Attualità Genova Martedì 25 agosto 2009

È morto Edoardo Guglielmino

L'ultimo saluto ad Edoardo Guglielmino si svolgerà giovedì 27 agosto, ore 10, a Staglieno, presso la Socrem. Il corpo verrà cremato. La redazione di mentelocale.it è vicina ad Andrea, Carla e Chiara.

Leggi anche

Genova - In un suo vecchio articolo aveva confessato che per hobby avrebbe voluto diventare professore a 90 anni. Invece questa mattina Edoardo Guglielmino, medico, scrittore, poeta, giornalista, partigiano, promotore culturale e molto altro, ci ha lasciati. Aveva 85 anni.

"Di uomini come Edoardo Guglielmino si è perso lo stampo", aveva scritto alcuni mesi fa su mentelocale.it Giorgio Boratto, in una recensione dell'ultimo libro di Edoardo, La biro del dottore, pubblicato da Liberodiscrivere.

Ed è proprio con quella biro che Guglielmino ha scritto poesie e riflessioni nel corso di una vita segnata dal pallino per la cultura. Era il "medico della mala" - come il titolo di una sua raccolta di racconti - per la gente di Fossatello e dintorni. Specialista in ostetricia, ginecologo e medico legale, ma è anche stato Consigliere comunale e poi Assessore alla Cultura del Comune di Genova, negli anni Ottanta. Ha recensito quasi tutti gli scrittori liguri, ma era anche un grande tifoso sampdoriano: sue le pubblicazioni Storie blucerchiate e i quattro volumi di Eurosampdoria.

Grande lettore, era un recensore attento e mai banale. Aveva più volte dichiarato che di poesia non ne avrebbe mai parlato: "la poesia - diceva - non la pratico e quindi non mi avventuro a discuterne". Poi invece, nel 2007, aveva pubblicato l'opera poetica antologica Il barista non ti saluta, quel barista che sembra non vederti, ma/curiosamente, sistema con cura la/tazzina davanti a te/ e la tazza in un/lieve tintinno e il/ liquido opaco oscilla/ fra le tue mani e un filo/ di liquido topazio/ti sfiora le labbra/ e mi sorridi appena/ e non sai di offrirmi/ in quel momento/ una gioia veramente/ pura. La tazzina/ diventa un calice, calmo/ di bruno nettare,/coperto da una brina/opalina, una sorta di/patina di luce.

Questi i suoi versi, e a noi piace salutarlo così. Ciao Edoardo.

Potrebbe interessarti anche: , Fondazione Genoa: elezioni del Consiglio. Come e quando votare , Sciopero a Genova il 21 gennaio 2019, bus e metro fermi: gli orari , Sergio Mattarella a Genova per commemorare Guido Rossa a 40 anni dal suo assassinio , Lavoro in Liguria: 47 corsi di formazione nel turismo per 390 posti. Come iscriversi , Luna Park di Genova da record con oltre 200mila presenze

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Van Gogh Sulla soglia dell'eternità Di Julian Schnabel Drammatico 2018 È di sole che ha bisogno la salute e l'arte di Vincent van Gogh, insofferente a Parigi e ai suoi grigi. Confortato dall'affetto e sostenuto dai fondi del fratello Theo, Vincent si trasferisce ad Arles, nel sud della Francia e a contatto con la... Guarda la scheda del film