Genova Lunedì 20 aprile 2009

Arcat: un corso per sensibilizzare sull'alcolismo

Per informazioni sulle associazioni di volontariato di Genova contattate il Celivo al numero 010 5956815.

Leggi gli altri articoli della rubrica Volontariato

Genova - In Liguria più di mille persone all’anno muoiono per problemi legati all’alcolismo. E la nostra regione è la terza in Italia nella triste classifica del consumo di bevande alcoliche. «La morte, però, è solo la punta dell’iceberg. Prima ci sono le malattie come la cirrosi e la pancreatine, ma anche i disagi sociali e familiari creati dalla dipendenza. Così nascono la prime difficoltà a scuola per i giovanissimi – oggi i ragazzi iniziano a bere verso i quattordici anni, età in cui il fisico non è ancora in grado di metabolizzare l’alcol - e sul posto di lavoro per gli adulti, che a lungo termine si trasformano in problemi medici e psicologici gravi», spiega Gabriele Sorrenti, Presidente Arcat Liguria (Associazione Regionale del Club degli Alcolisti in Trattamento).

L’associazione è nata nel 1986 e si è sviluppata seguendo i metodi di trattamento dello psichiatra croato Vladimir Hudolin. Attualmente l'associazione conta 40 Club nel territorio della provincia genovese, la maggior parte dei quali ha sede a Genova.
Grazie alla sua attività, e specialmente all'organizzazione dei suoi corsi di sensibilizzazione, molti operatori dei servizi sanitari sono entrati in contatto con l'approccio ecologico sociale. Ma molti sono anche i semplici cittadini che frequentano i corsi per interesse personale o per impegnarsi poi come volontari, chiamati servitori insegnanti di Club.

Uno degli scopi dell'associazione è quello di diffondere i Club degli alcolisti in trattamento (C.A.T.). Si tratta di comunità multifamiliari formate da un minimo di due ad un massimo di dodici famiglie con problemi alcolcorrelati e complessi e dal loro servitore insegnante: «la riunione delle comunità è uno dei momenti di vita più importanti per l’associazione», spiega ancora Sorrenti, «per questo sentiamo il bisogno di moltiplicare i nostri Club: a Genova, a Savona e a Imperia alcune zone sono ancora scoperte, mentre non ce ne sono alla Spezia».
Tra le attività di Arcat ci sono anche le assemblee pubbliche e gli incontri nelle piazze liguri per sensibilizzare i cittadini al problema dell’alcolismo. Ogni Club organizza inoltre gite, feste e cene dedicate alla comunità e ai familiari.

Arcat si occupa anche della formazione ed educazione dei propri volontari. Dall’8 al 13 giugno 2009 avrà inizio un corso presto l’Istituto E. Fassicomo di via Imperiale 41, a Genova.
Lo scopo è quello di trovare nuovi volontari - «soprattutto giovani tra i diciotto e i quarant'anni interessati a questa esperienza di volontariato», sottolinea Sorrenti – e di sensibilizzare.
Il corso, che è rivolto a chiunque intenda occuparsi di problemi alcolcorrelati, ha lo scopo di trasmettere conoscenze teorico-pratiche relative all’alcologia generale, all’approccio ecologico-sociale; di informare sullo sviluppo dei programmi alcologici territoriali, di informare sulle problematiche e sulle sofferenze nelle famiglie (alcol e problemi psichici, alcol e altre sostanze, psicofarmaci e droghe illegali). Infine sviluppare i concetti etici e spirituali antropologici rispetto all’approccio ecologico sociale.

Potrebbe interessarti anche: , Associazione San Marcellino: dall'accoglienza ai laboratori, per ritrovare il gusto della vita , Premio per esperienze innovative di partnership sociali 2017 al progetto Smart Home , Il mago dei bambini speciali: una fiaba per parlare di disabilità , 150 anni di Azione Cattolica Diocesana: una veglia per festeggiare , Mondo in pace 2017 a Palazzo Ducale: il programma

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Zanna bianca Di Alexandre Espigares Animazione Francia, Lussemburgo, U.S.A., 2018 L’avventura che ha emozionato intere generazioni, per la prima volta in una straordinaria animazione anche in 3D. Guarda la scheda del film