Genova Martedì 12 maggio 2009

Elton John ospite del Gay Pride 2009?

Genova - Gay Pride: pronti, via. Sabato 27 giugno la manifestazione nazionale per i diritti degli omosessuali animerà le strade di Genova.
Le polemiche che hanno accompagnato i primi mesi di organizzazione dell’evento – la coincidenza con il Corpus Domini (la prima data scelta per il Pride era il 13 giugno, ma dopo le polemiche è stata spostata) e l’inserimento della Lanterna, simbolo di Genova, nel logo della manifestazione – oggi lasciano il posto ai primi nomi noti che, forse, parteciperanno al primo Pride al pesto.

Si parla insistentemente di Elton John: Alberto Villa, portavoce del Genova Pride, spera che il cantante inglese partecipi alla grande festa, anche se ancora non si sbilancia: «siamo in contatto con il suo manager. Se Elton John non sarà impegnato con il suo tour verrà, ma per ora non abbiamo certezze. Lui è sempre in giro per il mondo ma ha una casa a Nizza. Non ci metterebbe molto a passare da Genova...». Il Comitato del Pride ha pensato a lui per motivi che vanno oltre la sua bravura e la popolarità: Elton John ha sempre lottato per i diritti della comunità gay e in Inghilterra è stato il primo omosessuale a sposare il suo compagno grazie alla nuova legge che consente l'unione civile di coppie dello stesso sesso. «La sua presenza al Pride genovese sarebbe per noi l'occasione per lanciare un messaggio importante contro l'omofobia».

Ma il Gay Pride è soprattutto il suo corteo colorato, festoso, «ma anche arrabbiato: manifestiamo per difendere i diritti che quotidianamente ci vengono negati», continua Villa.
Il corteo partirà da Principe e passerà per l'Annunziata, Fontane Marose, via Roma, Corvetto, via Serra, Fiume e via Venti per poi terminare in piazza De Ferrari, dove avrà inizio un mega concerto - «saliranno sul palco musicisti liguri, ma non solo» - accompagnato da un discorso politico.

Dopo il concerto sarà possibile restare in centro storico: molti commercianti prolungheranno il loro orario di apertura fino alle 22, mentre i ristoranti e i bar applicheranno uno sconto del dieci per cento a chi si presenterà munito del braccialetto colorato simbolo del Pride. Il Comitato ha pensato ad una guida della città che segnalerà le attività aderenti al Gay Pride. Anche i musei cittadini resteranno aperti fino alle 24.
«Sarà una piccola notte bianca fatta di momenti musicali in giro per il centro storico. In piazza Colombo, ad esempio, si ballerà il tango. Ma anche i CIV cittadini si sono detti desiderosi di organizzare iniziative in giro per la città. C'è davvero un grande fermento». A partire dalle 23.30 tutti alla Fiera per il gran finale dance: nel nuovissimo Padiglione B ci si scatenerà sulla pista da ballo.

Nelle ultime due settimane di giugno, anche il Porto Antico diventerà friendly grazie al Genova Pride Village. Dall'Arena del Mare fino ai Magazzini del Cotone spazio a stand commerciali, concerti, esposizioni, conferenze, spettacoli teatrali e presentazioni di libri. Ovviamente l’invito non è rivolto solo alla comunità omosessuale: sarà per tutti l'occasione di condividere momenti di divertimento e cultura.
All'Expò non mancherà una discoteca all'aperto e una kinder area dedicata ai più piccoli: «un segnale sociale importante per la nostra comunità», spiega ancora Villa, «la sede del Comitato Genova Pride si trova nelle vicinanze di un asilo, e qualcuno ha avuto da ridire: vogliamo che cose di questo genere non accadano più. Nel nostro spazio dedicato i bambini ci saranno animazioni e giochi».

Il Genova Pride Village punta a diventare un appuntamento fisso a Genova: «sarebbe un obiettivo importante per la città e per il suo turismo». Tra gli obiettivi del Comitato, che sopravviverà al Gay Pride, c'è la creazione di una Camera di Commercio per gli omosessuali sul modello di quelli di altri paesi: «ma anche in Italia gay e lesbiche sono una forza economica importante. Vorremmo dare vita ad un convegno per parlarne, per questo abbiamo inviato una lettera a Paolo Odone, presidente della Camera di Commercio di Genova. Sono trascorse tre settimane, ma non ha ancora risposto. Una cosa è certa: proseguiremo la nostra battaglia, perché siamo convinti che questa sia un'ottima opportunità per il Paese».

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.