Concerti Genova Venerdì 8 agosto 2008

Movida: «pensiamo a cosa è Genova oggi»

Lunedì 4 agosto 2008 è entrato in vigore un nuovo regolamento varato dal Comune di Genova sugli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali. Tra i punti dell'ordinanza, spicca l'obbligo di chiusura anticipata dei locali del centro storico: all'una l'ultima somministrazione, all'una e mezza la chiusura. Per le serate di venerdì e sabato (ma anche prima delle festività), l'orario limite è posticipato alle due di notte.
Si parte con un mese di prova, poi arriveranno le sanzioni per chi non rispetta le regole: alla quinta infrazione nell'arco di 12 mesi è prevista la revoca della licenza.

A seguito di questo nuovo regolamento, si è aperto il dibattito. Dopo lo sfogo di , hanno risposto , , , e ,
Di seguito pubblichiamo il commento di Matteo Raselli.

Vuoi dire la tua su questo argomento? Scrivi a

Genova - È ormai da alcuni giorni che mi appassiono a leggere i commenti riportati sul sito a causa della chiusura anticipata dei locali: mi sovvengono alcune riflessioni.
Da quanto letto, tutti o quasi, sono conoscitori e utenti del "centro isterico", come da anni lo abbiamo battezzato con alcuni amici, quindi sapranno come era il centro non più di quindici anni fa. Non c'erano locali, almeno non così tanti e visibili, semplicemente perché non c'era gente!

Ora, divertente ed interessante sarebbe indagare se la massa di giovani armati di tubi da disegno, giovani professionisti bo-bo, artisti, siano arrivati perché abbiano aperto 2 o 3 bar oppure se il significato del loro arrivo sia quello di una città che per una decina di anni ha sperato di farcela, ci ha creduto, ha accettato migliaia di persone volenterose provenienti da altre casbe. A questo punto, se davvero riteniamo siano 3 ore di urla sottocasa il venerdì e il sabato il problema del nostro centro storico, del mio paesone, allora forse abbiamo infilato la testa sotto le montagne di rifiuti che vedo ad ogni angolo.

Forse il problema vero ha 1000 piccole sfaccettature: edifici che cadono letteralmente a pezzi, spacciatori che praticamente hanno l'ufficio ad alcuni angoli di strada, una sporcizia che fa venire voglia di andarsene, una gestione della cosa pubblica da terzo mondo, mandrie di ratti che il mio cane avrebbe paura.
Pensiamoci, e pensiamo pure che se i locali fanno casino allora le pescherie puzzano ed i tavolini dei bar ingombrano la strada. Forse tutto sommato i tossici che schivavo per entrare a casa una dozzina di anni fa non urlavano molto.

Potrebbe interessarti anche: , Covo di Nord-Est, crowdfunding per riaprire dopo la mareggiata: «Entro Pasqua» , Faber Nostrum, il disco-tributo a Fabrizio De Andrè: gli artisti e quando esce , Corsi di tango argentino con la Scuola Ciitango444: si balla tra emozioni e movimento , La Voce e il tempo: il programma dei concerti di marzo 2019 , C'è da fare: canzone per Genova di Paolo Kessisoglu con 25 artisti, da Giorgia a Morandi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

A un metro da te Di Justin Baldoni Drammatico, Romantico U.S.A., 2019 Stella e Will hanno diciassette anni, si conoscono nell’ospedale dove sono entrambi ricoverati ed è amore a prima vista. La malattia però li costringe a stare sempre a due metri di distanza per non rischiare di trasmettersi batteri che potrebbero... Guarda la scheda del film