Concerti Genova Martedì 7 aprile 2009

La Passione secondo Matteo: Bach rivive al Carlo Felice

Genova - Altro colpaccio della GOG, che per Pasqua ha offerto a Genova la Passione secondo Matteo di Bach, interrompendo un digiuno che durava da 25 anni. Un impegno, anche dal punto di vista finanziario, e un atto di grande coraggio, una scelta che va sostenuta con il più ampio encomio, in un momento così delicato per il nostro Paese.
Lunedì 6 aprile 2009: serata ovviamente particolare, già dedicata da tempo alla memoria di Don Antonio Balletto, amatissimo sacerdote scomparso un anno fa, ma logicamente, vista la tragedia consumatasi in Abruzzo la notte prima, gli stessi musicisti del Bach Collegium München e del Münchener Bach-Choir hanno voluto dedicare la loro esecuzione alle vittime e agli sfollati del terremoto. Comunque, teatro gremito e pubblico euforico al termine, per nulla provato da oltre 3 ore di musica.

Veniamo alla musica: la lettura della Matteo dei complessi bavaresi diretti da Hansjörg Albrecht (che ne è direttore musicale dal 2005) ha per cifra caratteristica un’intensità e una drammaturgia, o se preferite un’urgenza, che oggi ha pochi rivali. Oltre alle prove impeccabili delle prime parti dell’orchestra (nell’insieme, non tutto è filato però liscio), la partecipazione emotiva dei solisti di canto è stata davvero sorprendente e in grado di mettere in secondo piano le (poche) riserve sulla loro tecnica vocale; qualcuno potrà storcere il naso dicendo che il realismo forse era eccessivo, ma sta di fatto che il soprano Simone Nold, il contralto Anne-Carolyn Schlueter, il tenore Thomas Allen, il basso Kostantin Wolff e l’altro basso Konrad Jarnot, tutti indistintamente, hanno brillanto per intensità e per un profondo senso della drammaturgia che erano chiamati a restituire.

Va da sé che le linee-guida di questa interpretazione siano state ispirate e volute direttamente da Albrecht, che nonostante la giovane età (classe 1972) dimostra una dimestichezza e una sicurezza notevoli nell’affrontare una partitura come la Passione; a lui il merito indubbio di aver saputo spingere costantemente, sollecitare, incalzare le masse artistiche che si trovava di fronte. In questo senso, si è trattato di una lettura straordinariamente agile, moderna, proiettata in avanti, anche se in questo modo non tutto si riesce a preservare: la velocità assurda con cui Albrecht ha attaccato tutti i corali (tranne Wenn ich einmal soll scheiden, che segue immediatamente la morte di Gesù, in assoluto il momento più magico della serata) non può trovare giustificazione alcuna, né formale, né musicale; molto semplicemente, si mortifica e si distrugge una componente fondamentale della struttura di un capolavoro, piegandolo alla propria mercé e soprattutto sottraendolo di fatto ai fedeli, nel nostro caso al pubblico, che deve doverosamente rispecchiarsi nelle parole e nello stato d’animo del coro.

Per l’appunto, non abbiamo ancora citato il coro, perché per il Münchener Bach-Choir bisogna fare un discorso a parte. Karl Richter, che lo fondò nel 1954 utilizzando voci non professioniste, aveva visto giusto, e la sua eredità, il suo immenso lavoro, si percepisce incredibilmente fino ad oggi. Per chi ha nell’orecchio le sue incisioni, quel Bach senza tempo, e perciò tanto più vicino a noi, e potrà ascoltare il suo coro oggi, si renderà conto che non è cambiato nulla: stesso timbro, stessa intensità, stessa dolcezza, stessa professionalità, stessa granitica compattezza, stessa strepitosa bellezza di un suono e di un canto così vivo, che va diretto al cuore. È questa, l’ascolto del Münchener Bach-Choir, la vera gioia a cui ci siamo letteralmente abbandonati lunedì sera al Carlo Felice, al punto di aspettarci da un momento all’altro la figura di Karl Richter spuntare da dietro le quinte. Il suo coro è un miracolo vivente, siamo sicuri che anche Bach ora glielo starà dicendo.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.