Concerti Genova Martedì 18 novembre 2008

PFM e De André, la storia continua

Genova - Una storia (nota ai più) iniziata tanto tempo fa. Era il 1970, quando alcuni membri della Premiata Forneria Marconi (allora ancora nel “beat” con la sigla “I Quelli”…) suonavano ne La Buona Novella di Fabrizio De André. Poi passarono quasi dieci anni, prima che si realizzasse una delle congiunzioni creative più straordinarie della musica italiana: PFM e De André incrociano nuovamente le proprie strade per un tour che cambierà tutto e tutti.
Vent’anni più tardi Faber se ne va, ma le sue canzoni restano: in quel doppio live del '79-'80 (In concerto) De André scrive la “regula” definitiva del suo corpus “classico” e l’inchiostro più adatto – ancora oggi - resta quello della band milanese.

Venerdì scorso, 14 novembre 2008, la PFM ha pubblicato il CD/DVD PFM canta De André (Aereostella/Edel); ma la PFM ha sempre continuato a cantare De André, da quella “prima” al SascHall di Firenze nel gennaio 2004, in occasione del 25° anniversario della storica tournée. Fu quello l’inizio di una rassegna concertistica, quasi monografica, che dura con successo da quasi 5 anni.
Ora, finalmente, una testimonianza audio e video, tratta dal concerto tenutosi il 29 marzo 2008 al Teatro Comunale Maria Caniglia di Sulmona (AQ). È la solita PFM che regala e trasmette entusiastiche emozioni nel pieno rispetto dell’amichevole complicità artistica (e umana) con De André. Un trait d’union duraturo, capace talvolta di suggerire un’illusione di eternità per nulla museale.

Bocca di rosa chiama Il pescatore, La guerra di Piero e Marinella si adattano al contesto teatrale trasformandosi in veri e propri drammi per canzone; così come i riflessi etnici di Zirichiltaggia preludono a Volta la carta, mentre Amico fragile e Giugno ’73 consentono un paio di espansioni progressive figlie del PFM Sound. I ricordi de La Buona Novella si vivacizzano grazie a ricami timbrici - sempre attuali - in Maria nella bottega del falegname e in Il testamento di Tito.
Il “power trio” dei fondatori (Di Cioccio, Djivas e Mussida) si avvale del sostegno polistrumentistico dell’esperto Lucio Fabbri (violino, chitarra acustica, tastiere e cori), dell’abilità tastieristica di Gianluca Tagliavini e dell’apporto percussivo del batterista Piero Monterisi.
Da avere nella propria discoteca senza dubbi e esitazioni, in attesa di un gradito ritorno dei nostri in terra zeneise. In questo senso, però, pazientiamo, visto che i nostri sono in partenza per un tour mondiale che toccherà Messico, Guatemala e Canada.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Soldado Di Stefano Sollima Azione U.S.A., Italia, 2018 Nella guerra alla droga non ci sono regole. La lotta della CIA al narcotraffico fra Messico e Stati Uniti si è inasprita da quando i cartelli della droga hanno iniziato a infiltrare terroristi oltre il confine americano. Per combattere i narcos l’agente... Guarda la scheda del film