Concerti Genova Martedì 12 agosto 2008

Movida: «è una questione di civiltà»

Lunedì 4 agosto 2008 è entrato in vigore un nuovo regolamento varato dal Comune di Genova sugli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali. Tra i punti dell'ordinanza, spicca l'obbligo di chiusura anticipata dei locali del centro storico: all'una l'ultima somministrazione, all'una e mezza la chiusura. Per le serate di venerdì e sabato (ma anche prima delle festività), l'orario limite è posticipato alle due di notte.
Si parte con un mese di prova, poi arriveranno le sanzioni per chi non rispetta le regole: alla quinta infrazione nell'arco di 12 mesi è prevista la revoca della licenza.

Inoltre da sabato 9 agosto è in vigore un’ordinanza con cui si vieta l’uso bevande alcoliche in contenitori di vetro e/o metallo dalle ore 22.00 alle ore 6.00 in alcune località del centro storico (piazza Caricamento, via di Sottoripa, piazza delle Erbe, piazza San Bernardo, salita Pollaioli, piazza della Commenda, via e piazza della Maddalena, Area Expo).
La sanzione per i trasgressori sarà dai 25 ai 500 Eu, salvo che il fatto costituisca reato.
I città si è subito creata una certa tensione, sono fioccate la prime multe, le vie in questione sono presidiate dagli agenti, e si orecchia di manifestazioni (pacifiche) in centro.

A seguito di questi nuovi regolamenti, si è scatenato il dibattito. Dopo lo sfogo di , hanno risposto , , , , , , e .
Di seguito pubblichiamo il commento di Roberta.

Vuoi dire la tua su questo argomento? Scrivi a

Genova - Chiusura dei locali prevista per le 2... poi forse mezz'ora di tolleranza... a casa mia fanno le 2.30. Io mi alzo alle 6.15. In pratica potrò dormire meno di 4 ore, senza contare che spazzatrici e simili possono iniziare a lavorare solo dopo che le saracinesche sono state abbassate.
Non si tratta di orari, ma di civiltà: provate a vivere in centro storico e a volere ascoltare musica o un notiziario serale con le finestre aperte, o a cenare su un terrazzo: è praticamente impossibile. Il rumore è assordante, talvolta stordisce.

La maggior parte di coloro che viene in centro storico è convinta di acquistare, insieme alla birra, una sorta di "carta servizi" che tutto permette: la voce alta, il posteggio selvaggio, la pipì agli angoli.
Per non parlare dei "meravigliosi" artisti di strada (suonano male strumenti che non hanno mai visto a qualsiasi ora del giorno e della notte), che non possiamo allontanare, in nome di una non meglio identificata "solidarietà".

I locali potrebbero stare tranquillamente aperti tutta notte se solo i gestori e gli avventori riuscissero a comprendere in quale contesto si trovano. Così come dovrebbero comprenderlo i nostri amministratori: in piazza delle Erbe ci sono sei bar, una trattoria, un ristorante, una gelateria e una sorta di take away.
Solo menti con una visione distorta ed ottusa della città hanno potuto permettere una cosa simile. O forse con un'idea assolutamente diversa dalla mia sul significato "amministrare".

Roberta

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Il testimone invisibile Di Stefano Mordini Thriller 2018 Adriano Doria è "l'imprenditore dell'anno" nella nuova Milano da bere. Guida una BMW, porta al polso un Rolex vistoso, ha una moglie e una figlia adorabili e un'amante bella come Miss Italia. Ma ora si trova agli arresti domiciliari, accusato di... Guarda la scheda del film