Breakout si sono spente definitivamente. O quasi. Forse si riuscirà a recuperare i concerti di Gogol Bordello (17 luglio), The Wailers (23 luglio) e Goran Bregovic (24 luglio). Omar Bertolla ci tiene sul serio: «andare avanti con il festival significherebbe non poter onorare gli impegni presi con gli artisti, le agenzie e i fornitori. Ma se la macchina si rimette in moto, allora possiamo pensare di salvare almeno gli ultimi spettacoli».

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Colette Di Wash Westmoreland Drammatico 2018 Quando Colette sposa Willy, celebre imprenditore letterario, lascia per la prima volta la sua adorata campagna e viene catapultata nella Parigi libertina della Belle Époque. La scoperta della passionale vita coniugale, gli intrighi ed i tradimenti... Guarda la scheda del film