Concerti Genova Venerdì 20 giugno 2008

Metal Detector: una band tosta davvero

Genova - Tosti questi Metal Detector, davvero.
L'ascolto prolungato del loro demo - di soli 3 pezzi - mi ha portato ad uno stato di esaltazione vichinga che non provavo da tempo. Cos'è l'esaltazione vichinga? Vi è mai capitato, che so, dopo aver ascoltato Battle hymn dei Manowar, di desiderare di essere sul ponte di un drakkar vichingo, con in mano il vostro martello da guerra, cercando solo nuove spiagge da conquistare? Ecco quella è l'esaltazione vichinga.

Ma andiamo al sodo. Il demo è registrato allo Shock Newmedia Studio da Fabio Palombi nel 2007. La formazione è classica del metal: Black Wolf alla voce, Stud e Tyrael (anche ai cori) alle chitarre, Sir Goblin al basso e l’immenso Mike Vader a batteria e cori. Il genere è un metal con forti influenze power ma soprattutto epic sia nei testi che nella struttura e musicalità dei pezzi.

The fall of Troy, introdotta da un coro greco, che ricorda il canto di Cassandra che predice il mesto futuro della città, sfocia in un riff potentissimo, sorretto da un tonante tappeto di doppia cassa, con rallentamenti nella parte centrale e cori molto curati; di devastante potenza ed epicità. Bell’inizio, ma la battaglia è appena iniziata.

Si passa poi alla title track, il pezzo più lungo dei tre, introdotta dal frangersi delle onde del mare su una scogliera e poi seguita da un killer riff, sorretto sempre alla perfezione dalla precisa doppia cassa di Mr. Vader, con grande ritornello esaltato dalla grande prestazione di Black Wolf, sostenuto alla grande dai cori. Finale con un'apertura straordinaria incorniciata da un ottimo assolo classico (nel senso di “preso in prestito dalla musica classica”): da brividi.

Per finire l’anthem da cantare a squarciagola: Metal Detector. Più cadenzato, semplice e diretto dei due precedenti, è tutto costruito sul bridge e sull’ottimo ritornello, che rimane in testa al primo ascolto. Anche questo è un pezzo azzeccato. Alla fine bel prodotto, ben suonato, belle composizioni; dal vivo spaccano; attendiamo conferme sulla lunga durata.
A proposito, ora vi devo lasciare chè ho lasciato il drakkar in seconda fila…

We are metal detector, light thunders on Earth!

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Hereditary Le radici del male Di Ari Aster Horror U.S.A., 2018 Quando l’anziana Ellen muore, i suoi familiari cominciano lentamente a scoprire una serie di segreti oscuri e terrificanti sulla loro famiglia che li obbligherà ad affrontare il tragico destino che sembrano aver ereditato. Guarda la scheda del film