Cultura Genova Sabato 25 ottobre 2008

La depressione al Festival della Scienza

Genova - «La medicina e la psichiatria non hanno mai messo da parte il loro maschilismo. La psichiatria, in particolare, è la culla del pregiudizio. Il mio vuole essere un punto di vista diverso sulla mente femminile». Si è presentata così Elvira Reale, direttore dell’U.O.C. (Unità Operativa Complessa) di Psicologia Clinica alla ASL Napoli 1, coordinatrice del progetto regionale Una salute a misura di donna e protagonista venerdì 24 ottobre di una lectio magistralis sulla depressione, sulla sua alta incidenza tra le donne e sulle possibili cure.

Introdotta dal Presidente del Festival della Scienza Manuela Arata, che ha voluto «ringraziare gli uomini presenti in sala», ricordando che in un’edizione dedicata alla diversità il Festival ha voluto andare controcorrente, «facendo in modo che il cinquanta per cento dei ricercatori fosse composto da donne», Elvira Reale ha innanzitutto affrontato il modo in cui si manifesta la depressione.

«I primi segnali sono la stanchezza, la demotivazione, la perdita di interesse per qualsiasi cosa, la riduzione della stima di sé, la mancanza di sentimenti positivi», ha spiegato la psicologa. «Tra le conseguenze, subentrano la perdita dell’appetito e le crisi di panico. Le statistiche internazionali e nazionali dicono che la depressione aumenta, soprattutto nelle donne, tra i 15 e i 44 anni, ed è la prima causa di disabilità. Le donne inoltre assumono più psicofarmaci degli uomini e la loro depressione è più persistente: nel 2005 le donne tra i 25 e i 44 anni sono risultate le più ricoverate in ospedali psichiatrici».

Le violenze del partner sono al primo posto tra le cause di depressione: «i maltrattamenti generano ansia, disordini alimentari, tendenza al suicidio, abuso di droghe». Ma a tutto questo si aggiunge un altro ingrediente: «lo stress dovuto all’attività professionale, a cui spesso si somma il lavoro domestico». Senza dimenticare una particolare condizione dello stress che viene definita burn out: consiste nel «fare indigestione dei problemi altrui. Come i medici rischiano di farsi coinvolgere emotivamente dai problemi dei loro pazienti così le madri, che curano i loro bambini, vengono spesso colpite da questa sindrome. Essere madre è bello, ma bisogna porre dei paletti».

Il problema è che purtroppo la depressione non è ancora percepita dalla donna come effetto del suo stile di vita o di eventuali relazioni violente. Nonostante i progressi della ricerca, spesso si continua a legare le malattie di natura depressiva al ciclo ormonale e riproduttivo: «un pregiudizio che non prende in considerazione la sofferenza delle donne e non aiuta nemmeno la prevenzione», ha concluso Elvira Reale. «La soluzione deve incidere sullo stile di vita delle pazienti, senza ricorrere sempre e soltanto all’uso dei farmaci».


Leggi anche su mentelocale.it:
- Geary: «anche E=mc2 è un aforisma»
- Candido al Festival della Scienza
- Decolla il Festival della Scienza 2008
- Premio Nobel? No, IgNobel
- Il Nobel Gross: «voto Obama, tre volte»
- McClintock, il lato umano della scienza
- Festival: al via l'abbuffata di scienza

Potrebbe interessarti anche: , Genova, l'ex edicola di via Luccoli diventa un vivaio fiorito , Ripensare le biblioteche del futuro? Il concorso dell'Università di Genova: come partecipare , Al Teatro Carlo Felice in bus con Atp, ecco Valli all'Opera: linee, orari e prezzi , Genova, chiude la Libreria dei Fratelli Frilli a Sampierdarena , Suoni uno strumento? Entra nell'orchestra di Ateneo

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Mathera Di Francesco Invernizzi Documentario Italia, 2018 Mathera è un film documentario dedicato alla Capitale della Cultura 2019. Voci autorevoli del mondo della storia dell’arte e dell’architettura si alternano alle testimonianze di chi ha scelto di vivere nei Sassi o di lavorarci. Ne emerge un quadro... Guarda la scheda del film