Concerti Genova Venerdì 30 gennaio 2009

L'enigma sonoro dei Rohmer

Genova - Ormai è da parecchio che giro intorno a questo disco, senza trovare il modo di definirlo. Nati da una serie di cambi di formazione degli storici Finisterre, i Rohmer hanno dato alla luce un disco che è un vero e proprio enigma sonoro, un'opera completamente fuori dal tempo.

Di base - suggestionati dal passato della band - verrebbe voglia di definirlo un disco di rock progressivo, magari inserito in quel particolare sotto-genere che fu la cosiddetta scena di Canterbury (ad esempio in più di un passaggio mi sono venuti in mente gli Hatfield & The North, così come certe cose dei National Heath), ma i Rohmer sono tuttaltro che passatisti, tanto che non è difficile ripensare a certo post-rock meno standardizzato (come i Gastr Del Sol di Camofleur) e persino ai Talk Talk degli ultimi due dischi.

Certo, il flauto che si sente all'inizio di Angolo 1 (anche i titoli sembrano giocare) non può non riportare l'ascoltatore agli anni '70, e in fondo è uno degli episodi più progressivi in scaletta, strumentale giocato su assoli mai rindondanti e scorrevole come a molte band prettamente strumentali non riesce di essere: non è solo questione di tecnica, i Rohmer sanno come dosare i loro interventi. Ecran Magique, tutta stasi e xilofoni come nei migliori Sigur Ros, introduce Lhx, in cui un inizio elettronica porta verso una struttura da colonna sonora italiana anni '70 (quel tipo di atmosfere -non semplicemente di sonorità- che in tanti in questi ultimi due decenni hanno tenato di riprodurre) e la stessa sensazione viene data da Metodiche di salvezza.
Poi si gioca ad accoppiare nomi distanti tra loro anni luce: V. fa pensare tanto a Peter Hammill quanto a David Sylvian, laddove la breve Cifra3 media tra Satie e Davis. Angolo Due come la quasi omonima traccia che apre il disco è uno dei momenti più marcatamente prog, eppure la batteria elettronica che si sente all'inizio fa pensare persino a certo trip-hop.
Il disco si chiude il torrenziale viaggio onirico di Elimini-Enne, più di venti minuti di flusso elettronico dove la band da il meglio di se, tra richiami a Davis (una suggestione che ritorna spesso durante gli ascolti) piuttosto che al post rock più cinematografico (i Bark Psychosis di Hex?).

Un disco del genere non può e non deve passare inosservato: se i nomi citati nella recensione vi dicono qualcosa, o se siete interessati al prog come al post-rock come all'elettronica dovete dargli un ascolto, potreste restarne conquistati.

Potrebbe interessarti anche: , Faber Nostrum, il disco-tributo a Fabrizio De Andrè: gli artisti e quando esce , Corsi di tango argentino con la Scuola Ciitango444: si balla tra emozioni e movimento , La Voce e il tempo: il programma dei concerti di marzo 2019 , C'è da fare: canzone per Genova di Paolo Kessisoglu con 25 artisti, da Giorgia a Morandi , A Genova la nave di Vasco Rossi personalizzata per il tour: destinazione Cagliari

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Captain Marvel Di Anna Boden, Ryan Fleck Azione, Avventura, Fantastico U.S.A., 2019 Fai un tuffo negli anni Novanta, quando una guerra intergalattica tra due razze aliene coinvolge la Terra. Carol Danvers e uno sparuto gruppo di alleati vengono catapultati al centro del ciclone. Segui le sue avventure e scopri come è diventata... Guarda la scheda del film