Concerti Genova Martedì 3 febbraio 2009

Rational Diet: un po' camera un po' rock

Genova - Continuiamo la nostra rassegna discografica ai bordi dell’etichetta milanese AltrOck.

L'importante è crederci. Qualche anno fa, Marcello Marinone – patron della label – ci aveva parlato in termini entusiastici di un'insolita compagine (un ensemble cameristico fuso in una rock band) proveniente dalla lontana Bielorussia. Alla fine (o all’inizio?), decise di produrli, i Rational Diet. Era il 2007. Intanto questi giovani musici di Brest e dintorni continuano a generare suoni sempre più ordinati su spericolati spartiti. Così nel 2008, il bis, At Work per un rock da camera, forse, meno votato all’improvvisazione, eppure sempre “deciso” e determinato nella realizzazione di concetti da trasformare con estrema naturalezza in materia musicale.

Si parte in quarta con Pukhow, un valzer sezionato facendo leva sulle microlesioni provocate da un metronomo teppista. È lui il vero regista delle forme “evolutive” scolpite da chitarre distorte, archi sinistri, fagotti stravinskiani lasciati in balìa di un pianoforte dall’incisiva instabilità nevrotica.
Ma la metamorfosi dei generi trova alta espressione nelle allusioni “boogie” di Dear Kontrabandist, presto sovvertite da interventi vocali sopranili e da improvvisi staccati su cui si muove un grottesco fagotto, in lieta chat con violino e violoncello. Idem accade nelle miniature Wet Moss – un tango ridotto in macerie – e The Mourners (un adagio crimsoniano per chitarra e organo).

L’album corre spedito sulle flessioni ambiguamente oriental-klezmer-jazz di Closed Case e di Ariel’s Last Dream: Birobidjan (dove ci sono pure ottimi tentativi di “fuga”…). In realtà, appena lo spettro acustico prevale, si percepisce soprattutto la lezione “classica” del camerismo sovietico novecentesco (Prokof’ev, Shostakovich, Glière e, più recentemente, Schnittke). È evidente nella parte centrale di Horse Army, sino a quando la batteria – complici basso, sax e chitarra – non ci riportano in un terreno più “rock”. Ma – attenzione – il “rock” qui è solo un abbecedario di moduli da incastrare – quasi cubisticamente – su un portato “colto”.

La long track Condemned è la dimostrazione di tale teorema: percussioni e violino rimandano ai King Crimson dell’irripetibile trilogia (Lark’s Tongues in Aspic, Starless and the Bible Black e Red), ma la regolarità – quasi calcolata – della scrittura sviluppa un condensato di influenze storiche, oltre quanto già citato, in direzione di ulteriori titolati (e isolati) “maestri” (Bartók, Ives, Varèse).
Chiusura in 3/4, quasi a richiamare la prima traccia, ma con un controllo della dissonanza che ruota attorno alle linee da berceuse di una melodia cantata e accompagnata da organo, violino e sax. Qui, i Rational Diet sembrano quasi guardare a Nord, tra Estonia e Islanda, al bivio tra Arvo Pärt e i Sigùr Ròs. Pare che da quelle parti la musica vada avanti; non ci si ferma alla ricerca regressiva dell’imitazione. E anche in Bielorussia non scherzano.

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Darkest Minds Di Jennifer Yuh Nelson Fantascienza U.S.A., 2018 Dopo che una malattia sconosciuta ha ucciso il 98% dei bambini, il 2% dei sopravvissuti sviluppa misteriosamente dei superpoteri. Proprio a causa delle loro straordinarie abilità, i ragazzi vengono dichiarati una minaccia dal governo e rinchiusi in campi... Guarda la scheda del film