Concerti Genova Venerdì 26 settembre 2008

Premio Paganini: tutto al Carlo Felice

Genova - Con la conferenza stampa della Giuria, tenuta al Carlo Felice nella mattina di venerdì 26 settembre, si è ufficialmente aperto il 52° Concorso Internazionale di Violino “Premio Nicolò Paganini”.

Il concorso richiama ad ogni edizione violinisti da tutto il mondo: quest’anno gli ammessi alle selezioni sono stati 59, di cui 34 hanno effettivamente risposto all’appello di ieri e da oggi sono a Genova per sfidarsi a colpi d’archetto. Un numero comunque in netta diminuzione rispetto ai tempi d’oro, quando il “Paganini” era considerato il concorso violinistico par excellance, come d'altronde Paganini è sempre stato considerato il principe dei violinisti.

Oggi, con il proliferare dei concorsi e dei festival, il concorso si sta lentamente riformando e riadattando ai tempi. La gestione, da quest’anno, è stata affidata interamente al Teatro Carlo Felice, che ospita la manifestazione. Ma anche il programma generale del concorso ha subito alcuni cambiamenti. Si comincia con le “prove preliminari”, cui accedono tutti i concorrenti che hanno superato la preselezione (chiusa a giugno 2008 ed effettuata mediante l’ascolto di un cd inviato dagli aspiranti concorrenti): ciascuno dovrà cimentarsi con il primo movimento da un concerto per violino di Mozart e con un Capriccio di Paganini.

Tutto ciò venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 settembre all’Auditorium Montale del Carlo Felice. Successivamente, 12 concorrenti potranno accedere alle “prove semifinali”, il cui programma prevede una sonata per violino e pianoforte (Beethoven, Brahms, Debussy, Strauss), un brano dalle Sonate di Bach per violino solo, altri due Capricci di Paganini (altrimenti, che “Premio Paganini” è!), un brano virtuosistico a scelta, e un brano composto appositamente per il Premio dal compositore contemporaneo Fabio Vacchi; è una prova dura, anche per la resistenza del concorrente, che fatte le debite somme si aggira attorno ai 70-75 minuti.

Le semifinali si svolgeranno al Carlo Felice, sempre ad ingresso libero, martedì e mercoledì della prossima settimana, al pomeriggio e alla sera. Chi ce la farà – e saranno 6 al massimo – avrà l’onore di accedere alle “prove finali”, che avranno luogo nei pomeriggi di sabato 4 e domenica 5 ottobre, con la partecipazione dell’orchestra del Teatro diretta da Christopher Franklin (ingresso 10 Eu valido per entrambe le giornate): saranno i momenti più emozionanti dell’intero percorso della competizione, perché in programma ci sono i più bei concerti per violino e orchestra, come quello di Mendelssohn, quello di Brahms, quello di Ciaikosvkij; e naturalmente, non può mancare – anzi, è obbligatorio per tutti i finalisti! – il concerto di Paganini.

La Giuria 2008 è presieduta dall’israeliano Zhakar Bron, uno dei massimi didatti al mondo dello strumento. Ne fanno parte anche alcuni musicisti italiani, a cominciare da Giulio Franzetti, che è stato per decenni violino di spalla al Teatro Alla Scala; oppure Rocco Filippini, che è uno dei maggiori violoncellisti al mondo, o il direttore d’orchestra Piero Bellugi. In Giuria siedono comunque, come previsto dal Regolamento, in maggioranza stranieri, che rappresentino possibilmente le maggiori scuole violinistiche del globo (Russia, America, Giappone e Cina, oltre naturalmente alla vecchia Europa).

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Luis e gli alieni Di Christoph Lauenstein, Wolfgang Lauenstein, Sean McCormack Animazione Germania, Lussemburgo, Danimarca, 2018 Luis è un dodicenne timido e introverso, spesso bullizzato dai compagni. Suo padre, l’ufologo Armin Sonntag, non gli dedica molto tempo, intento a scrutare il cielo alla ricerca di vita extraterrestre. Anche il Preside della scuola si accorge... Guarda la scheda del film