Concerti Genova Lunedì 8 settembre 2008

I Sonohra sotto scacco delle fan

Genova - Dopo essere stati ospiti della puntata di Trl, andata in onda poche ore fa da piazza Caricamento, i Sonohra, duo pop di Verona, sono scappati dal pubblico di ragazzine urlanti per trovare un momento di relax al Ristorante DiSopra di Palazzo Ducale e per essere video intervistati dalla mia collega Francesca. Prima che potessero andare via, un’ultima falange di cinque irriducibili fan ha colto l’attimo per incontrali sulla soglia dell’ascensore. Tra foto-ricordo, autografi e baci rubati Viki, Sara, Shelly, Valentina e Eleonora hanno realizzato il sogno di incontrare i loro beniamini.
Ne approfitto per fare loro qualche domanda. Viki e Valentina sono le più vulcaniche del gruppo e mi confessano che per la puntata di Trl hanno fatta una levataccia per essere alle otto del mattino in pole position sotto il palco di piazza Caricamento: «siamo state tutto il giorno sotto il sole solo per loro», mi racconta entusiasta Valentina. Le trema ancora la voce dall’emozione e continua a dire «Ancora non ci credo!».
Anche Viki è ancora sotto shock per avere finalmente avuto Luca e Diego faccia a faccia.

Ma perché piacciono tanto i Sonohra? Io che mi aspettavo un giudizio secco sulla bellezza, il ciuffo, la voce sexy, la cravatta stretta o l’occhiale da sole, sono rimasta a bocca asciutta. Niente di tutto questo, o meglio, non solo: «Ci piacciono le loro canzoni, soprattutto i testi sono bellissimi - commenta Valentina - c’è una canzone, Salvami, che mi fa piangere ogni volta che l’ascolto. E poi io li ho visti per la prima volta sulla copertina del loro cd quando l’ho comprato, prima non sapevo come erano fatti».
«Anche per me è lo stesso. Ho conosciuto le loro canzoni per radio», aggiunge Viki.

Ma come erano sul palco di Trl? Se la tiravano? A parte Shelly che mi fa un timido cenno di assenso con la testa, le altre sono sulla difensiva: «un pochino sì, ma non lo fanno apposta è solo per fare divertire il pubblico».
Tra i velini Luca e Diego, meglio il biondo o il moro? A parte Eleonora, le altre non hanno dubbi, vince il moro Diego.
Mentre cerco di annotare cosa mi dicono, le amiche continuano istericamente a parlare tra loro: «ma vi rendete conto che li abbiamo baciati sulla guancia?».
Una curiosità: quanti anni hanno i Sonohra? Da fan accanite quali sono, le colgo preparatissime: 21 e 26. E voi? Un coro di 16 e 17. E subito, come per giustificare il gap, ci tengono a precisare: «ma io ho avuto un ex di 23». «Il mio invece ne aveva 24». Ok, abbiamo capito che l’età non è un ostacolo.
Ma la febbre per i Sonohra non finisce qui. Il prossimo incontro con le loro superfan è previsto per sabato 13 settembre sul palco dell’Mtv Day. E, ancora una volta, il branco di groupies è pronto per affrontare innumerevoli ore in piedi sotto la calura di fine estate per essere, come sempre, quelle della prima fila. In bocca al lupo!

Potrebbe interessarti anche: , Un Concerto per Genova: biglietti, orari e ospiti per aiutare la Valpolcevera , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Lo splendore dei Gonzaga con l'Ensemble Biscantores

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Il mistero della casa del tempo Di Eli Roth Commedia, Fantasia U.S.A., 2018 La magica e misteriosa avventura di un ragazzino di 10 anni, Lewis Barnavelt, che si trasferisce a vivere nella casa vecchia e scricchiolante dell’eccentrico zio Jonathan. In questa strana dimora si nasconde un mondo segreto ricco di magie, misteri,... Guarda la scheda del film