Concerti Genova Martedì 9 settembre 2008

Moonjune, qualità e underground

Genova - La prima immagine potrebbe essere questa: un bosniaco a New York che guarda (anche) all’Italia. L’anche non è che una concessione relativizzante, perché il nostro slavo, Leonardo Pavkovic, ha moltissimi legami con il Bel Paese, ma, soprattutto, ama e promuove la buona musica. La passione lo ha portato a rimettere insieme veri e propri esuli fermi alle frontiere dei generi. Ma a questo signore dei (buoni) dischi non interessano gli steccati, così, nel 2001, fonda la Moonjune. Basta dare un’occhiata al succulento catalogo per renderci conto di chi siano i suoi amici. In mezzo qualche nome (a noi) sconosciuto, ma, ovunque si getti l’amo, si pesca bene. Qualità e underground, senza troppi birignao d’elite ma con una buona impostazione marketing (copertine prensili, tanto per intenderci). Piacciono e vendono. Che male c’è?

L’Italia. Pavkovic ha fatto anche un po’ da ambasciatore, soprattutto in Oriente: PFM, New Trolls e, a breve, Latte e Miele. E, per non perdere lo smalto, produce i veronesi D.F.A., una delle band più promettenti del settore alternative. Nel frattempo, vi proponiamo qualche primizia giuntaci in questi giorni dalla Lower East Side di Manhattan…

Soft Legacy è l’ultima prestigiosa incarnazione di quel totem (e tabù) del jazz rock denominato Soft Machine. Una leggenda che parte sulla cresta dell’onda psych britannica mid-’60 e che plana nel nuovo millennio, dopo innumerevoli peripezie e cambi di nome. Nel 2007 esce Steam: padrone del vapore il vulcanico Hugh Hopper (fondatore storico con Wyatt, Ratledge e Ayers) al basso e ai loop elettronici. Complici dell’operazione il batterista John Marshall (già nei Soft Machine) e i “canterburyani” Theo Travis (sax, flauto e loops) e John Etheridge (chitarra già presente negli “storici” Softs e Alive & Well).
L’attitudine congenita del quartetto li porta a sviluppare particolarissime trame di un jazz elettrico che sarebbe limitativo sentirlo contaminato solo con il rock.

Il labirinto di viuzze si snoda tra naturali racconti di Canterbury (Firefly), suggestioni afro-cubane (In The Back Room), caleidoscopici puzzle hopperiani (Footloose), fusion classica (The Steamer e Anything To Anywhere), preoccupanti segnali di chitarre heavy metal in orditi dissonanti (The Big Man), cacofonie aleatorie (The Last Day), sentori free (So English) con risoluzioni blues (Dave Acto… citando magari sottotraccia il Bolero di Ravel), ritrattazioni (Chloe and the Pirates già in Six del 1973). Lavoro validissimo, imprescindibile per chi si fosse perso le ultime puntate della Soft Machine story… Da segnalare in cabina di regia Jon Hiseman, storico batterista dei Colosseum.

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

La casa delle bambole Ghostland Di Pascal Laugier Horror 2018 Pauline e le due figlie adolescenti, Beth e Vera, ricevono in eredità una vecchia villa piena di cimeli e bambole antiche che rendono l'atmosfera tetra e inquietante. Durante la notte, due intrusi penetrano nella casa e prendono in ostaggio le... Guarda la scheda del film