Concerti Genova Martedì 12 agosto 2008

Movida: «è una questione di civiltà»

Lunedì 4 agosto 2008 è entrato in vigore un nuovo regolamento varato dal Comune di Genova sugli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali. Tra i punti dell'ordinanza, spicca l'obbligo di chiusura anticipata dei locali del centro storico: all'una l'ultima somministrazione, all'una e mezza la chiusura. Per le serate di venerdì e sabato (ma anche prima delle festività), l'orario limite è posticipato alle due di notte.
Si parte con un mese di prova, poi arriveranno le sanzioni per chi non rispetta le regole: alla quinta infrazione nell'arco di 12 mesi è prevista la revoca della licenza.

Inoltre da sabato 9 agosto è in vigore un’ordinanza con cui si vieta l’uso bevande alcoliche in contenitori di vetro e/o metallo dalle ore 22.00 alle ore 6.00 in alcune località del centro storico (piazza Caricamento, via di Sottoripa, piazza delle Erbe, piazza San Bernardo, salita Pollaioli, piazza della Commenda, via e piazza della Maddalena, Area Expo).
La sanzione per i trasgressori sarà dai 25 ai 500 Eu, salvo che il fatto costituisca reato.
I città si è subito creata una certa tensione, sono fioccate la prime multe, le vie in questione sono presidiate dagli agenti, e si orecchia di manifestazioni (pacifiche) in centro.

A seguito di questi nuovi regolamenti, si è scatenato il dibattito. Dopo lo sfogo di , hanno risposto , , , , , , e .
Di seguito pubblichiamo il commento di Roberta.

Vuoi dire la tua su questo argomento? Scrivi a

Genova - Chiusura dei locali prevista per le 2... poi forse mezz'ora di tolleranza... a casa mia fanno le 2.30. Io mi alzo alle 6.15. In pratica potrò dormire meno di 4 ore, senza contare che spazzatrici e simili possono iniziare a lavorare solo dopo che le saracinesche sono state abbassate.
Non si tratta di orari, ma di civiltà: provate a vivere in centro storico e a volere ascoltare musica o un notiziario serale con le finestre aperte, o a cenare su un terrazzo: è praticamente impossibile. Il rumore è assordante, talvolta stordisce.

La maggior parte di coloro che viene in centro storico è convinta di acquistare, insieme alla birra, una sorta di "carta servizi" che tutto permette: la voce alta, il posteggio selvaggio, la pipì agli angoli.
Per non parlare dei "meravigliosi" artisti di strada (suonano male strumenti che non hanno mai visto a qualsiasi ora del giorno e della notte), che non possiamo allontanare, in nome di una non meglio identificata "solidarietà".

I locali potrebbero stare tranquillamente aperti tutta notte se solo i gestori e gli avventori riuscissero a comprendere in quale contesto si trovano. Così come dovrebbero comprenderlo i nostri amministratori: in piazza delle Erbe ci sono sei bar, una trattoria, un ristorante, una gelateria e una sorta di take away.
Solo menti con una visione distorta ed ottusa della città hanno potuto permettere una cosa simile. O forse con un'idea assolutamente diversa dalla mia sul significato "amministrare".

Roberta

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

The predator Di Shane Black Azione, Avventura, Horror, Fantascienza U.S.A., 2018 Dai confini dello spazio inesplorato, la caccia arriva nelle strade di una piccola città nella terrificante reinvenzione della serie di Predator nel progetto registico di Shane Black. Geneticamente modificati, attraverso la combinazione dei DNA di specie... Guarda la scheda del film