Viaggi Genova Giovedì 20 maggio 2010

La ciclabile Sanremo‑San Lorenzo al mare: un miracolo italiano

Altre foto

Genova - Ogni tanto capita che qualcosa vada per il verso giusto. Ogni tanto. Vale la pena concentrarsi, quindi, sui piccoli miracoli laici: la ciclabile Area 24 che parte da Sanremo e arriva a San Lorenzo al Mare lo è senz'altro. Da sabato il miracolo si "allunga" con la nuova tratta tra piazza Bresca a Sanremo fino al confine con il Comune di Ospedaletti.

Tutti sappiamo che il paesaggio della Riviera, dagli anni Cinquanta in poi, è stato aggredito dal cemento, dalla furia della scure. Tant'è che una penna come quella di Italo Calvino, nella Speculazione edilizia, denuncia il malaffare dei liguri nel Dopoguerra. Quel romanzo comincia con il giovane Quinto che, ritornando a casa sua a Sanremo - siamo negli anni Cinquanta - dal finestrino del treno vede innalzarsi nuovi condomini come fossero funghi.

Ebbene quella linea ferroviaria ora non esiste più, il tracciato ferroviario è stato spostato a monte. E al posto dei binari ora fa bella figura di sé la pista ciclabile sul mare più lunga d'Europa. È ancora da terminare, chissà se verranno ultimate tutte le strutture, però è un vero miracolo poter pedalare per ben una ventina di chilometri, da Sanremo a San Lorenzo al Mare. È un vero miracolo che una volta tolti i binari, non siano apparsi altri funghi molesti.

Si può affittare la bicicletta a Sanremo, ad Arma di Taggia, a Riva Ligure o a Santo Stefano. Io comincio sempre da Sanremo, al Sud Est, vicino a villa Ormond. Ho fatto amicizia con il simpatico signore che affitta le bici. È genovese e sua mamma aveva un negozio di parrucchiere alle Vigne, nel centro storico, dove ho abitato per anni. Ma la cosa più interessante è che in due, per due ore, spendiamo solo 12 euro. E le bici sono nuove fiammanti e in ottime condizioni.

Negli ultimi due anni ho affittato la bici a Santa Monica in California, il ragazzo era molto scortese, la bici non eccezionale, e vabbè, la costa californiana un po' più magica lo è. Se dovessi dare un voto quel servizio, lo voterei quattro e mezzo. Un'altra volta in Svezia, a Fårö, l'isola di Ingmar Bergman: paesaggio fantastico, lo scenario di molti suoi film, peccato che una delle due bici ci ha fatto penare da matti: si sudava anche in discesa (voto quattro). Tutto questo a Sanremo non accade (voto otto).

Io sono nata e cresciuta a Sanremo, quindi quel territorio lo conosco benissimo, ebbene pedalando riesco ad avere visioni inconsuete di un paesaggio così tanto familiare. Scopro particolari che non mi era dato osservare, scivolando via con il treno.

Parto dal Sud Est dunque, un toponimo che ha accompagnato la mia crescita, lì c'era un minigolf. Punto il manubrio della bicicletta verso Arma di Taggia. Appena due pedalate ed ecco sulla destra il cancello del vecchio asilo Montessori - quante volte in treno spiavo quel giardino - un piccolo parco odoroso di pitosfori - con il mare lì a due passi. La villetta c'è ancora, il mare no, l'hanno rubato una trentina di anni fa, per costruire l'incompiuto Portosole. Mi ci arrampicavo sempre su quei pitosfori, con la maestra che me ne urlava di tutte perché mi si vedevano le mutandine. Ma dico io, cosa aveva in testa mia madre? La gonna all'asilo? Oppure cosa aveva in testa quella maliziosa della maestra?

Sulla sinistra, proprio di fronte, vicino a villa Nobel, la casa dove sono nata, sì perché sono nata in casa mentre mio padre si ubriacava con il ginecologo. Nel frattempo, l'ostetrica sudava con mia madre. Intravedo la balaustra, dove a tre anni ho infilato la testa che non riuscivo più a toglierla. Che incubo.

Non ti sembra di essere in Italia pedalando su questa ciclabile, c'è addirittura un semaforo per le bici, poi le panchine per la sosta, le fontanelle per bere l'acqua. E i parcheggi sparsi sul territorio. Lungo la pista non solo ciclisti, ma anche persone che camminano o pattinano. E poi gli odori, sì gli odori. Le piante, i fiori che in primavera colorano ogni angolo, i pini marittimi, le palme, le agavi e i fichi d'India, le buganvillea e gli alberi di limoni.

Le villette, che un tempo si affacciavano sui binari, ora hanno conquistato il posto in prima fila. Invece che il rumore del treno, ora solo il brontolio del mare, le voci dei passanti, il fruscio delle bici. Però, però, però dopo i magnifici orti sulla piana di Arma, si disperdono gli odori e cominciano i dolori. Se ormai della bruttura di certi palazzi di Arma degli anni Cinquanta e Sessanta ce ne siamo fatti una ragione, non è così per la speculazione a Santo Stefano, il famoso scandalo Teardo, dei primi anni Ottanta. Condomini padani che invadono le colline come dei soldati allo sbando in fuga dall'esercito nemico. Fanno a gara tra loro per qual è il più brutto. Suvvia, cacciamo via i brutti pensieri, concentriamoci su questa miracolosa ciclabile, sul colore della vegetazione e sul mare lì proprio lì sotto.

Sto pedalando e cerco di frugare con lo sguardo in ogni angolo. Ecco che su per una stradina a sinistra, intravedo il piccolo cimitero di Riva Ligure, dove è sepolta mia nonna. Lo stavo cercando da anni, ma passando sull'Aurelia in macchina non lo trovavo mai. Magia del procedere lento. Slow food, slow fish, slow living. Un altro piccolissimo miracolo nel miracolo, sono anni che volevo salutare la nonna, l'unica che me le perdonava tutte. «Sono quasi vent'anni che non ti vengo a trovare nonna, anche se tutte le mattine guardo il dipinto che ti ritrae sulla parete di fronte al letto», le dico, «ma come sai di sicuro non vivo più qui da tanto», la avverto quasi a farmi perdonare. «Ti ricordi nonna, che mi raccontavi che già ai tempi di tua nonna si parlava di spostare la ferrovia a monte? Lo hanno fatto sai, forse qualcuno te lo ha già detto. E ora c'è una magnifica ciclabile. Ed è per questo che sono riuscita a rintracciarti».Abbandono questo cimitero sepolto nel verde, ciao nonna, son felice di averti ritovata.

Questa è stata la mia prima volta sulla mitica ciclabile, più di un anno fa. Ora non c'è volta che non vada a Sanremo e che non passi dal Sud Est, affitti la bici e me ne parta per un viaggio indietro nel tempo. Con il mare rigorosamente sulla destra e i pini marittimi sulla sinistra. Ma non è necessario avere dei ricordi per godere pedalando da Sanremo a San Lorenzo al mare alla scoperta di un miracolo italiano. Magari è anche meglio.

Aggiornamento di sabato 22 maggio

Nonostante le dichiarazioni di Claudio Burlando, presidente della Regione Liguria, sabato 22 maggio, durante l'inaugurazione a Sanremo del nuovo tratto della ciclabile, continuo a ribadire che il fatto che esista è un miracolo in una regione che per i ciclisti non è certo il Paese delle Meraviglie. E in un Paese dove le piste ciclabili sono un'utopia.
Burlando si è lamentato che i debiti, per la costruzione dell'opera, ammontano ad alcuni milioni: se lo Stato non garantirà la copertura delle spese, i funzionari della Regione smetteranno di firmare gli atti e i lavori di futura realizzazione saranno bloccati. La ciclabile è stata realizzata per il 90% "ma abbiamo speso più soldi di quanti ne avevamo - ha dichiarato il governatore - è necessario valorizzare alcuni beni di Area24 per coprire almeno le spese di manutenzione e garantire una pista pulita, illuminata e ordinata".

Potrebbe interessarti anche: , Genova tra le 19 città da vedere nel 2019 per Skyscanner: la classifica , Assicurazione di viaggio: a cosa serve? Perchè affidarsi alle agenzie di viaggi? , Da Genova all'Oman con un museo in testa mentre il paese è sempre più meta turistica , Viaggi da sogno per gruppi ed associazioni: dove andare? 7 mete tra Italia ed estero , 5 viaggi imperdibili negli Stati Uniti, da New York alla California

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.