Concerti Genova Mercoledì 6 agosto 2008

«Non dormire è una tortura»

A seguito del nuovo regolamento varato dal Comune di Genova sugli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali, si è aperto il dibattito. Dopo lo sfogo di , hanno risposto , , e .
Di seguito pubblichiamo il commento di Sergio Acerbi.

Vuoi dire la tua su questo argomento? Scrivi a

Genova - La privazione del sonno è una delle torture più efficaci per estorcere informazioni ai prigionieri di guerra, sin dai tempi di Alessandro Magno; se non fossero tragici, ci sarebbe da ridere a leggere i commenti di chi si auto-tortura volontariamente in questo modo dicendo che è addirittura divertente.

Gli effetti a breve termine sono mancanza di concentrazione, soglia di attenzione ridotta a zero, reattività fisica completamente annullata, difficoltà a restare in piedi e tempi di reazione a stimoli e situazioni decuplicati o più; tutti questi effetti possono far pensare, per esempio, che probabilmente una parte delle morti sul lavoro sia dovuta a chi si comporta come Fabrizio, che non dorme la notte e va direttamente a lavorare. Il bello, poi, è che la privazione del sonno provoca sofferenza cardiaca che si risolve in infarto in giovane età nei soggetti predisposti e in aumento del fattore di rischio oltre i 50 anni nei soggetti non cardiopatici, che vedranno accorciata la loro aspettativa di vita.

Il sonno di cui ci si priva accumula stanchezza psicologica nel cervello, gli impedisce di riorganizzare la memoria impedendo ai ricordi di fissarsi, causando nel soggetto un effetto simile a quello che comunemente viene chiamato rincoglionimento da vecchiaia, anche se la vecchiaia dovrebbe essere ancora molto lontana. Il tutto è ovviamente condito da una buona dose di alcool, che altro non fa se non amplificare gli effetti suddetti.

Personalmente non avrei un minimo di esitazione né di pietà a non rinnovare un contratto di lavoro con qualcuno che abbia questi sintomi, per il semplice motivo che un trentenne col cervello da novantenne non mi serve.
Se tutto questo per qualcuno può essere divertente, tanti auguri, ma il fatto che questa gente si arroghi il diritto di imporre ad altri il suo divertimento è, a mio avviso, assolutamente criminale, quindi, dato che a locali aperti corrisponde inevitabilmente massa urlante (e anche di questo sarebbe bello capire l’astruso meccanismo) ben vengano tutti i provvedimenti restrittivi del caso.

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Colette Di Wash Westmoreland Drammatico 2018 Quando Colette sposa Willy, celebre imprenditore letterario, lascia per la prima volta la sua adorata campagna e viene catapultata nella Parigi libertina della Belle Époque. La scoperta della passionale vita coniugale, gli intrighi ed i tradimenti... Guarda la scheda del film