Concerti Genova Martedì 13 gennaio 2009

Finnegans Wake: un disco da esperti

Genova - Un DNA anomalo già ben visibile nel nome, Finnegans Wake. Proprio come l'ultimo romanzo di James Joyce, anche loro amanti di un “pluringuismo”, però, sonoro, attraversando generi e stili, oltre qualsiasi preconcetto.
La band è nata in Belgio nel 1993 ed è composta da musicisti di varia estrazione e provenienza (il poliedrico fiammingo Henry Krutzen, il vallone Alain Lemaître, i brasiliani Alexandre Johnson e Marcilio Onofre, la poetessa tedesca Xochil Schültz).

Nel 2008 la label Altrock di Marcello Marinone ha pubblicato il loro quinto CD, Blue. Il filone è quello privilegiato dall’etichetta alternativa di Sesto San Giovanni ovvero quel “rock da camera” che ama fondere strumentazione elettrica e acustica in un mix compositivo di ardua collocazione, tra repertorio contemporaneo e eretiche propaggini di popular music.
Blue mostra una personalità autonoma di tutto rispetto, pur nell’ottima sintonia con i compagni di catalogo (citiamo, in primis, Yûgen e i bielorussi Rational Diet).

Archi che litigano con chitarre distorte su ritmiche irregolari e impennate vocali degne del più spericolato Sprechgesang. I King Crimson che chiedono il tempo ad uno Schönberg assai riluttante nel vedersi ronzare intorno ragazzacci come i Gentle Giant, Magma, Henry Cow, Univers Zero e un irrequieto Zappa in frack (Magical Cave). Questo il succo. Ma, nel dettaglio, non si escludono prodigiosi sconfinamenti: siamo sorpresi dal “tango” frippiano di Mida o da “interludi” metallici nel cuore di Honfleur La Jolie; ci perdiamo nelle incursioni del mimimalismo elettronico di Blue e di Ents and Things; è letteralmente naufragio nell’onirismo sonoro del jazz lisergico di Vulnavia.

Un lavoro di pregevole qualità ma, sicuramente, non alla portata di tutte le orecchie. Mettiamola così: un geniale grimaldello per aprire la mente a quell’utenza “colta” ancora convinta che l’evoluzione musicale non si sia mai più ripresa, solo perché “qualcuno” - con millenaristica convinzione - ne aveva annunciato la fine. Pensare che eravamo solo all’inizio.

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Lo sguardo di Orson Welles Di Mark Cousins Documentario 2018 What's in the box? Cosa c'è nella scatola? si chiede Mark Cousins cineasta e studioso di cinema, già autore della sua nota (e preziosissima) rilettura personale della storia del cinema in The Story of Film (2011). Grazie all'accesso... Guarda la scheda del film