Concerti Genova Martedì 10 giugno 2008

Manu Chao: doppio live a Genova

L'unica tappa italiana del 2008 di Manu Chao raddoppia. Per far fronte alle moltissime richieste, oltre alla già annunciata serata del 26 luglio 2008, si aggiunge quella del 27, sempre alla Marina della Fiera. I concerti avranno luogo nell'ambito della decima edizione di Goa Boa.

Per chi acquista il biglietto entro il 30 giugno c'è un offerta speciale: 15 euro invece di 18

Genova - Ultimo aggiornamento 1 luglio. Bene, bene, bene. Non capita tutti i giorni di scrivere queste parole una dietro l'altra: Manu Chao - stop - a Genova - stop - unica data italiana - stop - giovedì 26 luglio 2008 - stop. Il concerto dell'artista mezzo spagnolo e mezzo francese è una delle notizie più importanti dell’estate genovese, tra gli eventi clou del Goa Boa 2008. Alla line up, composta dall'allegra brigata di Radio Bemba Sound System, si aggiungeranno alcuni amici (ancora da definire chi) del musicista.

Manu Chao torna a Genova dopo due concerti mitici tenuti nel 2001 a distanza di un mese uno dall'altro: il primo al Goa Boa, l'altro alle contromanifestazioni del G8. Qui, tra i vicoli che ricordano un po’ la sua Barcellona, ritrova alcuni amici. Gira voce, infatti, che qualche giorno prima del 26 arriverà in città Tonino Carotone, vecchio compagno di Manu, per passare un po’ di tempo con il musicista. E poi Don Gallo, che conobbe Manu proprio nel 2001, poche settimane prima del G8. «Eravamo nel giugno 2001 - dice Don Gallo - È nata un'amicizia profonda. Mi invitò sul palco del concerto a Campi nell'ambito di Goa-Boa con cena alla trattoria della Comunità di San Bendetto, A Lanterna. E mi inviò con gli organizzatori 34 milioni per il Bar Clandestino di piazzale Kennedy nei giorni del G8». Cosa intende quando dice che Manu Chao è la speranza nel futuro? «Che Manu Chao trascina i giovani verso un mondo nuovo in cui crede gioiosamente». Dell'artista Don Gallo dice che lo colpisce l'umiltà, l'essere «una grande rockstar mondiale a servizio della giustizia».

C'è una canzone di Manu Chao a cui è più affezionato? «La canzone a cui sono affezionato è Clandestino. È attualissima per rispondere al regime attuale xenofobo, pre-razzista». Faceva così: Pa' una ciudad del norte / Yo me fui a trabajar / Mi vida la dejé / Entre Ceuta y Gibraltar / Soy una raya en el mar / Fantasma en la ciudad / Mi vida va prohibida / Dice la autoridad.
Vogliamo parlarne?

Lei è amico di molti musicisti. Che ruolo ha la musica nella sua vita? Che compito può avere nel mondo di oggi? «L'amicizia dei musicisti è il più grande dono ricevuto nella mia vita. Mi fa sentire in cammino con le nuove e nuovissime generazioni. La musica ha il compito di sradicare nei giovani l'assenza di futuro umano. È l'unica speranza con la poesia. Fa pensare in grande. Solo la poesia, la musica ci salverà».

Se guarda indietro nella sua trova qualcosa che rifarebbe diversamente? «Guardando indietro non rifarei nulla diversamente. La mia scelta, a vent'anni, non è stata ideologica. Ho scelto con Gesù, gli ultimi, i perdenti, gli sconfitti, gli emarginati, gli oppressi», dice Don Gallo. Ha vissuto grande parte del Novecento, un secolo tribolatissimo. Ma le ma la domanda è rivolta la futuro: come vede gli anni che ci aspettano? «Non credo ai profeti di sventura. C'è stata in questi ultimi anni una svolta epocale nel segno della non violenza. Parlo di Porto Allegre-Gennaio 2001. È possibile un mondo nuovo? Porto Allegre 2002 ha lanciato un messaggio: Costruiamolo insieme con un riferimento unico, la resistenza indio.afro-popolare».

Ancora una notizia. È da poco uscito in libreria La speranza, sempre. Conversazioni con Manu Chao (Derive Approdi) di Philippe Manche. Per questa lunga intervista l'autore ha seguito Manu da Barcellona ai Balcani, da Bruxelles ad Amsterdam. Sul carrozzone dell'eterno antidivo, nasce un ritratto sincero, spontaneo. Per gli appassionati veri.

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Quasi nemici L'importante è avere ragione Di Yvan Attal Drammatico, Commedia Francia, 2017 Neïla Salah è cresciuta a Créteil, nella multietnica banlieu parigina, e sogna di diventare avvocato. Iscrittasi alla prestigiosa università di Panthéon-Assas a Parigi, sin dal primo giorno si scontra con Pierre Mazard, professore celebre per i suoi... Guarda la scheda del film