Jovanotti: «sarà un Capodanno speciale» - Genova

Concerti Genova Venerdì 12 dicembre 2008

Jovanotti: «sarà un Capodanno speciale»

Genova - «Quando facevo il dj passavo il Capodanno nei locali, a far ballare la gente». Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, ricorda così i suoi anni Ottanta. Ma il concerto che lo vedrà protagonista al Porto Antico di Genova la notte di San Silvestro sarà di ben altro tenore: «l’idea di portare nel capoluogo ligure l’ultima data del mio Safari Tour era nell’aria già da un anno», spiega Lorenzo, che venerdì 12 dicembre è arrivato a Genova per parlare del progetto, «Genova è per me una delle “repubbliche musicali” e trovo molto stimolante suonare qui. Per l’occasione preparerò un concerto speciale: ci saranno tante sorprese e magari coinvolgerò qualche artista locale. Mi piacciono molto i Meganoidi. In realtà avrei voluto che accanto a me ci fosse Fabrizio De Andrè. Ma lui sul palco c'è sempre: per me è una divinità laica».

Insomma, le idee sono tante, ma l’importante è festeggiare: «Capodanno è Capodanno», aggiunge Lorenzo, «forse porterò dei giradischi per continuare la festa anche dopo la fine del concerto. Fare il dj è come andare in bici: una volta che hai imparato non te lo scordi più». Lo show di Genova arriva dopo un concerto mancato: «durante il G8 ero venuto in città con l’idea di esibirmi su un camion che era stato allestito come un palco. Ho portato il sacco a pelo e ho dormito nei locali della scuola di Boccadasse. Avrei dovuto suonare durante la manifestazione. Poi andò come sapete».
La Sindaca Marta Vincenzi e Nando Dalla Chiesa ricordano «l’impegno di Lorenzo nella difesa dei diritti e nei confronti dell’ambiente. Genova inizia con Jovanotti un 2009 all’insegna dei diritti sociali e della tutela del paesaggio».

Il Safari Tour, che ha portato Jovanotti in giro per l’Italia per tutto il 2008 e che si conclude proprio a Genova, è stato all’insegna dell’ecologia: «abbiamo piantato un certo numero di alberi per contrastare le emissioni di CO2 prodotte durante il concerto», spiega il cantante, «questo è un piccolo ma importante segnale: l’Italia è rimasta indietro nell’uso delle energie rinnovabili ma qualcosa sta cambiando, soprattutto nella mentalità delle persone».
Risale a pochi giorni fa la celebrazione dei sessant’anni della Dichiarazione universale dei diritti umani: «mi piace parlare ai giovani di questi temi. Non lancio messaggi, ma cerco di comunicare emozioni».
Infine un augurio alla città: «spero in un 2009 con una nuova idea di futuro. Lo auguro al pianeta, alla mia famiglia, a tutti. Noi viviamo in un paese fortunato. Basta guardarsi intorno: chi vive nel sud del pianeta non ha niente».

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: il programma di novembre e dicembre con Die Mauer, Love Fail e Il sorriso della Gioconda , Carboni suona sul tetto del San Martino: la campagna di prevenzione Battito del Cuore. Il video , Robe di Musica: tre festival tra grandi musicisti italiani tra Guitars, Rockabilly e Blues , Fabrizio De André: ritrovato il filmato del concerto di Genova del '79, presto disponibile , Scuola Ciitango444: nuovi corsi di tango argentino tra balli ed emozioni

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.