Concerti Genova Martedì 9 febbraio 2010

Il pittore volante

Genova - La Raccomandata con Ricevuta di Ritorno - spesso abbreviata con l'acronimo RRR - fu una delle tante band che, pur con un solo disco all'attivo (Per...un mondo di cristallo, 1972), lasciò il segno nell'immaginario degli appassionati di progressive. Al di là del celeberrimo LP (considerato una pietra miliare), la RRR si rivelò un gruppo dalla straordinaria vivacità live durante le session in alcuni Festival Pop (Villa Pamphili ‘72), grazie alla carismatica figura vocale del cantante di ruolo Luciano Regoli. In realtà c'è molto di più, perché Regoli è stata una personalità di spicco della scena romana underground: nei primissimi anni Settanta fu componente de Il Ritratto di Dorian Gray, nucleo musicale formato da musicisti che poi si ritroveranno sparsi nei Goblin, Quella Vecchia Locanda e la RRR. Insomma, un pezzo di storia e un perenne desiderio di vivere nell'arte, tanto che, abbandonata la professione musicale, Regoli si dedicò alla pittura nel proprio ritiro all'Isola d'Elba. Verso il '94, però, riemerse la voglia di riprendere il microfono in mano così collaborò con l'ensemble progmetal DGM.

2010, il ritorno sotto una sigla di preciso richiamo (La Nuova Raccomandata con Ricevuta di Ritorno) per raccontare la vicenda autobiografica de Il pittore volante (AMS Vinyl Magic/BTF), chiamando a raccolta gli amici di sempre (Nanni Civitenga e Roberto Gardin in quota RRR, i Goblin "storici" Walter Martino, Claudio Simonetti e Fabio Pignatelli, Nicola Di Staso dei Libra, Carl Verheyen dei Supertramp e Lino Vairetti degli Osanna).

Va subito sottolineato che il maggior pregio del disco risiede nella cura dei testi, impreziositi da un'attenta ricerca di immagini poetiche (vertici assoluti Il vecchio e Le anime). Però, alcune scelte musicali lasciano perplessi. Sia bene inteso, qui non manca nulla per accontentare - a ritroso... - l'amante di hard rock (Il cambiamento), l'inguaribile fan del pop sinfonico (L'uomo nuovo, Le anime); ce n'è per chi ha la smania di svolazzare tra gli acquerelli acustici (La spiaggia) o tra seducenti ritorni di fiamma "blues" (Raoul). Ma è proprio questa eterogeneità a distrarre l'ascoltatore che, alla fine, rischia di perdersi in mezzo a molteplici allusioni citazionali (non si sa fino a che punto involontarie). E manca, soprattutto, la "ricerca".

Il bel timbro di Regoli è poco valorizzato; quando, poi, decide di servirsi di un registro diverso, perde personalità e brillantezza. Il Regoli più vicino a Plant suonava naturale; quello de Il pittore volante sembra talvolta rincorrere Di Giacomo del Banco (L'uomo nuovo) o Tagliapietra delle Orme. Non che sia male, semplicemente inadeguato.

I cammei abbelliscono, "spingono", talvolta emozionano ma non colmano (l'armonica a bocca di Vairetti, la chitarra di Castellani e la batteria du Martino in Il cambiamento; l'intro di piano jazz contemporaneo di Venerucci in Il vecchio; il sax di Desideri in La mente; l'Hammond e le tastiere di Simonetti e il flauto di Falciani in L'uomo nuovo; le chitarre di Verheyen in Raoul e quelle di Distaso in Eagle Mountain): le virtù del virtuoso sono addittivi rimescolati a cottura ormai ultimata, quindi non deputati a salvare la composizione dai molteplici gap strutturali.

Il pittore volante resta un disco di rock italiano comunque non originale ma curato nei testi e nella resa sonora, rivolto soprattutto a chi ha già vissuto "certe" stagioni e non disdegna lo sforzo di ricordarle. Pochissimo rimane, invece, dei tratti distintivi della RRR: d'altra parte ne sono passati di colori sulla tavolozza dell'artista...

Disponibile alla vendita dal 16 febbraio 2010.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

A star is born Di Bradley Cooper Drammatico, Musicale U.S.A., 2018 Il musicista di successo Jackson Maine scopre, e si innamora della squattrinata artista Ally. Lei ha da poco chiuso in un cassetto il suo sogno di diventare una grande cantante... fin quando Jack la convince a tornare sul palcoscenico. Ma mentre la carriera... Guarda la scheda del film